Frasi e aforismi sulla grotta e la caverna

Frasi e aforismi sulla grotta e la caverna, scritti da Fabrizio Caramagna. Tra i temi correlati Frasi e aforismi sul buio, Frasi e aforismi sul pozzo e Frasi e aforismi sulla terra.

**

Frasi e aforismi sulla grotta e la caverna

Le grotte sono bocche spalancate prive di parole. Ma se entri ascolterai tantissime storie.
(Fabrizio Caramagna)

Guardi verso la cavità misteriosa della grotta dove dovresti scendere.
Il tuo corpo esita a calarsi sottoterra, eppure lo convinci a voltare le spalle alla luce,
ad andare verso l’oscurità, l’ignoto.
In quella prigione di buio forse incontrerai il nulla oppure te stesso.
(Fabrizio Caramagna)

Tra le fessure della grotta filtra dall’alto un chiarore,
estremo dono del sole prima che il nostro essere si avventuri per sempre nel mistero, nell’ignoto.
(Fabrizio Caramagna)

Entrare in una grotta è avvicinarsi all’utero di pietra della terra.
(Fabrizio Caramagna)

Anche nella grotta più profonda se guardi in alto ti sembra di vedere un soffitto di stelle in mezzo a tutte quelle stalattiti.
(Fabrizio Caramagna)

Quando il buio della notte incontra il buio dentro le caverne, chissà quali segreti si scambiano.
(Fabrizio Caramagna)

Le grotte sono piene di rubinetti non ben chiusi.
(Fabrizio Caramagna)

Chissà che cosa si diranno le antiche grotte ogni volta che nasce una stalattite.
(Fabrizio Caramagna)

Quante sentimenti nel mondo minerale.
La tenacia della roccia, la pazienza della stalattite, la trasparenza del cristallo, l’esultanza del quarzo.
(Fabrizio Caramagna)

Quella goccia d’acqua ha un alibi perfetto. Non può aver originato il diluvio universale. Stava formando una stalattite.
(Fabrizio Caramagna)

Nelle grotte ci sono stalagmiti più scure di altre che sono state annerite dagli sbadigli dei dinosauri.
(Fabrizio Caramagna)

La casa? È castello e isola, torre e caverna,
miracolo e quotidianità, ordine e calore,
e la voce delle cose che ci aspettano ogni giorno al nostro rientro.
(Fabrizio Caramagna)

Chissà che cosa avvampa nel termosifone.
Le sue conduttore sono vene
dove scorre un liquido caldo.
Viene dalla moderna caldaia – come ci dicono –
o il suo interno calore
appartiene ancora al fuoco di qualche antica caverna preistorica?
(Fabrizio Caramagna)

Come si è disumanizzato l’uomo da quando è uscito dalle caverne.
(Fabrizio Caramagna)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.