Frasi e Aforismi

Frasi e aforismi sulle lettere d’amore

Frasi e aforismi sulle lettere d’amore, scritti da Fabrizio Caramagna. Tra i temi correlati Frasi e aforismi sull’amore.

La mano del vento carezza il bosco con lo stesso rumore con cui si apre una lettera d’amore.
(Fabrizio Caramagna)

Mi piaci perché sei fatta di libri e lettere d’amore scritte a mano.
Mi piaci perché la tua risata è come il suono di uno scontro di stelle, come il fruscio di una scolaresca di bambini all’uscita di scuola
Mi piaci perché a volte assomigli a una fanciulla che scrive i suoi segreti sulla suola delle scarpe e li rivela solo al vento e ai fiori selvaggi.
(Fabrizio Caramagna)

Mi piace scrivere le lettere. Attraverso le lettere ci presentiamo non solo all’altro, ma anche e soprattutto a noi stessi, come un eterno primo appuntamento con la nostra anima.
(Fabrizio Caramagna)

Io vengo da un posto dove l’erba è travolta dalla meraviglia, dove i girasoli crescono fino alla luna e il mare scrive lettere d’amore al cielo.
E tu da dove vieni?
(Fabrizio Caramagna)

Cammino in un parco della città, intorno a me gli alberi e i rami che vibrano nel freddo.
Ho una tua lettera d’amore in tasca, quando la tocco mi scalda la mano.
(Fabrizio Caramagna)

Scrivere una lettera d’amore è prendere una pagina bianca e mettere in fila tutta la luce raccolta in fondo al cuore.
(Fabrizio Caramagna)

Non è che le lettere scritte a mano siano più belle, solo che puoi toccarle, respirarci sopra, farci gli svolazzi con le dita, sottolineare più a fondo alcune parole, pensare “adesso cancello tutto” , aggiungere un punto sulle i, mettere i P.S. a fondo pagina (quelli dove vanno a finire le vere emozioni), rileggere tutto e sorridere.
Le cose scritte mi piacciono un po’ di più.
(Fabrizio Caramagna)

Inutile come dire ad un bambino di non usare le matite colorate, a un innamorato di non scrivere lettere d’amore di notte, a un inquieto di non comprare sei o sette biglietti d’aereo al giorno.
(Fabrizio Caramagna)

In un cassetto conservo tutte le lettere d’amore che non ti ho mai spedito.
Sono fantasmi anche questi.
(Fabrizio Caramagna)

Poi ad un certo punto sono tornato spaesato verso casa con le tasche pesanti di lettere d’amore, un disco rigato e una margherita che mi diceva “Non m’ama”.
(Fabrizio Caramagna)

L’infelicità non è mai contenta, s’insinua nelle tue mani e ti fa fare cose sciocche tipo mettere in disordine antiche lettere d’amore o picchiettare contro la finestra cercando volti che non ci sono più.
(Fabrizio Caramagna)

Sono tempi bui per l’eskimo e il chiodo,
i baci rubati sulle panchine,
le puntine che graffiavano i dischi,
le cornette messe giù perché rispondeva il padre,
Le lettere scritte a mano. Quelle che annusavi e non cancellavi più.
Adesso c’è solo la luce artificiale di uno smartphone
e tanto nulla intorno.
(Fabrizio Caramagna)

Le donne più interessanti hanno spine, cicatrici e rughe. Hanno migliaia di chilometri percorsi fino a galassie lontane, la libertà tatuata nel sangue e lettere d’amore che aspettano di essere spedite.
(Fabrizio Caramagna)

Frasi e Aforismi

Frasi e aforismi su domande e risposte

Frasi e aforismi su domande e risposte, scritti da Fabrizio Caramagna. Tra i temi correlati Frasi e aforismi sulla vita.

L’ora dei pensieri notturni che si trasformano in risposte, delle risposte che si trasformano in pensieri.
L’ora in cui capisci alcune domande del giorno.
(Fabrizio Caramagna)

Ogni notte il cielo stellato ci dà miliardi e miliardi di risposte, ma per alcune di esse non esistono ancora le domande.
(Fabrizio Caramagna)

La notte può essere il tesoro di chi sogna o il forziere vuoto di chi fa domande.
(Fabrizio Caramagna)

Fantasmi di “vorrei e non posso” mi appaiono di notte e mi guardano come se aspettassero da me una risposta.
(Fabrizio Caramagna)

L’inquietudine è una lingua dove si fanno solo domande. Punti interrogativi al posto delle virgole.
(Fabrizio Caramagna)

Chiedo alla mia mente di dare risposte. Ma la mente sa fare solo domande. E’ il cuore che dà risposte.
(Fabrizio Caramagna)

Tu sei colei
che metta il calore nella mia mano,
le risposte nelle mia parole,
il cielo nei miei spazi,
l’eternità nei miei istanti.
Tu sei colei
che mette ogni cosa nel suo giusto luogo.
(Fabrizio Caramagna)

Se hai una giornata difficile meglio non girarsi a guardare indietro, le risposte sono tutte avanti.
(Fabrizio Caramagna)

Le domande sono semplici. Da dove vieni? Dove stai andando? Che cosa stai facendo? Che cosa c’è lassù in cielo? Sono le risposte che cambiamo ogni volta. Le risposte sono come migliaia di stelle che ruotano vertiginose. A seconda del luogo e del punto di vista, una risposta si illumina più di altre.
(Fabrizio Caramagna)

Quando è che l’uomo si chiede per la prima volta che cosa è la felicità?
Quando fuori piove e tutti gli ombrelli sono aperti, e dentro di lui c’è un sole luminoso.
E allora l’uomo si fa questa domanda, e sono secoli che non smette di farsela.
Che cosa ci fa questo sole dentro di lui?
(Fabrizio Caramagna)

Passo il tempo a osservarmi, a farmi domande e mi chiedo se anche la balla di fieno nel campo lo fa o se invece rotola e basta, incurante di tutto, senza chiedersi da dove viene la sua ombra e perché il cielo è così bello quando arriva sera e che cosa si dicono le stelle quando nessuno le guarda.
(Fabrizio Caramagna)

Capitano le sere così. Capitano senza che tu l’abbia voluto. E una serie di litigi non pianificati, forse nemmeno pensati, aspetta di succedere da un momento all’altro.
La pace sfuma e l’urlo delle domande che attendono risposta ricomincia.
(Fabrizio Caramagna)

Che cosa vuol sapere la gente? Se è tradita dalla moglie o dal marito, se la figlia si sposa, se il figlio troverà un buon lavoro, se la squadra di calcio del cuore vince la partita. C’è forse qualcuno che va dal cartomante per chiedere che cosa è l’universo e qual è il significato dello stare in questo mondo?
(Fabrizio Caramagna)

La tua non risposta.
Silenzio plurimo aggravato da futili motivi.
(Fabrizio Caramagna)

Mamma è colei che alle prime tue domande – che cos’è il morire, che cos’è il domani – ti risponde con un sorriso luminoso, colei che ti soffia sulle palpebre e fa volare via il buio.
(Fabrizio Caramagna)

Chissà, forse un giorno invecchierò, e i tormenti del mio cuore si placheranno
Non sentirò più la tempesta esplodermi dentro per il troppo sognare.
Non vedrò grandi bolle colorate passare ed esplodere.
Sarò l’ombra di questo groviglio di domande che sono oggi.
E forse avrò finalmente pace
(Fabrizio Caramagna)

Frasi e Aforismi

Frasi e aforismi sulla festa

Frasi e aforismi sulla festa, scritti da Fabrizio Caramagna. Tra i temi correlati Le più belle frasi di auguri per il compleanno.

Regaliamoci di più, senza aspettare i compleanni. Festeggiamoci di più, senza attendere le ricorrenze.
Basta una piccolo gesto per sorprenderci.
(Fabrizio Caramagna)

Fermati in un prato e annusa i fiori. Poi sussurra loro i tuoi segreti più oscuri.
Oppure vai a una festa e continua a fingere qualcuno o qualcosa che non sei.
(Fabrizio Caramagna)

Sono andato a una festa ed era pieno di occhi vuoti. Ho passato il tempo ad aprire fessure e a guardare dentro, cercando luci che non c’erano.
(Fabrizio Caramagna)

Nessun vuole stare solo
quindi vengono tutti qui sui social
per ritrovarsi in compagnia di qualcuno
come se fosse una festa,
e al posto della musica a tutto volume
c’è il fruscio delle notifiche,
e dopo un po’,
come succede nelle feste,
ci si sente ancora più soli.
(Fabrizio Caramagna)

Il tuo sorriso è una festa che nessuna tristezza riesce a far finire,
un battito d’ali che spicca il volo,
un’avanzata dell’anima verso la luce del mondo.
(Fabrizio Caramagna)

Mi piace guardare le stelle… sono come cento miliardi di campane che festeggiano – con un suono che non arriva fin quaggiù – il mistero della notte.
(Fabrizio Caramagna)

Dove vanno le ballerine del carillon quando muoiono? E le grandi feste, le grandi aspirazioni, i grandi amori, le margherite tra i capelli e gli spazi di luce tra le foglie quando finisce l’estate?
(Fabrizio Caramagna)

Frasi e Aforismi

Frasi e aforismi sul pontile e il molo

Frasi e aforismi sul pontile e il molo, scritti da Fabrizio Caramagna. Tra i temi correlati Frasi e aforismi sulla spiaggia, Frasi e aforismi sul ponte e Frasi e aforismi sul mare.

Il pontile, una linea che invita al viaggio e alla meditazione.
(Fabrizio Caramagna)

Il pontile è una linea che unisce la terra e il mare, il noto e l’ignoto, è punto d’arrivo e punto di partenza.
(Fabrizio Caramagna)

Quando sono triste me ne vado al molo.
L’infinito è la mia medicina.
(Fabrizio Caramagna)

Frasi e Aforismi

Frasi e aforismi sull’odio

Frasi e aforismi sull’odio, scritti da Fabrizio Caramagna. Tra i temi correlati Frasi e aforismi sull’amore.

Vivo perché sono morto dentro tante volte,
amo perché ho provato l’odio e mi ha fatto paura,
do perché so che cosa vuol dire non ricevere niente,
ascolto perché mi piace vedere le parole risplendere quando vengono ascoltate,
apro il mio cuore perché è l’unico modo di farlo respirare.
(Fabrizio Caramagna)

A volte si sceglie di odiare semplicemente perché amare è troppo doloroso.
(Fabrizio Caramagna)

Quelli che odiano non si rendono conto che il vero problema è quando lasciano che l’odio si trasformi in un organo in più del proprio corpo, a metà tra il fegato o la gola.
(Fabrizio Caramagna)

A volte, vorrei dirti che ti odio.
E vorrei dirtelo lì, alla base del collo, in prossimità della spalla, dove i tuoi sussurri sono più delicati e i tuoi pensieri si fanno incomprensibili
(Fabrizio Caramagna)

Frasi e Aforismi

Frasi e aforismi sul rumore

Frasi e aforismi sul rumore, scritti da Fabrizio Caramagna. Tra i temi correlati Frasi e aforismi sul silenzio.

La mano del vento carezza il bosco con lo stesso rumore con cui si apre una lettera d’amore.
(Fabrizio Caramagna)

E di sera il silenzio avvolge il mondo a rimarginare le ferite causate dal rumore del giorno.
(Fabrizio Caramagna)

In un locale pieno di rumore e persone e fumo non riuscire più a parlare. E’ come se la voce fosse un fiore e non le venisse più garantita la giusta temperatura e umidità e luce. Si nasconde dentro gola e se esce fuori comincia a tremare ed appassire, e anche le parole più profonde suonano vuote.
(Fabrizio Caramagna)

Ci sono punti del corpo sui quali il mare fa un rumore diverso, morbido, intimo. Come se li conoscesse da una vita quei punti.
(Fabrizio Caramagna)

Quando arriva una tempesta, sembra che il mondo sia tutto rumore e violenza. E la pace è l’ultima cosa che cerchi perché è l’ultima cosa che puoi.
(Fabrizio Caramagna)

Mi dicevi che c’erano troppi problemi e che non volevi più stare con me
e mentre ascoltavo una foglia fece un rumore più sordo
come se volesse resistere all’idea di cadere,
come se stesse dicendo “non voglio”.
(Fabrizio Caramagna)

La purezza del suono all’alba. Quando tutti i rumori dormono e l’aria è un conduttore magico di note e respiri e incanti.
(Fabrizio Caramagna)

Il mare è più mare quando rumoreggia tra le onde, il cane è più cane quando abbaia, invece l’uomo è più uomo quando tace e ascolta il silenzio. Quando porge l’orecchio verso le cose che non hanno voce e sente tutto il loro mistero.
(Fabrizio Caramagna)

In un mondo pieno di frenesia e arrivismo,
sono rimasti in pochi quelli che hanno la voglia di ascoltare il rumore di una piuma che cade.
(Fabrizio Caramagna)

Frasi e Aforismi

Frasi e aforismi sul mese di agosto

Frasi e aforismi sul mese di agosto, scritti da Fabrizio Caramagna. Tra i temi correlati Frasi e aforismi sull’estate.

Agosto è il periodo dell’anno in cui tutto rallenta. I passi morbidi sulla sabbia, le onde che si frangono sulla riva, i pensieri che si guardano intorno e scoprono la bellezza di non fare niente. Accelerano solo le pagine dei libri letti, gli sguardi d’amore e i battiti del cuore quando guardano il cielo di notte.
(Fabrizio Caramagna)

Più in là ci aspettano le prime foglie morte di settembre.
Fermiamoci, in questo agosto luminoso. Qui c’è ancora profumo di mare e di cose da fare.
(Fabrizio Caramagna)

Agosto: l’ultimo fiore del fuoco d’artificio fa appassire l’estate.
(Fabrizio Caramagna)

Addio, mio bel mese d’agosto. Tu chiudi le tue porte come la spiaggia chiude gli ombrelloni, come le case chiudono le terrazze, come i fuochi d’artificio chiudono l’estate, come chi ha avuto la prima cotta estiva chiude il suo cuore.
(Fabrizio Caramagna)

Frasi e Aforismi

Frasi e aforismi sulla magia

Frasi e aforismi sulla magia, scritti da Fabrizio Caramagna. Tra i temi correlati Frasi e aforismi sull’incanto.

Ovunque, mescolate alle particelle d’aria che respiriamo, ci sono particelle di meraviglia e di impossibile. E solo la destrezza di un mago riesce a catturarle
(Fabrizio Caramagna)

C’è in quello che immagino qualcosa che non riesco a vedere. Che fa la magia di quello che immagino.
(Fabrizio Caramagna)

La magia non è nel coniglio che esce dal cilindro, ma nel riflesso degli occhi dei bambini che lo stanno guardando.
(Fabrizio Caramagna)

Mi ha invitato a un ballo sulla luna, due giri di birra, tre spettacoli di magia, quattro passi con gli unicorni, cinque mostre d’arte, sei tramonti, sette giri di giostra, otto fughe in un bosco e diecimila risate. Come potevo dire di no?
(Fabrizio Caramagna)

In amore ognuno di noi ha questo incantesimo di prendere i sorrisi e gli occhi e i gesti dell’altro e, per magia, farli diventare nuovi come se nessuno li avesse mai visti prima.
(Fabrizio Caramagna)

Se l’amore è quella cosa più vicina alla magia,
allora tu sei l’incantesimo più bello che mi sia capitato.
(Fabrizio Caramagna)

Frasi e Aforismi

Frasi e aforismi sulla storia

Frasi e aforismi sulla storia, scritti da Fabrizio Caramagna. Tra i temi correlati Frasi e aforismi sul tempo.

La storia finisce mentre si fa, anche se si continua a parlarne per secoli. Quello che viene dopo è racconto, favola, mito, leggenda. E ognuno che racconta la storia, se la inventa mentre la racconta.
(Fabrizio Caramagna)

Nella storia non c’è niente di quello che serve per capire la storia. Non c’è il ridere di quelli che hanno riso quando hanno costruito la prima piramide, il piangere di quelli che hanno pianto quando hanno perso la guerra del Peloponneso, il godimento di quelli che hanno goduto quando hanno visto per la prima volta Roma. E le speranze, le illusioni e i sogni.
(Fabrizio Caramagna)

Sappiamo tutto di Cristoforo Colombo e non sappiamo nulla dei costruttori delle tre caravelle, la Nina, la Pinta e la Santa Maria. Eppure, nel loro quotidiano lavoro manuale, dentro lo spazio angusto di un cantiere, quante terre lontane devono aver immaginato mentre ammucchiavano le assi di legno e costruivano le vele. Qualcuno di essi deve avere avuto sogni così grandi che solo Dio ne è venuto a conoscenza.
(Fabrizio Caramagna)

L’archeologia è l’arte di dare un volto a uno scheletro, un luogo a un oggetto e l’eternità alla polvere.
(Fabrizio Caramagna)

Frasi e Aforismi

Frasi e aforismi sulla purezza

Frasi e aforismi sulla purezza, scritti da Fabrizio Caramagna. Tra i temi correlati Frasi e aforismi sulla gentilezza e Frasi e aforismi sul giglio.

Vorrei fare del nostro amore qualcosa di semplice e puro, come i quaderni dei bambini dove ci sono tanti colori e poche domande.
(Fabrizio Caramagna)

Abbiamo parlato di libri e costellazioni e corse nei prati; e poi abbiamo preso l’acqua dalla fontana e l’abbiamo bevuta insieme, come due anime assetate di purezza.
(Fabrizio Caramagna)

Come gli iceberg nascosti per metà sott’acqua e le montagne per metà nelle terra, ci sono alcune persone nascoste per metà nell’aria. Sono le anime più pure e delicate che il mondo possiede.
(Fabrizio Caramagna)

La purezza fa un lavoro davvero estenuante: assorbe ogni rumore della realtà, e lo restituisce in piccole vibrazioni luminose. Il mondo è pieno di queste esseri armonici che quasi nessuno vede
(Fabrizio Caramagna)

Come voler essere candido come un giglio senza arrossire per aver voluto esserlo?
(Fabrizio Caramagna)

Solo la mente di un bambino ha i suoi porticati luminosi e il futuro vi passeggia sereno
(Fabrizio Caramagna)

La purezza del suono all’alba. Quando tutti i rumori dormono e l’aria è un conduttore magico di note e respiri e incanti.
(Fabrizio Caramagna)

Per amarti meglio avrei voluto essere puro come la neve.
(Fabrizio Caramagna)

Frasi e Aforismi

Frasi e aforismi sul vaso

Frasi e aforismi sul vaso, scritti da Fabrizio Caramagna. Tra i temi correlati Frasi e aforismi sulla scala.

La vita è un vaso invisibile e tu sei ciò che vi getti dentro. Getta invidia, insoddisfazione e cattiveria e traboccherà ansia. Getta gentilezza, empatia e amore e traboccherà serenità
(Fabrizio Caramagna)

Fino a quanto può contenersi un desiderio, prima di far straripare il cuore?
Chiese la goccia al vaso.
(Fabrizio Caramagna)

Tutti a parlare dell’ultima goccia che fa traboccare il vaso. Io penso al coraggio e alla bellezza della prima, quella che, inaspettatamente, fa scorrere qualcosa di nuovo dentro il vaso.
(Fabrizio Caramagna)

Ho bisogno di qualcuno che sia vaso, terra e calore, qualcuno in cui farmi seme, germoglio e fruscio di foglie che toccano il cielo.
(Fabrizio Caramagna)

Non mi piace chi è forte e sicuro di ogni cosa, assomiglia a un vaso dove vibra solo una vuota onnipotenza. Preferisco i vasi fragili, quelli che quando si rompono esce qualcosa di prezioso e sconosciuto.
(Fabrizio Caramagna)

Cose che mi fanno paura:
Le case senza libri.
I vasi senza crepe.
Le posate appaiate.
Gli adulti che non saltano nelle pozzanghere.
Le finestre chiuse da una vita.
Quelli che non ricambiano i sorrisi dei bambini.
Quelli con la cravatta inappuntabile.
Gli occhi senza luce.
(Fabrizio Caramagna)

Frasi e Aforismi

Frasi per dire Buongiorno amore

Frasi per dire Buongiorno amore, scritte da Fabrizio Caramagna. Tra i temi correlati Frasi per dire Ti amo e Frasi e aforismi sull’amore.

Sono quei sorrisi che mi mandi al mattino a fare di me quello che sono.
(Fabrizio Caramagna)

Come quando ti svegli e trovi i colori che volevi, l’orizzonte che cercavi e la luce giusta per danzare nel cuore di qualcuno.
(Fabrizio Caramagna)

Appena sveglio, pronuncio il tuo nome nella testa e mi sorride anche il destino.
(Fabrizio Caramagna)

Ti ho sognato stanotte, ma non ricordo cosa. Mi è rimasta una vibrazione nel risveglio.
E quando apro la finestra non è per far uscire la notte, ma per far entrare te.
(Fabrizio Caramagna)

Qualcuno mi ha chiesto di descriverti e io gli ho parlato dell’instante prima dell’alba quando i fiori si aprono e hanno cuori enormi.
(Fabrizio Caramagna)

Devo aver sognato da te stanotte perché al mio risveglio il letto era intatto.
(Fabrizio Caramagna)