Frasi e aforismi sulla stupidità

Frasi e aforismi sulla stupidità e gli stupidi, scritti da Fabrizio Caramagna. Tra i temi correlati Frasi e aforismi sull’intelligenza, Frasi e aforismi sull’idiozia e gli idioti, Frasi e aforismi sull’ignoranza, Frasi e aforismi sulla banalità e l’ovvio e Frasi e aforismi sulla mediocrità.

**

Frasi e aforismi sulla stupidità e gli stupidi

Il vero enigma del cosmo non sono i buchi neri o l’antimateria o il big bang, ma l’umana imbecillità.
(Fabrizio Caramagna)

Le catastrofi e gli stupidi hanno risorse inesauribili.
(Fabrizio Caramagna)

Gli stupidi sono una “specie protetta”. Guai se si estinguessero. Che cosa farebbero politici, pubblicitari e manipolatori?
(Fabrizio Caramagna)

E’ inutile dire: “Stupidi di tutto il mondo, unitevi!”. E’ già stato fatto!
(Fabrizio Caramagna)

La stupidità non parla mai a voce bassa.
(Fabrizio Caramagna)

La peggiore accoppiata. La stupidità e la ferocia.
(Fabrizio Caramagna)

La prima dote di un idiota è la testardaggine.
(Fabrizio Caramagna)

La stupidità ha bisogno di un grammo di convinzione e testardaggine per diventare davvero stupida.
(Fabrizio Caramagna)

Si può dire qualche stupidità senza essere stupidi, ma non si può abusarne senza rischiare di esserlo davvero.
(Fabrizio Caramagna)

Si dice che la stupidità è infinita, ma il suo sfruttamento è ancora più vasto.
(Fabrizio Caramagna)

Gli stupidi sono talmente tanti che qualsiasi politico, nei suoi programmi elettorali, si rivolge prima a loro.
(Fabrizio Caramagna)

La stupidità ha più seguaci dell’intelligenza perché dispensa più piaceri.
(Fabrizio Caramagna)

La stupidità impoverisce la vita, ma al tempo stesso la semplifica.
(Fabrizio Caramagna)

L’unica scusante per la stupidità è che la vita è talmente pesante che è meglio non capire.
(Fabrizio Caramagna)

Lo stupido non sa che lo sai, perché non sa che lo è. Per questo è tranquillo e non si preoccupa di nulla.
(Fabrizio Caramagna)

Il genio ricava mille pensieri da una cosa sola, lo stupido un solo pensiero da mille cose.
(Fabrizio Caramagna)

Quando gli stupidi non comprendono una cosa, hanno la tendenza a trovarla “orribile” o “stupenda”.
(Fabrizio Caramagna)

Lo stupido non legge i libri che attesterebbero la sua stupidità e apprezza solo i libri che lo confermano nella sua mediocrità.
(Fabrizio Caramagna)

Il cuore ha le sue stupidità che la stupidità non conosce.
(Fabrizio Caramagna)

Così come l’occhio non coglie gli infrarossi e gli ultravioletti, e l’orecchio non percepisce gli infrasuoni e gli ultrasuoni, così gli stupidi non percepiscono i pensieri che gli passano accanto.
(Fabrizio Caramagna)

Lo stupido è chi guardando una cosa la vede per come gli altri gli hanno detto che essa è, e non la mette in discussione, non vi aggiunge qualcosa, non la modifica, non la apparenta ad altre idee che gli altri non avevano notato, non la lascia insomma diversa da come era…
(Fabrizio Caramagna)

Una domanda cui mai troverò risposta: uno è più stupido che arrogante o il contrario?
(Fabrizio Caramagna)

Gli stupidi e gli idioti hanno gli occhi che vanno da ogni parte. Niente di ciò che osservano sfugge alla vigilanza del loro vuoto.
(Fabrizio Caramagna)

Parlava al di sopra dei suoi mezzi e così cadeva al di sotto della sua stupidità.
(Fabrizio Caramagna)

Lo stupido ti interrompe non solo quando parli, ma anche quando ascolti.
(Fabrizio Caramagna)

Se capisse quanta intelligenza gli manca, lo stupido sarebbe meno stupido.
(Fabrizio Caramagna)

Lo stupido non è come il tonto. Finge di capire così bene che alla fine qualcosa capisce.
(Fabrizio Caramagna)

Ogni tanto è sano misurare in sé la febbre della stupidità.
(Fabrizio Caramagna)

Ogni volta passa sempre meno tempo da quando dico o faccio qualcosa e penso che era una stupidaggine.
(Fabrizio Caramagna)

Non era stupido, ma il suo cervello era sovrappopolato da una densità di pensieri che si toglievano l’un l’altro spazio e la possibilità di svilupparsi.
(Fabrizio Caramagna)

Cambiano di secolo in secolo le forme di persecuzione e emarginazione, ma certi soggetti – neri, gay, ebrei – manterranno sempre, ahimè, il primo posto sulla graticola dei perseguitati. Mai una volta che – tra le new entry – ci siano gli stupidi, gli arroganti, i violenti.
(Fabrizio Caramagna)

Date una pistola a un criminale: atterrito dalla prospettiva del carcere, ci pensarà molto prima di usarla.
Date una pistola a uno stupido: anche solo per un lampo di paura o curiosità, premerà il grilletto.
Sono sempre gli stupidi, più dei malvagi, a combinare i guai più grossi.
(Fabrizio Caramagna)

La convinzione è l’euforia della stupidità.
(Fabrizio Caramagna)

Palloni gonfiati che vogliono prendere quota nonostante la zavorra della stupidità.
(Fabrizio Caramagna)

Non importa quanto tu sia stupido, ci sarà sempre qualcuno più stupido di te che non lo pensa affatto.
(Fabrizio Caramagna)

I geni incompresi sono rari rispetto agli stupidi compresi.
(Fabrizio Caramagna)

Dilettonto: dilettante stupido.
(Fabrizio Caramagna)

Niente meglio di un idiota per avere un’idea originale e, ovviamente idiota.
(Fabrizio Caramagna)

Su ambo i lati della barriera del suono, la parola e il silenzio sono costretti a dei compromessi con la stupidità.
(Fabrizio Caramagna)

No anima, tu in questo locale non puoi entrare.
Ho bisogno di un’ora di leggerezza e stupidità e vanità.
Aspettami fuori.
(Fabrizio Caramagna)

Quando l’intelligenza si mescola con la superbia, comincia la stupidità. Quando la stupidità si mescola con l’umiltà, comincia l’intelligenza.
(Fabrizio Caramagna)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.