Frasi e Aforismi

Frasi e aforismi sul viso e il volto

Frasi e aforismi sul viso e il volto, scritti da Fabrizio Caramagna

Ci sono visi i cui angoli fanno sperare l’impossibile, occhi che sono linee aperte sul mare, labbra che si vorrebbe seguire fino a dove si incurva l’ultima parte del mondo.
(Fabrizio Caramagna)

Geometrie perfette. L’ovale del tuo viso affacciato ai quattro angoli retti di una finestra e più in là la sfera del mondo.
(Fabrizio Caramagna)

Un giorno, nella vita, qualcosa si getta su di noi e ci dà il nostro volto.
Non è il volto di quando siamo nati, è il volto in cui prende forma il nostro modo di sorridere, di guardare le cose, di stupirci, di avere paura.
Quel volto può nascere in qualsiasi momento.
Poi resta nostro per sempre.
(Fabrizio Caramagna)

Il mio viso non è simmetrico. E’ girato impercettibilmente a sud. Cerca sempre il mare.
(Fabrizio Caramagna)

Un volto umano è sempre una lettera che viene da lontano.
Da decifrare. Da scorrere.
A volte mancano alcune parole.
A volte i caratteri sono incomprensibili.
Alcuni segni sono linee del cielo.
Altri dell’abisso.
A volte c’è troppo inchiostro versato e ci si confonde.
Altre volte c’è una trasparenza come acqua di fonte.
(Fabrizio Caramagna)

Il volto umano non è altro che un raggruppamento di volti che si sovrappongono uno sull’altro. E’ un tratteggio di linee, un pulsare di angoli, un vibrare di forme ed è per questo che un volto ci sembra così diverso da un giorno all’altro, a volte anche da un’ora all’altra. Perché non lo vediamo tutto in una volta.
(Fabrizio Caramagna)

Frasi e Aforismi

Frasi e aforismi sulle bolle di sapone

Frasi e aforismi sulle bolle di sapone, scritti da Fabrizio Caramagna.

Restai a lungo seduto, gli occhi persi nella contemplazione delle bolle di sapone che salivano in cielo. Se avessi potuto scegliere un mestiere, avrei voluto riparare tutte le bolle di sapone scoppiate. Nessun altro mestiere mi sembrava più necessario e più giusto.
(Fabrizio Caramagna)

Tra gli arroganti e i prepotenti, gli ambiziosi che vanno di fretta, i furbi che aspettano al varco, ci siamo noi un po’ fragili e un po’ feriti che ci incantiamo a guardare le bolle di sapone.
(Fabrizio Caramagna)

Allora ciao, ci vediamo sulla luna.
Porta le bolle di sapone, una cabina telefonica (se devi chiamare terra), alcuni dischi di vinile e poi andiamo a riscrivere l’universo.
(Fabrizio Caramagna)

A poco a poco i colori escono da novembre e svaniscono.
Bolle di sapone che si perdono nel cielo di dicembre.
(Fabrizio Caramagna)

Frasi e Aforismi

Frasi e aforismi sul cappotto

Frasi e aforismi sul cappotto, scritti da Fabrizio Caramagna.

Cose belle dell’inverno: i mandarini, le castagne e le tasche del cappotto.
(Fabrizio Caramagna)

Inverno.
La tazza di tè fumante, le cose ritrovate nelle tasche del cappotto, l’orizzonte che prova a trattenere la luce della sera ma non ci riesce, dai, prendi tutto il tuo stupore e usciamo a raccontare qualcosa di bello ai lampioni.
(Fabrizio Caramagna)

Ti prego entra in casa.
Lascia le paure sul pianerottolo,
metti i dubbi nell’armadio insieme al cappotto,
togliti anche la tensione,
metti il cuore comodo accanto al mio,
posa le tue promesse sulle mie mani.
apriamo le nostre anime.
(Fabrizio Caramagna)

Il cielo quella sera ebbe freddo e si mise addosso un cappotto di stelle.
(Fabrizio Caramagna)

Frasi e Aforismi

Frasi e aforismi sul dolore e la sofferenza

Frasi e aforismi sul dolore, scritti da Fabrizio Caramagna.

Un dolore ti insegna a viaggiare a marcia indietro. Da grande a piccolo. Da ricco a povero. Dal superfluo all’essenziale.
(Fabrizio Caramagna)

Tornavo dal dolore e un bambino mi chiese che cosa ci fosse lì.
Gli dissi: “è il luogo dove i fiori crescono senza colore e il cielo è un pezzo di vetro che si conficca nel corpo e nell’anima”.
(Fabrizio Caramagna)

Come fiori schiacciati in una pagina del libro dell’universo… e se Dio ci avesse dimenticato così?
(Fabrizio Caramagna)

Quando arriverai alla fine di quello che devi soffrire, sarai all’inizio di quello che devi conoscere.
(Fabrizio Caramagna)

Frasi e Aforismi

Frasi e aforismi sull’empatia

Frasi e aforismi sull’empatia, scritti da Fabrizio Caramagna.

Capire il prossimo è la cosa più difficile. Devi provare a mettere il tuo occhio e le tue orecchie e le tue dita in quello spazio misterioso tra la pelle di una persona e il suo cuore.
(Fabrizio Caramagna)

Per entrare in empatia non basta accogliere.
Bisogna toccare la pelle dell’altro dall’interno,
bisogna farsi sale dentro le sue lacrime,
bisogna farsi luce dentro il suo sorriso,
bisogna farsi tamburo dentro i battiti del suo cuore.
(Fabrizio Caramagna)

Empatia non è solo leggere l’alfabeto dell’altro, ma è tradurre e riscrivere ogni cosa sulla propria pelle.
(Fabrizio Caramagna)

Empatia
è l’onestà di essere se stessi in mezzo agli altri
e la capacità di essere gli altri
dentro di sé.
(Fabrizio Caramagna)

Bisogna impararlo il silenzio. Ascoltare le sue vibrazioni, averci confidenza.
C’è quello empatico e denso di chi ascolta, quello leggero di chi sogna.
Quello di fuoco di chi aiuta.
E poi c’è quello crudele di chi ignora.
E’ fatto di ghiaccio e vento freddo.
Ti può ferire in qualsiasi momento.

Frasi e Aforismi

Frasi e aforismi sulla pioggia

Frasi e aforismi sulla pioggia, scritti da Fabrizio Caramagna

La pioggia è sempre un’improvvisazione, ma il cielo l’ha preparata con cura.
(Fabrizio Caramagna)

Vediamola così. La pioggia obbliga la mano a tenere l’ombrello invece che lo smartphone, e gli occhi sono liberi di guardare il mondo.
(Fabrizio Caramagna)

La pioggia, insistente e sottile, avvolge la terra con le sue braccia silenziose, assopisce i colori, riempie il mondo di sottintesi e di piccole malinconie, stringe di più i nodi, tiene il senso della vita lassù in alto, indecifrabile, tra le nuvole.
(Fabrizio Caramagna)

Se la osservi bene, la pioggia estiva non bagna… colora il mondo.
(Fabrizio Caramagna)

E’ Autunno e piove.
Cammino sotto gli alberi del parco e gocciola come in primavera, ma con un altro rumore, un’altra densità, un altro odore, un’altra malinconia.
(Fabrizio Caramagna)

Ogni grondaia ha un suo modo di piovere, ogni tombino ha una voce diversa, ogni ombrello ha un suo segreto sotto la pioggia.
(Fabrizio Caramagna)

Le stelle conoscono molti misteri dell’universo, ma non sanno come è bello ballare sotto la pioggia.
(Fabrizio Caramagna)

La pioggia che cade sui vetri pensa sempre.
La pioggia che cade in terra non ha pensieri e scorre via superficiale.
(Fabrizio Caramagna)

Frasi e Aforismi

Frasi e aforismi sui lampioni

Frasi e aforismi sui lampioni, scritti da Fabrizio Caramagna

D’inverno ci sono i lampioni più belli di sempre. Si accendono presto e hanno dita di luce nel buio. Ma la gente ha le mani in tasca e il passo veloce di chi non guarda.
(Fabrizio Caramagna)

Inverno.
La tazza di tè fumante, le cose ritrovate nelle tasche del cappotto, l’orizzonte che prova a trattenere la luce della sera ma non ci riesce, dai, prendi tutto il tuo stupore e usciamo a raccontare qualcosa di bello ai lampioni.
(Fabrizio Caramagna)

Frasi e Aforismi

Frasi e aforismi sull’inverno

Frasi e aforismi sull’inverno, scritti da Fabrizio Caramagna. Tra i temi correlati Frasi e aforismi sulla neve.

Nel cuore dell’inverno restiamo a tu per tu con l’essenza intima del mondo. Poche le distrazioni, assenti i colori, elusivi gli odori, troviamo solo geometrie essenziali e il silenzio nella sua forma più raffinata.
(Fabrizio Caramagna)

D’inverno ci sono i lampioni più belli di sempre. Si accendono presto e hanno dita di luce nel buio. Ma la gente ha le mani in tasca e il passo veloce di chi non guarda.
(Fabrizio Caramagna)

Cose belle dell’inverno: i mandarini, le castagne e le tasche del cappotto.
(Fabrizio Caramagna)

Inverno.
La tazza di tè fumante, le cose ritrovate nelle tasche del cappotto, l’orizzonte che prova a trattenere la luce della sera ma non ci riesce, dai, prendi tutto il tuo stupore e usciamo a raccontare qualcosa di bello ai lampioni.
(Fabrizio Caramagna)

Sdraiarsi sulla sabbia del mare d’inverno, aprire le mani al sole e lasciare evaporare l’identità.
(Fabrizio Caramagna)

– Che hai?
(Paura del vuoto. Che diventi buio all’improvviso. Di inciampare e cadere. Di riaprire vecchie ferite)
– Nulla. Pensavo che è un altro inverno.
(Fabrizio Caramagna)

L’inverno. Guardare dalla finestra e fare a meno di un colore alla volta fino al grigio, all’ombra, alla convinzione di essere ciechi. Come è lontana la primavera.
(Fabrizio Caramagna)

E’ arrivato l’inverno.
Ho tolto il volume alle mie emozioni, il sangue mi pulsa sotto la pelle come se volesse nascondersi e i giorni finiscono tutti allo stesso modo, chiusi dentro un cassetto, con un odore di cose rotte o perdute.
(Fabrizio Caramagna)

Negli occhi non ci sono più le rotte marine, i vortici del sole, le corse sui prati. L’inverno ha cancellato ogni cosa.
(Fabrizio Caramagna)

Sopra la terra, l’inverno è ghiaccio e freddo e venti intrattabili e giornate senza uscita.
Ma sotto la terra fa un lavoro silenzioso e paziente che nessuno nota. Reimpasta le zolle, custodisce il silenzio dei semi, prepara la primavera.
(Fabrizio Caramagna)

Frasi e Aforismi

Frasi e aforismi sul pupazzo di neve

Frasi e aforismi sul pupazzo di neve, scritti da Fabrizio Caramagna. Tra i temi correlati si veda Frasi e aforismi sulla neve.

 

 

Presto nevicherà. E allora torneranno i pupazzi di neve. Ti sveglierai un mattino, dopo la nevicata, e ne vedrai uno bianco e lucente sotto il cielo e ti chiederai: “Chi è stato?”. E non lo saprai mai. Perché nessuno sa chi sono gli autori dei pupazzi di neve.
(Fabrizio Caramagna)

E un giorno ti racconterò del pupazzo di neve innamorato del sole e del suo disperato slancio d’amore.
(Fabrizio Caramagna)

8: Il pupazzo di neve dei numeri
(Fabrizio Caramagna)

Frasi e Aforismi

Frasi e aforismi sul lupo

Frasi e aforismi sul lupo, scritti da Fabrizio Caramagna. Tra i temi correlati si veda Frasi e aforismi sul bosco.

Tutti conosciamo la versione di Cappuccetto Rosso e nessuno conosce quella del lupo.
Forse ci parlerebbe di solitudine e di orgoglio, di lune favolose e di boschi cancellati dagli uomini.
(Fabrizio Caramagna)

Con il giusto lupo al tuo fianco qualunque foresta, di notte, è piena di rivelazioni.
(Fabrizio Caramagna)

Che voglia di leggere Shakespeare appoggiato alla pancia di un lupo in un prato selvatico di fiori gialli e bianchi.
(Fabrizio Caramagna)

Forse in questa vita ti sono toccate guerre da combattere
e foreste buie da attraversare,
ma dentro di te c’è un lupo.
Devi solo scoprire qual è il suo richiamo.
(Fabrizio Caramagna)

Frasi e Aforismi

Frasi e aforismi sull’addio e la fine di un amore

Frasi e aforismi sull’addio e la fine di un amore, scritti da Fabrizio Caramagna. Tra i temi correlati si veda anche Che cos’è l’amore – Frasi e aforismi.

Le parole se ne stanno zitte sulla soglia a un passo da te che resti fuori, e io non so come chiamarti e chiederti di tornare indietro. E’ così che nascono gli addii.
(Fabrizio Caramagna)

Quando cerchi di trattenere una persona, la cosa più complicata è capire la differenza tra difficile, impossibile e inutile.
(Fabrizio Caramagna)

Sono strani gli abbracci quando si dice addio.
Sei lì sospeso, e stringi qualcosa a cui non potrai
mai rimanere aggrappato.
(Fabrizio Caramagna)

Quando perdi qualcuno
un intero universo se ne va con lui.
E quando ti affacci alla finestra
vedi come erano il vuoto e il nulla prima della creazione.
(Fabrizio Caramagna)

E’ così che finiscono gli amori.
Le labbra si stancano, i respiri si placano, i battiti diminuiscono, gli orizzonti si restringono.
Senti solo il peso delle cose non fatte, delle promesse non mantenute.
E dal soffitto le domande ti guardano e non cercano neanche più risposta.
(Fabrizio Caramagna)

Gli addii non sono mai spettacolari agli inizi.
Un addio comincia quasi sempre silenziosamente, lentamente.
Un addio si insinua nelle parole di tutti i giorni come l’acqua sotto una porta.
All’inizio non è quasi niente. Un po’ di umidità, qualche goccia di screzio e di incomprensione.
Quando arriva l’alluvione, è troppo tardi.
(Fabrizio Caramagna)

Da bambini,
nei nostri incubi vediamo delle mani che ci afferrano.
Da adulti,
delle mani che ci lasciano andare.
(Fabrizio Caramagna)

Dentro il tuo cuore c’erano fuochi al galoppo e praterie oscillanti e onde melodiose e fragole innamorate. Certe volte uscivano e andavano a far festa sulla mia mano, finché un giorno sono venuti a dirmi parole incomprensibili e la mia mano non ha sentito più nulla. Vicino a me un libro mi ha detto che l’amore è qualcosa che non si incatena, viene e poi sfuma e torna nel grande nulla da cui era nato. Ma la mia mano non legge i libri e certe notti continua ad aspettare.
(Fabrizio Caramagna)

Abbiamo tutti diritto a un giusto addio. Qualcuno che prima di chiudere si volti ancora una volta.
E ci dia un cenno di saluto, una parola, un’ultimo sguardo.
Ci vedo gentilezza, rispetto. Ci vedo umanità.
(Fabrizio Caramagna)

Bisognerebbe ricominciare dall’inizio ogni giorno. Dirsi addio e perdersi di vista. E poi subito cercarsi e ritrovarsi. Bisognerebbe vivere soltanto di inizi. Come due sconosciuti, che si hanno senza aversi mai del tutto.
(Fabrizio Caramagna)

Frasi e Aforismi

Frasi e aforismi sulle bandiere

Frasi e aforismi sulle bandiere, scritti da Fabrizio Caramagna

Le bandiere sventolano e fanno movimenti sempre diversi come se parlassero. C’è qualcosa di fanciullesco in esse. Parlano al vento e al cielo. Come i bambini.
(Fabrizio Caramagna)

Nulla fa più festa di una bandiera che sventola. Non importa quello che la bandiera rappresenta. C’è qualcosa di leggero e sorprendente in essa. E’ come se ci fosse una luce che si muove nell’aria, e una musica invisibile che accompagna questa luce.
(Fabrizio Caramagna)

Oggi mi sento leggero come le foglie che volano nell’aria,
le bandiere colorate, i gesti gentili, le corse dei bambini fino all’albero e ritorno.
(Fabrizio Caramagna)

Un bambino triste sotto un cielo triste cambia umore quando vede una bandiera sventolare. La bandiera è qualcosa che promette e non si sa che cosa promette. Ma è qualcosa che ha a che fare con il cielo, il vento e la libertà.
(Fabrizio Caramagna)