Frasi e Aforismi

Frasi e aforismi sul mare

Frasi e aforismi sul mare, scritti da Fabrizio Caramagna. Tra i temi correlati Frasi e aforismi sulle onde.

Il mare è l’unico essere infinito che si pone umilmente ai nostri piedi, senza mai perdere una briciolo della sua grandezza.
(Fabrizio Caramagna)

La vita non la misurai in anni, ma in strade, ponti, montagne, chilometri che mi separavano ogni volta dal mare
(Fabrizio Caramagna)

D’estate le mani del vento muovono invisibili fili nell’aria, che uniscono le onde, i capelli, i pensieri.
(Fabrizio Caramagna)

Che, poi, io il mare lo ascolterei all’infinito. A tutto volume. Con gli occhi piantati sul soffitto del cielo. A immaginarmi la vita.
(Fabrizio Caramagna)

Quando sono al mare, la mia vita è finalmente vuota e leggera.
Non devo dimostrare più niente a nessuno.
Quando entro in acqua il mare conosce tutte le mie debolezze e non le giudica.
Io racconto, lui ascolta. Io lo guardo, lui si fa guardare.
Mentre sono dentro l’acqua e nuoto verso l’orizzonte,
sento che il tempo per un attimo ha lasciato la sua presa,
sento che l’universo mi lascia fare e non mi chiede nulla,
sento che tutte le anime che sono stato mi vengono a trovare
e mi portano al largo, dove l’acqua è più luminosa
e il mondo è ancora buono.
(Fabrizio Caramagna)

Al mare sei nella luce più grande che si possa avere.
Apri la mano e chiudila.
Sentirai la vibrazione di mille possibilità
e il cielo che ride della tua gioia
(Fabrizio Caramagna)

Quella felicità che sopraggiunge dopo essere usciti dall’acqua del mare.
Una sospensione del tempo.
Un attimo ingrandito e riscaldato dal sole.
Il moto del cielo che si ferma e l’universo che ci guarda con stupore.
(Fabrizio Caramagna)

Nessuna casa dovrebbe essere senza vista sul mare. Ogni casa dovrebbe appartenere al vento e alle onde. Il mare e la casa dovrebbero vivere insieme per sempre, come due fanciulli che si siedono uno di fronte all’altro e si confidano i loro segreti.
(Fabrizio Caramagna)

Lo senti il rumore del mare,
quella voce riconoscibile che si infrange sulla riva.
Te la spiega in un attimo, la vita.
(Fabrizio Caramagna)

Potremmo fermarci qui, ad aspettare il tramonto da questa terrazza sul mare. La brezza leggera. I pensieri che si intrecciano tra le dita e i tuoi capelli mossi. Il collo scoperto e io che sorrido.
(Fabrizio Caramagna)

E’ arrivata l’estate.
La luce si è fatta incredibilmente forte.
E milioni di strade, a un tratto, hanno chiesto dov’è il mare.
(Fabrizio Caramagna)

Ho passato la giornata a medicarmi le ferite con i raggi del sole.
Ho passato il pomeriggio a cancellare la mia infelicità con l’acqua salata.
Ho passato la sera a togliere le paure dalla mente, mettendovi dentro stelle e canzoni.
Se qualcuno mi chiede come ho passato la mia giornata al mare, io rispondo: “A guarire”.
Perché nient’altro al mondo mi guarisce come il mare.
(Fabrizio Caramagna)

Guardare il mare di notte come si guarda una madre che dorme. Avere cura di ogni suo respiro. Imparare a udire quel suo fiato che sembra dire “Apriti alle cose e sogna”.
(Fabrizio Caramagna)

Il mare mi prepara una culla di azzurro con merletti di cielo e io mi immergo e so che ogni volta rinasco.
(Fabrizio Caramagna)

Mi domando che cosa manca alla vita quando in una notte d’estate l’alito delle stelle apre le finestre e vi butta dentro il profumo del mare.
(Fabrizio Caramagna)

Al mare la felicità è piena di spazio. Il cielo si muove in continuazione. Le onde filano il tempo.
Respirare aria e salsedine è una occupazione a tempo pieno.
(Fabrizio Caramagna)

D’estate, al risveglio, invece di leggere le informazioni su una smartphone, leggerle su un altro schermo piatto: il mare.
(Fabrizio Caramagna)

Ogni volta davanti al mare mi apro ai regali dell’aria, e i colori e le forme e le vibrazioni mi entrano ed escono dal petto con la stessa facilità con cui attraversano una finestra.
(Fabrizio Caramagna)

Poche persone sono capaci di venirti a cercare dove sei veramente. Per questo amo il suono delle onde. Loro sanno sempre dove sei.
(Fabrizio Caramagna)

E’ sempre il mare a lavare le strisce di tutti i miei dubbi, le orme inutili lasciate dal mio camminare, i fili sottili delle abitudini che mi invischiano. Ogni volta mi dona energia e la chiave per riaprire le forme del mondo.
(Fabrizio Caramagna)

Del mare amo la vastità, quel suo seminare e liberare nell’aria respiri e richiami di libertà.
E ogni volta so che l’ormeggio dal mondo si scioglie appena entro nelle sue acque, che il viaggiare a bracciate verso l’orizzonte è l’inizio di qualcosa di nuovo.
(Fabrizio Caramagna)

Io voglio perdermi
tra i tuoi pensieri
nel modo in cui ascolti il mare
mentre ti addormenti.
(Fabrizio Caramagna)

Vieni, ti porto al largo dove non si tocca.
Dove solo il cielo e la meraviglia ti toccano.
(Fabrizio Caramagna)

Al mare si va per visitare il cielo o per guardare sott’acqua. Ci si toglie gli abiti della città e ci si veste di aria e acqua e vento. Si cambia il respiro e si entra felici nelle ore senza saltarne neppure una.
(Fabrizio Caramagna)

Il mare è per me un libro dove imparo che sono vivo.
Hai presente un quaderno di fogli azzurri, paragrafi di vento e note di aria pura?
Ecco, io leggo attentamente questo quaderno e la precisione con cui mi insegna a vivere,
quasi mi abbaglia.
(Fabrizio Caramagna)

Mi chiedo chi conforta il mare quando è in burrasca
e le sirene cercano un rifugio in qualche faro abbandonato.
(Fabrizio Caramagna)

Che spettacolo il mare mosso. Prima sono onde grandi e tutte diverse, e qualcuna sembra una creatura mostruosa tanto è alta. Poi le onde diventano meno grandi, perdono la schiuma per strada, si abbassano quasi a misurare il fondo. Poi sono ancora onde, ma sono stanche, esauste, e la schiuma è solo un soffio. Poi hanno quasi paura di arrivare a riva, diventano onde buone, gentili, educate.
(Fabrizio Caramagna)

Quante volte ho nuotato dentro gli occhi del mare e ho visto i suoi sogni. Una volta un’onda ha attaccato un carro a una nuvola e si è fatta portare oltre l’universo. Quando torno a riva, so di aver lasciato qualcosa di indicibile.
(Fabrizio Caramagna)

Vedere le onde e avere la certezza che sono state offerte da qualcosa di eterno che tende la mano fino a noi per dirci: “Ho bucato il muro del nulla per venire fino da te”.
(Fabrizio Caramagna)

Sdraiarsi sulla sabbia del mare d’inverno, aprire le mani al sole e lasciare evaporare l’identità.
(Fabrizio Caramagna)

Un amore nato in una giornata di vento e mare, e perciò destinato a essere irrazionale, pieno di passione e leggerezza, possesso e abbandono, oltre che di incoscienza e profumo di peccato e una luce sempre sul punto di svanire.
(Fabrizio Caramagna)

Quando lasciamo il mare non lo lasciamo mai del tutto. La sua luce resta impigliata nei capelli, nelle sfumature della voce, nella morbidezza della pelle. Devono passare alcuni giorni prima di perderlo per sempre.
(Fabrizio Caramagna)

Frasi e Aforismi

Frasi e aforismi sull’autunno

Frasi e aforismi sull’autunno scritti da Fabrizio Caramagna.

AutunnoT1

Tra tutte le foglie dell’autunno so riconoscere l’unica che, invece di cadere, ha provato a volare.
E so anche innamorarmene.
(Fabrizio Caramagna)

Tornerà l’autunno, quello vero. La tazza di tè fumante, l’odore di castagne, le foglie stanche della stanchezza giusta, i compiti dei figli da finire, le malinconie che tornano da chissà dove e io che infilo un cappotto e vado a chiedere al cielo come sta.
(Fabrizio Caramagna)

Davanti a una vigna matura che te ne fai di una forma e di un nome. Lascia fuori l’ingombro dei pensieri. Entra dentro, scavalca con pochi passi gli ultimi frammenti d’estate, segui i filari e apriti ai colori rubicondi dell’autunno, come se fossi una sola cosa con loro
(Fabrizio Caramagna)

Al mare, verso fine settembre capita che arrivi una folata di vento più fredda.
Il cielo impallidisce un attimo e poi tutto si riaccende.
Quasi nessuno lo nota.
Bisogna essere malati di mare e di luce per accorgersene.
Chi vede questo, sa che la stoffa dell’estate si è bucata irrimediabilmente
e l’autunno sta per arrivare.
(Fabrizio Caramagna)

Che l’autunno si avvicina lo sento dal turbamento delle foglie, dal modo incerto in cui scende la luna, dal freddo che al mattino corre sulle mani. Se l’autunno mi chiedesse la strada per arrivare fin qui, gli darei una falsa indicazione.
(Fabrizio Caramagna)

Siediti qui, vicino alle mie paure di perdere tutto,
aspettiamo che sia l’autunno a fare la prima mossa.
(Fabrizio Caramagna)

I cieli d’estate sono ampi e luminosi
e non vogliono finire mai,
però poi finiscono,
e il buio si allunga sulla terra
e a me viene una nostalgia che mi apre il cuore,
e ottobre se ne sta in disparte e guarda
e non dice mai niente.
Mai una volta che dica:
“Va bene, per quest’anno vi lascio l’estate”.
(Fabrizio Caramagna)

Le finestra restò tutta la notte aperta. Alcune onde entrarono e scivolarono sul muro, una stella si appese alle tende e una musica lontana si adagiò sulle lenzuola. Poi all’alba entrò un’aria più fredda e si portò via l’estate…
(Fabrizio Caramagna)

Io non c’ero quando è arrivato l’autunno e se c’ero stavo provando a sparire dentro un campo di girasoli.
(Fabrizio Caramagna)

La memoria dell’albero: se la porta con sé l’ultimo uccello che vola via in autunno.
(Fabrizio Caramagna)

Frasi e Aforismi

Frasi e aforismi sulla noia

Frasi e aforismi sulla noia, scritti da Fabrizio Caramagna. Tra i temi correlati Frasi e aforismi sul tempo.

La noia è un rumore sordo di secondi che non si incontrano mai, di ore che i minuti non riescono a riempire, di calendari che lanciano in aria giorni grigi e senza mai un colore
(Fabrizio Caramagna)

La noia respinge ogni patto con la meraviglia e l’imprevedibile, il primo a rimetterci è il desiderio.
(Fabrizio Caramagna)

Ed è così la noia. Ci sono ore che zittiscono le altre. E tu aspetti di nuovo il tempo che pulsa luminoso e non sai quando le lancette te lo riporteranno.
(Fabrizio Caramagna)

Sul web.
Ci si incontra, ci si riconosce, ci si apre, ci si intreccia, ci si mescola e si dilaga l’uno nel cuore dell’altro.
A volte bastano pochi minuti. Poche email.
Poi arriva il vuoto, la noia, l’incapacità di impegnarsi che inghiotte e polverizza tutto.
E si ricomincia daccapo, con qualcun altro.
(Fabrizio Caramagna)

Se ti cerca solo di sera, chiediti che cosa fa durante il giorno.
Forse è un lupo a te devoto che ha bisogno di spazi e libertà,
o forse è semplicemente un gatto annoiato
che quando la luna mostra i suoi riflessi più luminosi
ha bisogno di un giochino con cui passare il tempo.
(Fabrizio Caramagna)

Frasi e Aforismi

Frasi e aforismi sul mese di ottobre

Frasi e aforismi sul mese di ottobre, scritti da Fabrizio Caramagna. Tra i temi correlati Frasi e aforismi sulle foglie e Frasi e aforismi sull’autunno.

A ottobre
mi piace appoggiare le orecchie sulla sabbia del mare
come su un binario addormentato.
Si sente ancora il rumore dell’estate che si allontana,
quello dell’autunno che sopraggiunge veloce.
(Fabrizio Caramagna)

Ottobre è un mese perfetto per fare progetti.
C’è quella temperatura che matura ogni cosa: le vigne, i colori e i pensieri.
(Fabrizio Caramagna)

Ottobre: una fanciulla lancia in cielo la sua anima piena di luce e un tiratore in agguato la polverizza in migliaia di colori rossi e gialli e marroni
(Fabrizio Caramagna)

Tra tutte le foglie dell’autunno so riconoscere l’unica che, invece di cadere, ha provato a volare. E so anche innamorarmene.
(Fabrizio Caramagna)

Frasi e Aforismi

Frasi e aforismi su Napoli

Frasi e aforismi su Napoli, scritti da Fabrizio Caramagna. Tra i temi correlati Frasi e aforismi su Capri e la costiera amalfitana.

 

Napoli ha un cuore grande e accogliente, colori vivi che disegnano l’orizzonte e mani generose che sanno darti la carezza che hai sempre sognato.
(Fabrizio Caramagna)

Napoli è un grande teatro dove ognuno recita un ruolo. C’è il personaggio drammatico, quello tragico e quello comico. Ma attenzione, questo non ha nulla a che fare con la finzione o con l’ipocrisia. Ognuno mette in scena uno spettacolo di se stesso. Ogni persona è un’opera d’arte vivente. In un vicolo un signore in giro in vespa suonava a ogni angolo. Non suonava per una questione di sicurezza, ma suonava perché era attore all’interno di uno spettacolo. Non c’è vetrina di negozio o vicolo di Napoli che non abbia elementi di colore e creatività e fantasia. Quelli che dicono che Napoli è rumorosa non hanno capito che non è rumore ma colonna sonora a uno spettacolo che elabora continuamente se stesso. Alcuni signori anziani di Napoli parlano con una voce roca. È la voce di un artista che ha stancato le corde vocali recitando tutta la vita un personaggio a teatro.
(Fabrizio Caramagna)

Frasi e Aforismi

Frasi e aforismi su Capri e la costiera amalfitana

Frasi e aforismi su Capri e la costiera amalfitana, scritti da Fabrizio Caramagna. Tra i temi correlati Frasi e aforismi su Napoli e Frasi e aforismi sul mare.

Se Dio non avesse fatto Capri, quanto imperfetta sarebbe la sua opera!
(Fabrizio Caramagna)

Persino il cielo trattiene il fiato quando vede i Faraglioni di Capri.
(Fabrizio Caramagna)

La costiera amalfitana è una terrazza sull’infinito.
(Fabrizio Caramagna)

La costiera amalfitana non è solo un luogo, ma uno stato d’animo che ti si tatua nella memoria.
(Fabrizio Caramagna)

La costiera amalfitana è limoni e aranceti, scogliere frastagliate e spiaggette solitarie, borghi di pescatori color pastello e case incastrate tra la roccia, monasteri medievali e terrazze.
(Fabrizio Caramagna)

La costiera amalfitana prouma di limoni, di mare e di infinito
(Fabrizio Caramagna)

Salire le scale che portano al Duomo di Amalfi è come rinascere più volte e mai allo stesso modo.
(Fabrizio Caramagna)

Si fanno più viaggi girando per i viottoli di Amalfi che visitando intere nazioni.
(Fabrizio Caramagna)

Frasi e Aforismi

Frasi e aforismi sul diamante

Frasi e aforismi sul diamante scritti da Fabrizio Caramagna. Tra i temi correlati Frasi e aforismi sulla perla e Frasi e aforismi sui sassi e le pietre.

Un diamante. Ogni faccia sembra tagliata dalle mani di uno scultore invisibile, che lavora una materia di pietra, luce e mistero.
(Fabrizio Caramagna)

La luce del diamante è l’anima rubata alla stelle.
(Fabrizio Caramagna)

Un diamante trasforma la luce in incanto,
l’amore in stupore.
(Fabrizio Caramagna)

I riflessi del diamante aprono porte sull’invisibile.
(Fabrizio Caramagna)

Chi riconosce una calendula nel prato.
Non chi esibisce diamanti falsi.
(Fabrizio Caramagna)

Frasi e Aforismi

Frasi e aforismi sul temporale

Frasi e aforismi sul temporale scritti da Fabrizio Caramagna. Tra i temi correlati Frasi e aforismi sulla tempesta e Frasi e aforismi sulla pioggia.

Portami dove nascono gli uragani e poi arrivano gli arcobaleni più belli. E’ lì che ti voglio amare.
(Fabrizio Caramagna)

Il temporale è un tipo burbero ma educato, prima si annuncia con fragore di lampi e tuoni alternati, poi per farsi perdonare apre una scatola magica e ne estrae un nastro pieno di colori, il nastro più bello che si sia mai visto al mondo, l’arcobaleno.
(Fabrizio Caramagna)

Ho imparato ad amare i temporali, il rumore delle serrande sbattute dal vento, il ticchettio della pioggia sui vetri, le folate di vento che spazzano via foglie e abitudini. Mi piace pensare che siano i miei cari scomparsi che ridono e scherzano, che hanno trovato un modo per tornare, per comunicare con me.
(Fabrizio Caramagna)

T’ascolterei come si ascolta un temporale dopo mesi di aridità, facendo attenzione a non perdere neanche una goccia di pioggia.
(Fabrizio Caramagna)

Le folate di vento che si infilano sotto la finestra. Vengono a lamentarsi e a dirci quanto sia scortese il temporale.
(Fabrizio Caramagna)

Frasi e Aforismi

Frasi e aforismi sul basilico

Frasi e aforismi sul basilico, scritti da Fabrizio Caramagna. Tra i temi correlati Frasi e aforismi sui fiori e Frasi e aforismi sulla Liguria.

Mi piacciono i dettagli.
Lo zucchero a velo sulla torta, il basilico nel sugo, il bottone sul polsino…
Non sono l’essenziale, ma fanno la differenza.
(Fabrizio Caramagna)

Più che la salsedine, la crema sulla pelle, l’anguria e la grigliata, il fresco della notte –
il profumo dell’estate è in una foglia di basilico.
(Fabrizio Caramagna)

– Dove sei?
-In una terra che sa di basilico e mare, le colline sembrano voler sfiorare le nuvole e i colori sono pennellate di luce e incanto.
(Fabrizio Caramagna)

Frasi e Aforismi

Frasi e aforismi sull’attimo e l’istante

Frasi e aforismi sull’attimo e l’istante, scritti da Fabrizio Caramagna. Tra i temi correlati Frasi e aforismi sul tempo e Frasi e aforismi sull’eternità.

Avrei voluto essere capace di fermarli così com’erano, certi momenti. Come quegli aquiloni che restano sospesi per lunghissimi istanti nel cielo e sembra che nessun vento, nessuna tempesta riesca a portarli via.
(Fabrizio Caramagna)

Un istante sospeso, una bolla di colori delicati, uno stupore e un senso di allegria improvvisa. E ti viene di proteggerlo quell’istante, come se fosse un sogno.
(Fabrizio Caramagna)

Che maledetto vizio ha l’eternità. Ha migliaia di secoli a disposizione,
e va sempre a nascondersi dentro un istante.
(Fabrizio Caramagna)

L’eternità, se messa dentro un istante, sembra ancora più grande.
(Fabrizio Caramagna)

A certi istanti non si può aggiungere niente, se non altri istanti che li ricopino quasi al millimetro.
(Fabrizio Caramagna)

Oggi il presente ha steso un lenzuolo di luce davanti a me, e non c’è nessuna increspatura né grinza, nessun millimetro che scopra i bordi e mostri le pieghe del passato o del futuro. E’ tutto come se fosse luminosamente adesso.
(Fabrizio Caramagna)

Sul palmo dell’istante brillano i fiori della felicità.
(Fabrizio Caramagna)

A volte dobbiamo torcere e disfare il tempo e lo spazio
e i calendari, i progetti e le distanze
per poter stare vicino a qualcuno,
solo per la durata di un attimo.
Quando Alice chiese “per quanto tempo è per sempre”,
il Bianconiglio rispose “A volte solo un attimo”.
Per questo lottiamo e viviamo e ci spostiamo.
Solo per quell’attimo e per nient’altro.
(Fabrizio Caramagna)

I singoli istanti possono regalarci una felicità che vibra nell’universo anche per migliaia di anni
(Fabrizio Caramagna)

Quest’oggi – per un istante – un’esplosione, un attimo di felicità eterna, prima di ritornare nel Tempo, nella fissità delle abitudini, come un insetto imprigionato nell’ambra
(Fabrizio Caramagna)

Ho questa teoria: gli attimi di felicità che non viviamo, li vive qualcun altro nel mondo. Può essere una persona ma anche una foglia o una farfalla
(Fabrizio Caramagna)

In amore, all’inizio gli istanti sembrano magici, poi sembrano solo istanti e poi alla fine non sembrano più niente. E’ come soffiarsi sul palmo della mano, e sulla mano non c’è nulla. E’ sparita ogni illusione.
(Fabrizio Caramagna)

A volte più che l’attimo è quel momento subito dopo che bisognerebbe cogliere.
(Fabrizio Caramagna)

Frasi e Aforismi

Frasi e aforismi sul bivio e l’incrocio

Frasi e aforismi sul bivio e l’incrocio, scritti da Fabrizio Caramagna. Tra i temi correlati Frasi e aforismi sulla strada e Frasi e aforismi sugli incontri e l’incontrarsi.

Incontriamoci
dove vuoi tu.
All’angolo del vento,
sul muretto dei sorrisi,
all’indirizzo dei nostri cuori,
all’incrocio di noi due.
(Fabrizio Caramagna)

Sei tutte quelle volte in cui la paura si arrende,
Sei quel bivio dove non c’è altra direzione che verso la luce,
sei quel vento dove tutto si compone anche se i pezzi sono sparsi ovunque.
(Fabrizio Caramagna)

Aspettami là, all’incrocio del destino, dove ci sono sogni, respiri e nuove strade che chiedono di essere percorse: sarà il posto giusto per tenerci per mano.
(Fabrizio Caramagna)

L’eterno bivio tra lo stare nell’ombra che ci è assegnata e l’uscire fuori dal suo asse. Tra il ripiegarsi e l’aprirsi all’altrove. Tra il punto e l’orizzonte.
(Fabrizio Caramagna)

C’è troppo mondo, troppe strade, troppi incroci per chi vorrebbe non essere da nessuna parte.
(Fabrizio Caramagna)

Frasi e Aforismi

Frasi e aforismi sui tatuaggi

Frasi e aforismi sui tatuaggi, scritti da Fabrizio Caramagna. Tra i temi correlati Frasi e aforismi sull’arte.

I tatuaggi sono i segni visibili dell’anima. Qualcosa che uno si fa incidere tra la pelle e il cielo.
(Fabrizio Caramagna)

I tatuaggi sono ciò che vuoi far vedere al mondo.
Le cicatrici sono ciò che il mondo ha deciso di far vedere di te.
(Fabrizio Caramagna)

Una sera arriva Nostalgia e ti sfiora la spalla. Ha mani leggere e un tatuaggio sul polso.
(Fabrizio Caramagna)

Frasi e Aforismi

Frasi e aforismi sul balcone e la terrazza

Frasi e aforismi sul balcone e la terrazza, scritti da Fabrizio Caramagna. Tra i temi correlati Frasi e aforismi sul tetto e Frasi e aforismi sulla casa.

Potremmo fermarci qui, ad aspettare il tramonto da questa terrazza. La brezza leggera. I pensieri che si intrecciano tra le dita e i tuoi capelli mossi. Il collo scoperto e io che sorrido.
(Fabrizio Caramagna)

Una terrazza, il vento, un tavolo, dei bicchieri, le parole che corrono. Certe sere sanno stare tutte in un respiro.
(Fabrizio Caramagna)

Nessuna casa dovrebbe essere senza vista sul mare. Ogni casa dovrebbe appartenere al vento e alle onde. Il mare e la casa dovrebbero vivere insieme per sempre, come due fanciulli che si siedono uno di fronte all’altro e si confidano i loro segreti.
(Fabrizio Caramagna)

Prendi una serata qualsiasi e mettici un terrazzo, un pezzo di cielo e qualcosa da bere.
Ed è subito magia.
(Fabrizio Caramagna)

La casa era piccola, con le pareti bianche e un balcone di legno blu e stava tra la luna e il mare e l’aria.
Di sera, sapeva di basilico e salsedine e piccoli peccati e lei aveva i capelli biondi e l’incostanza del vento.
(Fabrizio Caramagna)

Sto leggendo in balcone ma sul balcone non c’è una lampada e tra poco tutto diventerà viola e poi indaco e poi sarà buio, nero e denso, e sarà esattamente quello l’attimo in cui avrò nostalgia delle lucciole e delle corse sotto le stelle e del mio sguardo di bambino e delle cose che potevano essere e non sono state.
(Fabrizio Caramagna)

Quando sono in città esco sul balcone e guardo in alto e non vedo le stelle e nemmeno la luna. Non vedo neanche il cielo, come se fosse stato coperto da qualche mano sporca. Tutto è velato dai riflessi di una luce grigia e smorta.
Così mi metto a sognare uno scontro tra le costellazioni, tipo il Grande Carro e Andromeda, chissà che esplosione di stelle cadenti lassù sopra la città.
(Fabrizio Caramagna)

Frasi e Aforismi

Frasi e aforismi sul mese di settembre

Frasi e aforismi sul mese di settembre, scritti da Fabrizio Caramagna. Tra i temi correlati Frasi e aforismi sull’autunno.

C’è un clima malinconico stasera.
Il fresco accarezza il caldo,
e nell’aria c’è già l’idea di settembre.
(Fabrizio Caramagna)

Ciao estate che lentamente scivoli via da settembre; mi ricordi chi, allontanandosi di schiena, sorride ancora.
(Fabrizio Caramagna)

Settembre assomiglia all’ora più bella del giorno, sospesa com’è tra il buio e la luce.
(Fabrizio Caramagna)

Oggi l’estate dorme come una principessa in un castello incantato. Ho provato a sfiorare le sue mani, a sciogliere le trecce dorate, poi sono arrivate le guardie dell’autunno e ho capito che era tutto finito per sempre.
(Fabrizio Caramagna)

Settembre. Hai attraversato molte stanze e ora sei nell’ultima sala illuminata da una luce più fredda, e ti giri indietro e non vedi più l’estate
(Fabrizio Caramagna)

A settembre, c’è nell’aria una strana sensazione che accompagna l’attesa. E ci rende felici e malinconici. Un’idea di fine, un’idea di inizio.
(Fabrizio Caramagna)

Arriva settembre.
E tu all’improvviso sei orfano del mare, di preghiere lasciate tra le pagine di un libro letto nell’aria dell’estate, di promesse immaginate e di canzoni che si perdono nella notte.
(Fabrizio Caramagna)

Al mare, verso fine settembre capita che arrivi una folata di vento più fredda.
Il cielo impallidisce un attimo e poi tutto si riaccende.
Quasi nessuno lo nota.
Bisogna essere malati di mare e di luce per accorgersene.
Chi vede questo, sa che la stoffa dell’estate si è bucata irrimediabilmente
e l’autunno sta per arrivare.
(Fabrizio Caramagna)