Frasi e aforismi sulla catastrofe

Frasi e aforismi sulla catastrofe, scritti da Fabrizio Caramagna. Tra i temi correlati Frasi e aforismi sul caos, Frasi e aforismi sulla terra e Frasi e aforismi sul dolore e la sofferenza.

**

Frasi e aforismi sulla catastrofe

Tra le cose che una catastrofe toglie, le parole
(Fabrizio Caramagna)

Maledetta catastrofe, che rubi nomi e aggiungi solo croci.
(Fabrizio Caramagna)

I discorsi delle istituzioni dopo i terremoti, le alluvioni, gli incendi.
Un’altra catastrofe.
(Fabrizio Caramagna)

Certi politici sembra che auspichino disgrazie e catastrofi per prendere voti.
(Fabrizio Caramagna)

Anno dopo anno si susseguono le catastrofi. In natura, in borsa, in guerra. Ma noi le osserviamo freddamente e quasi con indifferenza. La nostra fredda osservazione è la vera catastrofe.
(Fabrizio Caramagna)

Di solito il futuro gode di miglior fama che il passato.
Solo nella nostra epoca, tra global warming, pandemie, crisi economiche, catastrofi e guerre, il futuro è nerissimo.
(Fabrizio Caramagna)

“Buongiorno miei posteri, ho devastato ecosistemi, inquinato il cielo, moltiplicato i deserti, creato guerre, fame, immigrazione, odio, sottratto il futuro ai miei figli, aumentato il debito pubblico, ma non ricordo nulla. Non so perché sia successo. Forse sono stato drogato. Deve essere stato il signor Avidità o il signor Menefreghismo. O forse il signor Social. Non ricordo proprio. Chiedo perdono”.
(Fabrizio Caramagna)

Le cose che un uomo rimanda nella sua vita finiscono per darsi appuntamento tutte nello stesso giorno, assumendo le forme di una catastrofe imminente.
(Fabrizio Caramagna)

Certe giornate rivendicano il loro diritto di andare storte. Allora non ci resta che tirare a sorte, sperando che il caso ci riservi qualcosa di poco catastrofico.
(Fabrizio Caramagna)

Ci vorrebbe un moscerino a dar fastidio all’universo, forse si darebbe una scrollata e la smetterebbe di mandarci tutte queste comete piene di malefici e queste catastrofi.
(Fabrizio Caramagna)

Le catastrofi e gli stupidi hanno risorse inesauribili.
(Fabrizio Caramagna)

Ogni pericolo scampato, ogni catastrofe sfiorata rende più forti: ma anche più cinici e diffidenti.
(Fabrizio Caramagna)

Nel 2250 gli umani, dopo quasi un secolo, uscirono dai loro bunker sotterranei dove si erano riparati in seguito a una catastrofe nucleare. Un bambino vide una finestra di una vecchia casa. Non l’aveva mai vista prima. Fece scivolare il suo indice sul vetro e si stupì di non vedere cambiare il paesaggio, di non vedere uscire fuori nuove icone e app. Che cosa sorprendente quella finestra…
(Fabrizio Caramagna)

Invidio la saggezza di stelle e pianeti, che conoscono il segreto della giusta distanza perché l’attrazione non diventi catastrofe cosmica.
(Fabrizio Caramagna)

L’irresistibile attrazione dell’errore consapevole.
La sapiente preparazione.
Il brivido di guardare negli occhi la catastrofe mentre si avvicina.
(Fabrizio Caramagna)

A primo impatto sembrava una bellissima catastrofe.
(Fabrizio Caramagna)

Gli idioti sono noti per precipitarsi sempre con tanto entusiasmo verso la catastrofe.
(Fabrizio Caramagna)

Il corpo è un luogo di catastrofi naturali dove ogni giorno migliaia di cellule muoiono in silenzio. Ma è anche il luogo che produce qualcosa che nessuna altra parte dell’universo sa produrre: i sogni.
(Fabrizio Caramagna)

“E adesso parliamo…”. Dà le vertigini la scaletta dei telegiornali che, dopo la notizia di una catastrofe lontana e poi di un omicidio in famiglia, scende bruscamente di uno scalino e parla della medaglia d’oro per gli azzurri nei campionati di ciclismo su pista.
(Fabrizio Caramagna)

Non c’è profeta di successo che non annunci catastrofi (qualche catastrofe finisce sempre per realizzarsi)
(Fabrizio Caramagna)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.