Frasi e aforismi sulla dignità

Frasi e aforismi sulla dignità, scritti da Fabrizio Caramagna. Tra i temi correlati Frasi e aforismi sull’onestà, Frasi e aforismi sulla gentilezza, Frasi e aforismi sulla purezza e Frasi e aforismi sull’orgoglio.

**

Frasi e aforismi sulla dignità

Se agisci sempre con dignità, forse non migliorerai il mondo, ma una cosa è certa: ci sarà un mascalzone in meno sulla Terra.
(Fabrizio Caramagna)

Mettersi di traverso all’ingiustizia, è l’unico modo per non sprecare la propria dignità.
(Fabrizio Caramagna)

C’è gente che passa la vita a inseguire la propria dignità. Senza raggiungerla mai.
(Fabrizio Caramagna)

Arrivista: lui arriva in alto, la sua dignità giace in basso, tra i resti della spazzatura mossa dal vento.
(Fabrizio Caramagna)

Essere bassi ma essere all’altezza.
La vedo cosi la dignità.
(Fabrizio Caramagna)

La dignità si mostra soprattutto nei momenti di grande sfortuna o fortuna della vita, dove interviene per salvarci dalla vergogna o dal ridicolo. E’ difficile trovare la dignità nella grigia routine della vita.
(Fabrizio Caramagna)

Per fortuna esiste un freno che si chiama dignità, che ci impedisce di schiantarci contro il ridicolo.
(Fabrizio Caramagna)

Conosco un punto di non ritorno nei rapporti interpersonali ed è la mancanza della parola data. E’ il punto di rottura della dignità e del senso dell’onore.
(Fabrizio Caramagna)

Il premio dell’onestà non è soldi, ma dignità.
(Fabrizio Caramagna)

Dove perdo la stima, la fiducia e la dignità,
perdo la voglia di restare.
(Fabrizio Caramagna)

Forse è questa la dignità, restare soli se non si trova l’amore
(Fabrizio Caramagna)

La dignità: quel luogo dove nessuno ti farà un applauso ma tu ti sentirai a posto con te stesso.
(Fabrizio Caramagna)

A volte entri dentro delle tempeste che ti scuotono
e non hai protezioni né maschere,
ma solo dignità,
e spesso soccombi,
ma vuoi mettere il profumo di pulito che ti resta addosso.
(Fabrizio Caramagna)

Le cose che non dici per non ferire, feriscono la tua dignità.
(Fabrizio Caramagna)

La dignità e la debolezza cercano di raggiungere ogni giorno un accordo di convivenza pacifica.
(Fabrizio Caramagna)

La mancanza è quantificabile in numero di ore senza sonno, in numero di volte che vorresti chiamare, in numero di “chissà cosa sta facendo adesso”, in perdita di dignità e di pudore.
(Fabrizio Caramagna)

Ho bisogno di assentarmi un attimo per potere crollare con dignità. Torno subito.
(Fabrizio Caramagna)

Puoi offenderla, calpestarla o buttarla in un angolo.
La dignità si rialzerà sempre e ti guarderà dritto negli occhi.
(Fabrizio Caramagna)

Nella povertà io ci vedo la tensione del vissuto, il compromesso con un destino avverso.
E dignità. Tanta.
(Fabrizio Caramagna)

C’è chi chiede la rinvincita solo per perdere in modo più dignitoso.
(Fabrizio Caramagna)

Quando usi qualcuno per i tuoi scopi
e butti via la tua dignità e la tua coscienza.
Pensi di vincere ma perdi sempre.
(Fabrizio Caramagna)

Ho imparato a non confondere la mancanza di coerenza con la mancanza di dignità. Nel primo caso hai provato ad assecondare un’idea nuova. Nel secondo, hai perso te stesso.
(Fabrizio Caramagna)

Il campo della dignità è il primo ad allagarsi quando il desiderio supera il livello di guardia.
(Fabrizio Caramagna)

L’onore è la cornice della dignità.
(Fabrizio Caramagna)

Onore e dignità sono delle parole che arrossiscono se vengono messe al plurale.
(Fabrizio Caramagna)

Tra tutte le virtù quella che il potere mette più alla prova è la dignità.
(Fabrizio Caramagna)

Comunque se io fossi la parola “dignità”, da certe bocche non ci vorrei proprio passare.
(Fabrizio Caramagna)

La mia dignità è stufa di infrangere tutte le sue regole per rispettare le tue.
(Fabrizio Caramagna)

La vigliaccheria si esprime in un vicolo buio e nascosto, quando la dignità e la coscienza non la guardano.
(Fabrizio Caramagna)

Decenza: barchetta di carta, fragile ma luminosa, che si mantiene a galla nell’acqua torbida di una fogna.
(Fabrizio Caramagna)

E se fossero cambiate le regole del gioco? E se l’onesta, la dignità e la trasparenza fossero rimaste le uniche a giocare con le vecchie regole?
(Fabrizio Caramagna)

Gli scrittori che passano il tempo a promuovere il proprio libro, vengono ricordati come insistenti fino al ridicolo. Ottengono l’esatto contrario di ciò che si erano prefissi: una macchia indelebile che rivela solo il modo in cui hanno perso la loro la dignità.
(Fabrizio Caramagna)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.