Frasi e aforismi sul dolore e la sofferenza

Frasi e aforismi sul dolore, scritti da Fabrizio Caramagna. Tra i temi correlati Frasi e aforismi sull’infelicità, Frasi e aforismi sulla tristezza e Frasi e aforismi sulla depressione.

**

Frasi e aforismi sul dolore e la sofferenza

Non è come entri; è come ne esci a spiegare chi sei. Da una relazione, da un dolore, da una giornata.
(Fabrizio Caramagna)

Un dolore ti insegna a viaggiare a marcia indietro. Da grande a piccolo. Da ricco a povero. Dal superfluo all’essenziale.
(Fabrizio Caramagna)

Il dolore quasi sempre ti regala coraggio.
E’ il suo modo per farsi perdonare.
(Fabrizio Caramagna)

Il dolore è un giardiniere: l’unico che ha il coraggio di tagliare certi rami secchi.
(Fabrizio Caramagna)

Ci sono dolori che hanno dentro di sé una luce inattesa: ci liberano dai dolori passati e ci proteggono da quelli futuri.
(Fabrizio Caramagna)

Tornavo dal dolore e un bambino mi chiese che cosa ci fosse lì.
Gli dissi: “è il luogo dove i fiori crescono senza colore e il cielo è un pezzo di vetro che si conficca nel corpo e nell’anima”.
(Fabrizio Caramagna)

C’è un complimento che spaventa e non si può dire:
i tuoi occhi hanno la forma del mio dolore.
(Fabrizio Caramagna)

Tutti hanno una notte da cui guardare il dolore e provare a ripartire, appena un po’ più in là.
(Fabrizio Caramagna)

Tutti hanno sofferto. Chi ne fa argomento per vantarsi.
Chi per avanzare pretese. Chi per giustificarsi.
E chi non ne parla mai.
Perché ha sofferto davvero.
(Fabrizio Caramagna)

Il lutto può essere insostenibile: mille dolori entrano dentro un grande dolore.
(Fabrizio Caramagna)

Come fiori schiacciati in una pagina del libro dell’universo… e se Dio ci avesse dimenticato così?
(Fabrizio Caramagna)

Il dolore che si pianta in gola ed esce solo tagliando il cuore e l’anima.
(Fabrizio Caramagna)

La felicità che si perde là fuori e non torna.
Il dolore che conosce sempre la strada di casa.
(Fabrizio Caramagna)

Li chiamo i subacquei del dolore.
Toccano il fondo e non risalgono. Perché si innamorano degli abissi.
(Fabrizio Caramagna)

La felicità suggerisce, il dolore sa tutto.
(Fabrizio Caramagna)

Quando provi un certo tipo di dolore, percepisci con lucidità che questo dolore non è nel corpo e neppure nella mente. E’ nell’anima.
(Fabrizio Caramagna)

I tentativi di scomparire perché il dolore non ti trovi. Come quei pupazzi che da bambino accartocciavi e ripiegavi nella scatola.
Ma tu hai un cuore che pulsa e il dolore lo sente.
(Fabrizio Caramagna)

Il dolore a volte è questo restare fuori dal mondo,
senza potervi entrare.
Una crosta gelata che seguita a gelare
e che nessuna mano riscalda.
(Fabrizio Caramagna)

Un sopracciglio che si alza, l’angolo delle labbra che trema, un battito perso. A volte il dolore si esprime così.
(Fabrizio Caramagna)

Bisognerebbe imparare a gridare per il dolore e al tempo stesso a non emettere nessun suono. E solo chi vuole sentire, sentirà.
(Fabrizio Caramagna)

Tante ragioni per pesare, chiarire, spiegare, accettare, e poi abbiamo una mole di così tanti dolori. Si comprende tutto, e si soffre come se non si comprendesse nulla.
(Fabrizio Caramagna)

Non riesco a essere indifferente rispetto al dolore degli altri. Ne sento il riflesso, la rifrazione, l’osmosi, l’onda, la corrente. Come fa la gente a non sentire tutto questo?
(Fabrizio Caramagna)

Se avesse tenuto un diario del dolore, l’unica voce sarebbe stata una parola: mai
(Fabrizio Caramagna)

Un dolore nero: risucchia tutto l’universo la stella esplosa di un bambino.
(Fabrizio Caramagna)

Piansi tantissimo. Il dolore ti cambia gli occhi ma poi scende sul collo e tra le mani, si fa fiume e va a immergersi nel grande mare dell’esistenza.
Esiste ma non ha più la forza di un tempo.
(Fabrizio Caramagna)

Un grande amore comincia molto prima di amare. Un amore è grande per la grandezza del dolore che l’ha preceduto, per tutte quelle notti passate a guardare stupiti un letto vuoto, per tutte quelle domande fatte al proprio cuore chiedendosi perché.
(Fabrizio Caramagna)

Il dolore, che in un bambino è troppo vivo per non essere breve, riceve da un fuoco più maturo una cenere più lunga.
(Fabrizio Caramagna)

Quando arriverai alla fine di quello che devi soffrire, sarai all’inizio di quello che devi conoscere.
(Fabrizio Caramagna)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.