Frasi e aforismi sull’alcool e il bere

Frasi e aforismi sull’alcool e il bere, scritti da Fabrizio Caramagna. Tra i temi correlati Frasi e aforismi sull’ubriachezza, Frasi e aforismi sul vino, Frasi e aforismi sullo spritz e Frasi e aforismi sulla birra.

**

Frasi e aforismi sull’alcool e il bere

Le due “o” di alcool non sono nel posto giusto. Sono talmente ubriache che si sono scambiate la posizione.
(Fabrizio Caramagna)

Ad ogni problema c’è una soluzione.
E per soluzione si intende alcolica.
(Fabrizio Caramagna)

Mezzo pieno o mezzo vuoto.
Poco conta.
L’importante è poterlo riempire.
E bere con chi dico io.
(Fabrizio Caramagna)

Fatemi annegare in un mojito, che in un bicchiere d’acqua non ci trovo più gusto.
(Fabrizio Caramagna)

La soluzione giusta al bicchiere mezzo vuoto è ordinare un’altra caipirinha.
(Fabrizio Caramagna)

La birra non è la soluzione ai problemi ma alcool + malto + luppolo + lievito è una soluzione perfetta.
(Fabrizio Caramagna)

Oggi ho bisogno di versarmi in un bicchiere di alcool.
(Fabrizio Caramagna)

Quante volte a settimana si può bere lo spritz e perché proprio sette?
(Fabrizio Caramagna)

Ci sono persone che bevono solo in circostanze molto speciali. Ma considerano speciali tutte le circostanze in cui bevono.
(Fabrizio Caramagna)

Vi siete mai chiesti quale incantesimo c’è nell’alcool per farti sentire così felice e leggero e poi così in colpa solo per il fatto di esistere.
(Fabrizio Caramagna)

A volte uno beve perché è da solo e ha bisogno di avere qualcosa da raccontare tra sé e le sue labbra.
(Fabrizio Caramagna)

Voglio un mojito al gusto di temporale.
(Fabrizio Caramagna)

Mai ora fu tanto felice come l’ora consacrata a bere lo spritz,
calice rosso di ghiaccio e arancio che spegne l’incendio del giorno.
(Fabrizio Caramagna)

Nel mio cocktail ideale ci metterei il rosso di Marte, un anello di Saturno, tutto il ghiaccio di Urano e una spolverata di stelle.
(Fabrizio Caramagna)

Portami al mare, ho voglia di quel locale estivo, del mojito sulla sabbia, di camminare a piedi scalzi per andare a vedere com’è bello l’inaspettato.
(Fabrizio Caramagna)

Amiamo le donne giovani, beviamo i vini invecchiati.
(Fabrizio Caramagna)

Non è vero aperitivo con gli amici se, mentre inizi a bere il secondo giro, non ordini già il terzo.
(Fabrizio Caramagna)

Io non ho il cane che mi accoglie in casa. Ho il prosecco che mi fa le feste, e più o meno è lo stesso.
(Fabrizio Caramagna)

Ci vuole calma e prosecco freddo.
(Fabrizio Caramagna)

Se la realtà non ti convince prova con un’altra birra bionda.
(Fabrizio Caramagna)

Lo champagne è il meno umile e discreto degli alcolici. Appena stappato deve sparare il tappo in aria e riversare tutta la sua schiuma.
(Fabrizio Caramagna)

Di bene in Magnum.
(Fabrizio Caramagna)

Non è ubriacatura.
E’ più un allenamento intensivo per la mia immaginazione.
(Fabrizio Caramagna)

Il futuro ho deciso di farmelo raccontare da un Martini.
(Fabrizio Caramagna)

Ci vorrebbe una persona all’improvviso, una coincidenza e un invito, qualcosa da bere, flirtare piano e poi sparire insieme nella notte.
(Fabrizio Caramagna)

Dimmi come mi versi da bere e ti dirò quanto ti amo.
(Fabrizio Caramagna)

Da bere prendo i tuoi occhi.
(Fabrizio Caramagna)

Quando sono ubriaco farfuglio qualcosa nel linguaggio della Galassia di Andromeda.
(Fabrizio Caramagna)

Che cosa potrei trovare nell’alcool che non abbia già dimenticato in un’altra bevuta?!
(Fabrizio Caramagna)

Un whisky e lo stomaco che brucia. Fumo di una sigaretta, la mente confusa da troppi umori e una musica ad interpretare il caos.
(Fabrizio Caramagna)

Gli alcolizzati continuano a scolare la bottiglia come se sul fondo ci fosse depositata chissà quale verità.
(Fabrizio Caramagna)

Prima di un bicchiere l’alcolizzato non è niente e dopo è tutto fuorché se stesso.
(Fabrizio Caramagna)

Nell’alcol ci si disfa del proprio vecchio Io, ma il nuovo tarda ad arrivare.
(Fabrizio Caramagna)

Un bicchiere di troppo, una tristezza di troppo, e un giorno in meno da vivere.
(Fabrizio Caramagna)

Inghiotto questo tormento insieme a un bicchiere di whisky e poi torno a vagabondare nella mancanza di te.
(Fabrizio Caramagna)

La dipendenza è il segno di questi anni: dipendenza dal cibo, dall’alcool, dalle droghe, dal gioco, dai farmaci, dalla bellezza, dalle abitudini, dagli oggetti, dai soldi, persino dall’amore. E’ difficile trovare qualcosa da cui non siamo dipendenti.
(Fabrizio Caramagna)

Una volta a distrarci c’erano solo l’alcool, i viaggi, le feste, gli amori, i film, i sogni. Ogni queste distrazioni si sono moltiplicate. Ci sono distrazioni dovunque. E’ impossibile liberarsene. Così è crollata l’attenzione e la capacità di pensare ed è aumentata l’aggressività e l’insoddisfazione.
(Fabrizio Caramagna)

La Y fa venire voglia di bere uno champagne.
(Fabrizio Caramagna)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.