Frasi e aforismi sul crimine e i criminali

Frasi e aforismi sul crimine e i criminali, scritti da Fabrizio. Tra i temi correlati Frasi e aforismi sulle leggi, Frasi e aforismi sul ladro e il rubare e Frasi e aforismi sulla violenza.

**

Frasi e aforismi sul crimine e i criminali

Caino ha aperto una parentesi che è ben lontana dall’essere chiusa.
(Fabrizio Caramagna)

In realtà Abele si suicidò e Caino, per non addolorare il padre e farlo sentire un fallito, gli raccontò una storia più movimentata dove alla fine era stato costretto a ucciderlo.
(Fabrizio Caramagna)

Il crimine ha un’eco: sono i sensi di colpa.
(Fabrizio Caramagna)

Il crimine perfetto esiste: è quando nessuno si accorge che c’è stato un crimine.
(Fabrizio Caramagna)

A differenza del lettore, l’avvocato vuole subito sapere il finale del crimine.
(Fabrizio Caramagna)

Mi ha sempre colpito come i giornalisti riescano a collegare concetti come “crimine passionale” e “sangue freddo”.
(Fabrizio Caramagna)

La scena del crimine è tutto il mondo.
(Fabrizio Caramagna)

Se quello che difendi è un reato, discutilo con i giudici o in carcere, non con me.
(Fabrizio Caramagna)

Il tragico paradosso è che anche i criminali adorano i loro cani, accarezzano i loro figli, fanno del bene ai loro cari. Chi rapina, stupra, uccide, può anche aver costruito qualcosa di buono in qualche parte della sua vita infernale.
(Fabrizio Caramagna)

A volte il pensiero gira alla velocità di mille crimini al minuto. Annientare A, criticare B, contestare C, ingannare D, derubare E, abbandonare F. Simulacri interiori di antichi cannibalismi, assassini compiuti nelle caverne, giudizi istintivi e senza raziocinio.
(Fabrizio Caramagna)

Se esistessero davvero i superpoteri, saremmo tutti supercriminali e superegoisti. E non ci sarebbe neanche uno straccio di supereroe.
(Fabrizio Caramagna)

Tutti siamo dei criminali senza saperlo. Quello che abbiamo fatto nella vita, o anche quello che non abbiamo fatto, potendo farlo, forse, anche se in in una maniera indiretta, sta uccidendo qualcuno.
(Fabrizio Caramagna)

Le tenebre di un criminale non sono meno misteriose della luce di un santo.
(Fabrizio Caramagna)

E’ l’arte del poco, il gioco del nulla.
A volte basta non pagare una portata al ristorante
o rubare la posta del vicino
e il piccolo mondo moderno
svela tutta la sua natura criminale.
(Fabrizio Caramagna)

Un serial killer è un mostro. Un’armata di serial killer è la storia.
(Fabrizio Caramagna)

Per esistere il Male ha bisogno di un complice. Ma questo complice non è solo l’altro.
A volte è una metà di noi, un profilo nascosto, parallelo, ignoto persino a noi stessi.
Una specie di mostro a cui delegare ogni cosa, un killer che può sopportare il peso del crimine e che dopo aver compiuto il male, sparisce nell’ombra, lasciando che torni alla luce la parte normale, rassicurante di noi.
(Fabrizio Caramagna)

I criminali non si pentono di aver fatto il male. Si rimproverano di averlo fatto male.
(Fabrizio Caramagna)

Quelli che nelle leggi sanno leggere le lettere più piccole sono quelli che commettono i crimini più grandi.
(Fabrizio Caramagna)

Date una pistola a un criminale: atterrito dalla prospettiva del carcere, ci pensarà molto prima di usarla.
Date una pistola a uno stupido: anche solo per un lampo di paura o curiosità, premerà il grilletto.
Sono sempre gli stupidi, più dei malvagi, a combinare i guai più grossi.
(Fabrizio Caramagna)

Di organizzato in Italia ci sono due cose: il tifo e la criminalità.
(Fabrizio Caramagna)

In un mondo di ignoranti e di delinquenti, accumulare saggezza serve poco a se stessi e – cosa ancor più grave – non interessa minimamente gli altri.
(Fabrizio Caramagna)

Bisognerebbe processare l’umanità per crimini contro l’umanità.
(Fabrizio Caramagna)

Ci sono degli uomini che non riescono a diventare nessuno: neppure dei criminali.
(Fabrizio Caramagna)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.