Frasi e Aforismi

Frasi e aforismi sui fiori di pesco

Frasi e aforismi sui fiori di pesco, scritti da Fabrizio Caramagna. Tra i temi correlati si veda Frasi e aforismi sui fiori e Frasi e aforismi sulla primavera.

Ci vorrebbe una panchina all’ombra dei fiori di pesco, un attacco di pianoforte e un respiro da non dimenticare.
(Fabrizio Caramagna)

Ogni fiore che sboccia ci ricorda che il mondo non è ancora stanco dei colori.
(Fabrizio Caramagna)

I fiori di pesco sono simili a grandi coriandoli di neve profumata, talvolta striati di un rosa tenue.
(Fabrizio Caramagna)

Che voglia di entrare dentro una tempesta di fiori di pesco.
(Fabrizio Caramagna)

Frasi e Aforismi

Frasi e aforismi sull’errore e lo sbaglio

Frasi e aforismi sull’errore e lo sbaglio, scritti da Fabrizio Caramagna. Tra i temi correlati Frasi e aforismi sulla fragilità.

Il momento che segue l’errore è cruciale.
Puoi continuare a difendere quello che eri. O capire chi sei.
(Fabrizio Caramagna)

La maggior parte dei miei errori sono persone
che non erano mai dove promettevano di essere.
(Fabrizio Caramagna)

Tu fai gli errori, e gli errori fanno te
(Fabrizio Caramagna)

Non guardarmi soltanto quando sogno. Quando sorrido. Quando apro finestre nel cielo e guardo cosa c’è oltre.
Guardami mentre inciampo e cado. Quando combatto e sbaglio. Guardami quando ho paura. Quando il buio sta per arrivare.
Allora sì, potrai dire chi sono.
(Fabrizio Caramagna)

È questo intreccio di bianco e nero, di bene e male,
di fragilità e meraviglia, di desiderio e disincanto,
di rinuncia e di “vorrei qualcosa di impossibile”.
È questo intreccio che ci confonde,
e ci fa sentire più sbagliati di tutti gli sbagliati e più vivi di tutti i vivi.
(Fabrizio Caramagna)

Delle onde mi piace il loro fragore. Quel sovrastare la voce dell’universo quando prova a ricordarmi tutti i miei errori.
(Fabrizio Caramagna)

Per fare una creatura, la natura ne fa un mucchio. La natura sbaglia tantissimo. I pezzi sbagliati – come i dinosauri, gli squali megalodonti, gli artropodi giganti – li butta nella spazzatura. Ma quelli che restano dopo secoli, sono animali splendidi come il leone, il cobra, la farfalla.
(Fabrizio Caramagna)

Al mare non c’è un solo errore.
Niente da correggere nella traiettoria delle onde che si frangono sulla riva,
nelle storie raccontate dalle conchiglie,
nel vento che dà direzione alle nuvole e ai capelli.
E così anche i miei pensieri più confusi si allineano
e non c’è un solo battito del mio cuore che
non finisca per stare nel punto esatto in cui deve stare.
(Fabrizio Caramagna)

Non c’è un solo errore di ortografia nella fioritura del glicine. I suoi rami sanno sempre come arrampicarsi, come scrivere righe di inchiostro viola sui muri.
(Fabrizio Caramagna)

Frasi e Aforismi

Frasi e aforismi sui sassi e le pietre

Frasi e aforismi sui sassi e le pietre, scritti da Fabrizio Caramagna.

Le pietre respirano. Una volta ogni mille anni e la nostra vita è troppo breve per accorgersene
(Fabrizio Caramagna)

A volte mi sento come un sasso scagliato che rimbalza sull’acqua, convinto di saper volare e inconsapevole che prima o poi dovrà inabissarsi.
(Fabrizio Caramagna)

Una pietra messa qui nello spazio dalla mano di un altro. Superstite di quale movimento?
(Fabrizio Caramagna)

Se potessi entrare per qualche istante nel regno minerale. Mi vestirei con sobrietà al matrimonio delle pietre, scivolerei dentro la clessidra insieme ai granelli di sabbia, imparerei dalla roccia a stare imperturbabile sotto il sole e la pioggia, ammirerei la luce del diamante. Ma una cosa vorrei fare più di tutte: incontrare la grafite e chiederle quali sono le parole più belle che sono passate sotto la sua matita.
(Fabrizio Caramagna)

Tutte le rovine sono belle da guardare. Forse perché il mistero si è messo al posto della pietra, e adesso la pietra si sente qualcosa più della pietra. Si sente storia e leggenda.
(Fabrizio Caramagna)

Con le facce il mare fa il contrario di quello che fa con i ciottoli. Liscia i ciottoli, rende rugose le facce.
(Fabrizio Caramagna)

Quando si va in montagna si diventa teologi del vento, delle foglie, del cielo.
In ogni pietra si riconosce la stessa venatura di luce di cui è fatto l’universo.
(Fabrizio Caramagna)

Chissà.
Forse sei come quei bambini silenziosi che lanciano le pietre nel pozzo,
e non si chiedono se lo schianto faccia soffrire qualcuno là in basso.
(Fabrizio Caramagna)

Veniamo da un embrione più piccolo di un unghia, e viviamo su una pietra sparsa tra miliardi di altre pietre nell’universo. Tuttavia, dentro di noi c’è un piccolo frammento chiamato anima, che si fa domande, e quando la notte contempliamo l’universo sappiamo che esso, per esistere, ha bisogno del nostro sguardo.
(Fabrizio Caramagna)

Frasi e Aforismi

Frasi e aforismi contro il razzismo

Frasi e aforismi contro il razzismo, scritti da Fabrizio Caramagna. Tra i temi correlati Frasi e aforismi sull’altruismo e il volontariato.

Il razzismo è un’assurda invenzione dell’uomo. Che lingua parla il vento? Di che nazionalità è una tempesta? Da quale paese viene la pioggia? Di che colore è un fulmine?
(Fabrizio Caramagna)

L’acqua del fiume che io tocco chissà dove nel mondo qualcun altro l’ha già toccata. La stella che io vedo chissà dove nel mondo qualcuno la sta guardando. Il vento che io sento chissà dove nel mondo qualcuno lo sentirà. Quante sono le persone a cui sono unito senza saperlo.
(Fabrizio Caramagna)

Ascoltare, essere attenti, consolare, perdonare, accompagnare, abbracciare, aiutare sono verbi che a volte dimentichiamo. Bisognerebbe scriverli su una parete accanto alla porta di casa, e leggerli ogni volta che usciamo nel mondo.
(Fabrizio Caramagna)

Frasi e Aforismi

Frasi e aforismi sull’altruismo e il volontariato

Frasi e aforismi sull’altruismo e il volontariato, scritti da Fabrizio Caramagna. Tra i temi correlati si veda Frasi e aforismi sull’empatia.

Oltre il mio c’è il nostro, e senza quel nostro nemmeno il mio potrà mai esistere.
(Fabrizio Caramagna)

Ascoltare, essere attenti, consolare, perdonare, accompagnare, abbracciare, aiutare sono verbi che a volte dimentichiamo. Bisognerebbe scriverli su una parete accanto alla porta di casa, e leggerli ogni volta che usciamo nel mondo.
(Fabrizio Caramagna)

Dio non può essere ovunque; ecco perché ha creato i volontari e i donatori.
(Fabrizio Caramagna)

Non chiederti: “Chi sono gli altri per essere aiutati?”. Chiediti: “Chi sono io per non aiutarli?”.
(Fabrizio Caramagna)

L’acqua del fiume che io tocco chissà dove nel mondo qualcun altro l’ha già toccata. La stella che io vedo chissà dove nel mondo qualcuno la sta guardando. Il vento che io sento chissà dove nel mondo qualcuno lo sentirà. Quante sono le persone a cui sono unito senza saperlo?
(Fabrizio Caramagna)

Frasi e Aforismi

Frasi e aforismi sulla porta

Frasi e aforismi sulla porta, scritti da Fabrizio Caramagna. Tra i temi correlati si veda Frasi e aforismi sulla chiave.

Sai cos’è un sorriso? È un muro che cade, una porta che si apre, un enigma che si scioglie, una vibrazione che entra nel petto e si fa cielo e luce.
(Fabrizio Caramagna)

Non dimenticare mai la buona educazione: apre molte porte, chiude molte bocche, rende gli occhi più luminosi e si abbina con tutto.
(Fabrizio Caramagna)

Ci sono persone che hanno dentro di sé una luce enorme che non conoscono.
Come quelle porte che hanno una riga di luce sotto e restano chiuse e non sapranno mai quanto bagliore potrebbero mostrare se venissero aperte.
(Fabrizio Caramagna)

Le chiavi si presentano quando ti riconcili con la porta da aprire.
(Fabrizio Caramagna)

Se una persona ha davvero voglia, scopre i tuoi passaggi segreti, ignora le porte chiuse, supera le camere vuote, lascia perdere le scale senza uscita, giunge nell’angolo più inaccessibile e luminoso di te.
(Fabrizio Caramagna)

Ti vidi andare via.
Quante cose da dire, e nessun modo per dirle. Quante porte da aprire nel tuo cuore e nessuna chiave per farlo.
(Fabrizio Caramagna)

Ho suonato alla porta, e il prato era indaffarato e il cielo contemplava le colline e le api volavano con laboriosità, e mi ha aperto una piccola viola dai colori così magnifici: “Quello che sognerai adesso sarà vero per sempre” mi ha detto.
(Fabrizio Caramagna)

Frasi e Aforismi

Frasi e aforismi sulla chiave

Frasi e aforismi sulla chiave, scritti da Fabrizio Caramagna. Tra i temi correlati Frasi e aforismi sulla porta.

Trovare qualcuno col quale uscire è facile. La vera impresa è trovare qualcuno con cui vorresti chiuderti a chiave.
(Fabrizio Caramagna)

Tutti noi abbiamo in tasca una chiave bellissima e sappiamo, per certo, che non aprirà nessuna porta tra quelle conosciute.
Come un talento che possediamo, e che non useremo mai.
(Fabrizio Caramagna)

Le chiavi si presentano quando ti riconcili con la porta da aprire.
(Fabrizio Caramagna)

Un bambino appena nato. Un batuffolo di luce lanciato dalle stelle più lontane. E dentro ci sono già le leggi della vita, le formule segrete della meraviglia e le prime chiavi per aprire le forme del mondo
(Fabrizio Caramagna)

Pomeriggio d’estate. Il cielo ha una chiave d’oro sulla schiena che i bambini si divertono a girare.
(Fabrizio Caramagna)

Con quanta facilità si possono girare le serrature delle persone con la piccola chiave della vanità.
(Fabrizio Caramagna)

La realtà: un lucchetto d’acciaio. La parola: una fragile chiave di carta.
(Fabrizio Caramagna)

Decine di vecchie chiavi in una scatola sul mobile. Non ho il coraggio di dire loro che non aprono più nessuna serratura.
(Fabrizio Caramagna)

Frasi e Aforismi

Frasi e aforismi sulla bellezza

Frasi e aforismi sulla bellezza, scritti da Fabrizio Caramagna. Tra i temi correlati Frasi e aforismi sugli occhi.

Gli occhi della bellezza: occhi che non fanno che farsi vedere…
(Fabrizio Caramagna)

Una cosa bella è bella anche con le luci spente e se non c’è nessuno a guardarla, e questo è tutto quello che ho capito della bellezza.
(Fabrizio Caramagna)

Le cose, più sono belle e più ricevono questo ordine di uscire dall’inquadratura, di non entrare mai nei nostri corpi, di sostare sotto le nostre dita se non per pochi istanti, perché il massimo di bellezza si combina con l’inesistenza più pura.
(Fabrizio Caramagna)

Quando ti chiedo che cosa fai nella vita, non voglio sapere che lavoro fai. Mi interessa sapere quanta bellezza hai vissuto, che cosa ti tiene sveglia la notte, che cosa ti fa sorridere quando nessuno ti guarda.
(Fabrizio Caramagna)

La bellezza è nella genetica.
Ma anche nell’accogliere, comprendere, prendersi cura, rispettare l’altro.
È così che si diventa belli.
(Fabrizio Caramagna)

Non è bella.
Ma ha l’aspetto stupito di coloro che guardano il mondo e non intendono adattarsi.
Ma parla come se avesse letto una biblioteca.
Anche questa è bellezza.
(Fabrizio Caramagna)

Lei mi disse:
“Dovresti vedere quando non mi difendo dalla realtà,
quando non mi nascondo in un angolo,
quando non chiudo gli occhi per le troppe paure,
dovresti vedere allora come sono bella”.
(Fabrizio Caramagna)

Un fiore selvaggio non dovrebbe dire a una rosa che è la più bella e un soffione non dovrebbe scusarsi con gli alberi se al primo colpo di vento ha perso la sua corolla.
Fioriamo tutti in modo unico e originale.
(Fabrizio Caramagna)

Frasi e Aforismi

Frasi e aforismi sull’apparenza

Frasi e aforismi sull’apparenza, scritti da Fabrizio Caramagna. Tra i temi correlati si veda Frasi e aforismi sulla fragilità.

Viviamo in un mondo dove domina la virtualità, un mondo di maschere, apparenza e finzione.
Il grande scopo della vita è trovare di nuovo la realtà.
(Fabrizio Caramagna)

Psicologo: – Come stai?
La luna: – Gli uomini non guardano più la mia faccia come una volta. Sono assorbiti da uno strano display luminoso. E quando orbito intorno alla terra vedo sempre meno bellezza e sempre più volti finti, preoccupati solo di apparire.
(Fabrizio Caramagna)

Tutte quelle persone avevano i volti incorniciati dal senso della loro importanza. Giocavano al gioco dell’apparire e dell’ostentare e del sopraffare con la massima serietà. Chissà in quale momento della loro vita si erano dimenticati dei loro giochi di bambini.
(Fabrizio Caramagna)

Che strana cosa.
Dopo aver reso le nostre maschere perfette
a furia di finzioni e travestimenti e false identità,
passiamo le nostre vite a cercare
qualcuno che non ci prenda in giro.
(Fabrizio Caramagna)

Osservo certi selfie con curiosa tranquillità, come si esamina una nuova specie animale in cui il bisogno di apparire ha sviluppato, vicino agli occhi e alla bocca, degli organi particolari, gli organi della vanità e dell’ostentazione.
(Fabrizio Caramagna)

Frasi e Aforismi

Frasi e aforismi sul polpo

Frasi e aforismi sul polpo, scritti da Fabrizio Caramagna. Tra i temi correlati Frasi e aforismi sul mare.

Il mare parla, e le stelle marine e i polpi e i pesci colorati e quelli azzurri e le conchiglie e i granchi lo ascoltano e capiscono quello che dice, e nessun altro può capire quello che dice. L’uomo ci prova da migliaia di anni ma non può capire il mare come lo capisce un polpo o una stella marina.
(Fabrizio Caramagna)

Mi ha sempre affascinato il corpo di un polpo. Non c’è nessuna distanza fissa tra le parti, nessuna articolazione, nessun angolo naturale, nessuno spigolo.
Il corpo del polpo è un serbatoio di forme e movimenti, è tutta possibilità.
Il corpo del polpo vive al di fuori del suo corpo. E’ in continuo divenire.
(Fabrizio Caramagna)

Quando il polpo si misura i vestiti,
neanche Dio riesce a indovinare la taglia.
(Fabrizio Caramagna)

Frasi e Aforismi

Frasi e aforismi sulla sensibilità

Frasi e aforismi sulla sensibilità, scritti da Fabrizio Caramagna. Tra i temi correlati Frasi e aforismi sulla timidezza.

Come si chiama quella parte del nostro corpo che ha la pelle troppo delicata, che quando esce nel mondo si deve proteggere dagli urti, dai colpi improvvisi, dagli strattoni, persino dal freddo e dalle vibrazioni delle parole?
Sensibilità.
Si chiama sensibilità.
(Fabrizio Caramagna)

Un giorno noi sensibili, sognatori e idealisti migreremo in un’altra galassia e in questo pianeta resteranno solo i furbi e gli egoisti a guardarsi smarriti e a non capire più con chi prendersela.
(Fabrizio Caramagna)

Difficile la vita per chi sente tutto. Un particolare lo ferisce, uno sguardo gli toglie l’aria, una mezza parola lo fa vibrare di gioia o di infelicità.
Un continuo stillicidio, da cui non conosce difesa.
(Fabrizio Caramagna)

Perché bisogna sentire ogni cosa così profondamente, così dolorosamente, così delicatamente?
Ogni giorno mangio un pezzetto di mondo con il privilegio e la tortura indicibile di sentire tutto.
(Fabrizio Caramagna)

La sua bellezza l’aveva sempre portata in tasca, riservata e mai ostentata.
La sua intelligenza l’aveva nutrita in dialoghi e letture.
La sua sensibilità l’aveva curata come un fiore, facendola germogliare nell’atto di accogliere e ascoltare.
Chi le si avvicinava, scopriva subito tutto questo.
E restava incantato.
(Fabrizio Caramagna)

Le persone sensibili vengono divorate a grandi morsi.
Soprattutto le loro parti molli.
Il cuore. Lo stomaco. La gola.
(Fabrizio Caramagna)

Mi piacerebbe avere la sensibilità di un cervo nella foresta. Sentire come ogni foglia respira diversamente dalle altre.
(Fabrizio Caramagna)

Che sensibilità il sole: arrossire tutte le sere prima di tramontare.
(Fabrizio Caramagna

Frasi e Aforismi

Frasi e aforismi sul destino

Frasi e aforismi sul destino, scritti da Fabrizio Caramagna. Tra i temi correlati si veda Frasi e aforismi sul tempo.

Gli appuntamenti che ti fissa il destino hanno sempre a che fare con un paio di occhi e un cielo dai colori mai visti.
(Fabrizio Caramagna)

Ho scoperto che destino, in sanscrito, vuol dire bufera. Credo che non ci sia definizione migliore. Questo stare dentro qualcosa di caotico e travolgente. Questo uscirne fuori pieni di luce o con le ali spezzate. Prima di rientrare di nuovo dentro.
(Fabrizio Caramagna)

Non so spiegarti l’amore. So che dentro c’è molto perdono, tanta cura, colori vastissimi, un po’ di chimica, un po’ di incastro e un po’ di destino, brividi, capricci e risate e la voglia di avventurarsi insieme nelle spire incantate del tempo.
(Fabrizio Caramagna)

Vorrei incontrare una volta il mio destino e carezzargli il viso e dargli del “tu”, come una persona che aspettavo da tempo.
(Fabrizio Caramagna)

Dalla mano del destino ho bevuto dell’acqua ed era di nuovo chiara come le mattine in cui stavo con te ed ero felice.
(Fabrizio Caramagna)

I sentieri del destino sono lunghi e tortuosi. Si biforcano, si ramificano, a volte si ricongiungono. Si dice che nemmeno il destino sappia con certezza dove porti ogni sentiero, dove conduca ogni svolta e ogni curva. Si dice che alcuni suoi sentieri portino oltre l’universo, oltre la morte, fin dove c’è Dio, ma nessuno può sapere.
(Fabrizio Caramagna)

Il destino era stato beffardo con lui.
Aveva braccia abbastanza lunghe per toccare le stelle,
ma forse troppo corte per raggiungere le persone.
(Fabrizio Caramagna)

Io e te possiamo anche rifarla l’ultima scena e rimetterci insieme, ma il destino ha il suo film da girare e il regista non ne vuole sapere di cambiare trama.
(Fabrizio Caramagna)

Leggo perché una vita non basta per tutti i destini che ho dentro di me.
(Fabrizio Caramagna)