Frasi per dire Tu sei tutto quello che

Frasi per dire Tu sei tutto quello che, scritte da Fabrizio Caramagna. Tra i temi correlati Frasi per dire Ti penso, Frasi per dire Ti amo e Cos’è l’amore – Frasi e aforismi.

**

Frasi per dire Tu sei tutto quello che

Tu sei
il respiro più vasto,
l’attesa più breve,
Il sorriso più lungo.
Il noi più bello.
(Fabrizio Caramagna)

Tu sei colei
che metta il calore nella mia mano,
le risposte nelle mia parole,
il cielo nei miei spazi,
l’eternità nei miei istanti.
(Fabrizio Caramagna)

Sei uno spettacolo. Un luna park intero. Sei acrobazia, promessa e stupore. Sorrisi colorati e profumo di zucchero filato. E hai una piccola galassia disegnata sulla guancia.
(Fabrizio Caramagna)

Sei incantevole, aperta, lucente.
Potresti essere il mare, il cielo, il vento, tutto quello che ti pare.
Ci crederei.
(Fabrizio Caramagna)

Sei tutte quelle volte in cui la paura si arrende,
Sei quel bivio dove non c’è altra direzione che verso la luce,
sei quel vento dove tutto si compone anche se i pezzi sono sparsi ovunque.
(Fabrizio Caramagna)

È che sei molto più bella delle parole che hanno inventato per dirtelo.
(Fabrizio Caramagna)

Tu sei il mio centro e tutti i limiti che vorrei oltrepassare.
(Fabrizio Caramagna)

Tu per me sei vita. Passato e presente, baci e vento, sete e digiuno, desideri e penitenza, stupore, rabbia e sogni. Tu sei tutto quello che cercavo e altro ancora.
(Fabrizio Caramagna)

Sei l’unico motivo, folle e assurdo, che scalza sempre mille valide ragioni.
(Fabrizio Caramagna)

Tu sei il mio avverarmi.
(Fabrizio Caramagna)

Tu sei come quell’istante impercettibile prima dell’alba che convince i fiori a schiudersi.
(Fabrizio Caramagna)

Tu sei le diecimila volte che ho sbagliato strada per trovare quella giusta.
(Fabrizio Caramagna)

Tu sei il posto dove vado a sognare di notte.
(Fabrizio Caramagna)

Sei quel che manca, anche quando ho tutto.
Perché non ho niente, se non ho te.
(Fabrizio Caramagna)

Sei tutto quello che avrei dovuto evitare
ma ti ho visto un giorno in un campo di papaveri
ed eri bella come il sole
e le tue parole avevano il suono di mille violini
e i tuoi occhi erano dorati come il grano.
(Fabrizio Caramagna)

Tu che lanci galassie, crei incanti, giochi con la poesia e ti sistemi la camicetta senza nemmeno sapere quanto sei bella.
(Fabrizio Caramagna)

Tu sei colei che crea spazi, scioglie nodi, disegna sorrisi mai visti. Tu sei tutto quello che vorrei.
(Fabrizio Caramagna)

Sei stata e sei. E questo è tutto.
risata e fuoco, scala e universo,
luce d’amore, viva e vissuta.
(Fabrizio Caramagna)

Tu sei attrazione, desiderio, apnea, vibrazione, stupore e smarrimento.
Ma sei anche ponte, casa e rifugio.
(Fabrizio Caramagna)

Sei il sogno che mi sveglia al mattino e mi fa respirare l’anima.
(Fabrizio Caramagna)

Sei la mia migliore amica, la mia compagna, la mia casa, la mia pace, la mia tazza di tè, la finestra da cui guardo il mondo, il mio prato di papaveri, il mio sentiero nel bosco, la mia galassia luminosa, il mio amore.
(Fabrizio Caramagna)

Tu sei la seconda stella in basso a destra, quella più riservata e timida, quella che non si nota perché tutti guardano il bagliore delle stelle al centro del cielo.
Ma la tua luce ha qualcosa che le altre stelle non hanno e chi ti vede scopre un segreto che esiste solo per lui.
(Fabrizio Caramagna)

Tu sei quel genere di musica che sa fare del semplice battito del cuore una partitura.
(Fabrizio Caramagna)

Tu sei quell’intanto che vorrebbe farsi incanto.
(Fabrizio Caramagna)

Sei la voglia di scombussolare i miei programmi più grande che abbia mai visto.
(Fabrizio Caramagna)

Tu non assomigli a nessun’altra.
Sei il profumo diverso dell’aria, prima che inizi a piovere.
(Fabrizio Caramagna)

Tu sei l’unica capace di toccare quel punto del mio essere dove provo contemporaneamente felicità e paura.
(Fabrizio Caramagna)

Sei la forma del mio batticuore. Lo stupore che dà vita a sguardi di felicità e ipotesi sempre nuove. Ad affinità incontrollabili.
(Fabrizio Caramagna)

Ti sei sdraiata sui miei cinque sensi.
Mi brilla la vita.
(Fabrizio Caramagna)

– Cosa sono per te?
– Sei tutti i miei sono che non sapevo di essere.
(Fabrizio Caramagna)

Sei il posto più bello che io conosca per iniziare il mondo da zero.
(Fabrizio Caramagna)

Tu sei il nuovo
e l’inesplorato.
La parte di me che voglio scoprire.
(Fabrizio Caramagna)

Sei quel tipo di ragazza che si può trovare solo in certi sogni, in certe spiaggie solitarie e nei solchi profondi dei vecchi dischi.
(Fabrizio Caramagna)

Sei la stella nata in una galassia non sua.
Sei la data che appartiene a un secolo sbagliato.
(Fabrizio Caramagna)

Quando penso che una cosa sia bella, vorrei che accadesse presto, subito, ora, tu.
(Fabrizio Caramagna)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.