Frasi e aforismi sulla morte

Frasi e aforismi sulla morte e il morire, scritti da Fabrizio Caramagna. Tra i temi correlati Frasi e aforismi sulla vita, Frasi e aforismi sull’immortalità, Frasi e aforismi sull’aldilà e Frasi e aforismi sulla perdita.

**

Frasi e aforismi sulla morte

Gli anni, le ore, ti cercheranno e non ti troveranno.
Passeranno dentro i raggi del sole,
ruoteranno intorno al collo di altre persone
e si chiederanno dove sei.
(Fabrizio Caramagna)

Una delle poche delicatezze della morte è che non ci fa conoscere la nostra data segnata sul calendario.
(Fabrizio Caramagna)

Vivere è il più esteso dei verbi: non lascia fuori nulla, neppure la morte.
(Fabrizio Caramagna)

La morte non fa eccezioni. E’ la sua regola.
(Fabrizio Caramagna)

Dopo la morte si avrà a disposizione un tempo infinito. Il problema è che non si saprà come impiegarlo.
(Fabrizio Caramagna)

La morte ci toglie la terra sotto i piedi per posarla sul nostro corpo.
(Fabrizio Caramagna)

La morte è un mantello calato all’improvviso, capace di convertire in buio la delicata docilità della luce sopra le cose
(Fabrizio Caramagna)

Viene quell’età in cui la morte comincia a prenderci per mano, sostituendosi alla mano del tempo che ci aveva portato fino a lì.
(Fabrizio Caramagna)

Ogni volta la morte prende il destino per le orecchie e gli ripete: “Te l’ho detto che sarebbe finita così. Sono secoli che non mi ascolti, stupido sognatore”.
(Fabrizio Caramagna)

La vita ci lascia molto prima che la morte ci agguanti.
(Fabrizio Caramagna)

C’è un libro che nessuno può leggere e che ammette solo la scrittura. E lo conosce solo chi lo scrive: la morte.
(Fabrizio Caramagna)

Dopo la morte, noi saremo ciò che eravamo prima di essere stati.
(Fabrizio Caramagna)

Che cosa sappiamo della morte? Tutti coloro che ne hanno parlato erano ancora vivi. Gesù ha resuscitato Lazzaro, ma non il suo silenzio.
(Fabrizio Caramagna)

In me ci sono quattro morti: la mia morte, la morte di ciò che ho fatto, la morte dei ricordi di me e infine la morte della mia specie.
(Fabrizio Caramagna)

La morte abolisce il presente e il futuro.
Ma il passato dei morti si fa enorme, incommensurabile, pieno di dettagli nuovi.
(Fabrizio Caramagna)

Pur sapendo dalla storia che la risposta è sempre stata “No!”, continuiamo impavidi e pervicaci a chiedere alla Morte: “Risparmi almeno me?”.
(Fabrizio Caramagna)

Si muore anche così.
All’ingresso di una scuola,
nel cerchio perfetto di un prato,
nella luce dorata di un tramonto.
La morte ti viene a cercare dovunque.
(Fabrizio Caramagna)

Quando uno muore, i vivi si sentono svuotati. Poi dopo un po’ ricominciano a vivere e la loro mente si riempie di sogni e il loro cuore si riempie di battiti. E’ difficile resistere alla vita.
(Fabrizio Caramagna)

Da bambini siamo stati spinti nel buio, e poi siamo tornati – ridendo o tremando – nella luce. Morire è essere spinti nel buio e non tornare più
(Fabrizio Caramagna)

Finché ci sarà qualcuno che saprà custodire le nostre cose anche quando saremo morti, saremo in salvo.
(Fabrizio Caramagna)

Nei nostri sogni i morti riappaiono e vivono nuove avventure. Noi dormiano perché loro vivano. Di notte questi fantasmi si reincarnano nella nostra mente che sogna. I nostri sogni sono il loro aldilà.
(Fabrizio Caramagna)

La morte, pur se stampata in miliardi e miliardi di volumi, ha una sola pagina. Uguale per tutti.
(Fabrizio Caramagna)

Sono troppo mortale per non essere il complice segreto della mia morte.
(Fabrizio Caramagna)

Sogno un mondo di avvisi di necrologio al contrario. “Il signor B. ha abbandonato la morte. Ha deciso di vivere più a lungo”.
(Fabrizio Caramagna)

Il problema della morte è che resta per lungo tempo asintomatica, e quando infine viene diagnosticata, è troppo tardi.
(Fabrizio Caramagna)

Chi non ha la prospettiva certa di morire a breve pochissime volte ha veramente coscienza della sua morte. I sani parlano della morte come se riguardasse sempre gli altri.
(Fabrizio Caramagna)

La morte: un orologiaio che non lascia nessuno senza la sua ora.
(Fabrizio Caramagna)

Ci si avvicina alla morte come ci si è avvicinati alla nascita. Senza saperlo. E’ stato un seme incosciente che è caduto in un ovulo, sarà un corpo incosciente che cadrà in terra senza rialzarsi più.
(Fabrizio Caramagna)

Mettiamo in atto tutta una serie di tentativi per eludere la morte, e spesso ci riusciamo.
Ma come possiamo eludere la nascita?
(Fabrizio Caramagna)

Un dolore nero: risucchia tutto l’universo la stella esplosa di un bambino.
(Fabrizio Caramagna)

La morte di un bambino toglie senso al mondo.
Noi siamo preparati alla morte dei grandi,
ma non alla morte di un bambino.
Dio, nella sua ingiustizia imperscrutabile,
sa essere ingiusto anche con gli angeli.
(Fabrizio Caramagna)

Ci sono dei morti meno morti che altri. Quando ci si riflette, si scopre che ci sono anche dei vivi più vivi di altri.
(Fabrizio Caramagna)

Quante volte durante la giovinezza stringiamo con coraggio le maniglie della morte senza mai aprire la porta.
(Fabrizio Caramagna)

Siamo come palloncini colorati che volano nel cielo e arrivano a toccare nuvole e stelle che sembravano lontanissime. Poi gli anni passano e noi iniziamo a scendere, in modo sempre più impercettibile, passando in mezzo a rovi e scogli e alberi puntuti, rimanendo sempre più soli, non riuscendo a intuire nulla dello spillo dove ci toccherà andare a sbattere.
E quando succederà, sarà come uno scoppio silenzioso. Non importa se dentro il palloncino c’erano idee, progetti, ricordi, emozioni, esperienze. Se c’era tutta la nostra vita. Puf…. Ogni cosa si staccherà e volerà via con una rapidità inconcepibile. E anche se pensavi di aver accumulato in quel palloncino così tante cose, così numerose e piene da ritenerle quasi eterne, sparirà tutto, come un soffio che si perde nell’aria.
Resterà solo qualcosa nella memoria di chi ha voluto bene, nelle azioni che abbiamo fatto, nelle tracce che abbiamo lasciato.
Ma saranno immagini incerte e fuggitive, forme di memoria che si sbricioleranno ogni giorno sempre di più.
E quando la mancanza di noi non toccherà più nessuno, quando nessuna mano o sguardo si poserà – anche solo un attimo – sul nostro volto o sul nostro nome, torneremo per sempre nel grande Nulla da cui siamo venuti.
(Fabrizio Caramagna)

“Come vorresti morire?”
“Strangolato da una nuvola”
(Fabrizio Caramagna)

Sul letto di morte non voglio parlare con il cappellano. Voglio parlare con il cappellaio matto.
(Fabrizio Caramagna)

Ah, se la morte fosse solo uno spazio in bianco, come quello che separa una poesia dall’altra.
(Fabrizio Caramagna)

Dopo di chi sono nato e prima di chi morirò?
(Fabrizio Caramagna)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.