Frasi e aforismi sull’orologio

Frasi e aforismi sull’orologio, scritti da Fabrizio Caramagna. Tra i temi correlati Frasi e aforismi sul tempo, Frasi e aforismi sul presente e Frasi e aforismi sull’attimo e l’istante.

**

Frasi e aforismi sull’orologio

Vicino a te tutti gli orologi segnano la gioia in punto.
(Fabrizio Caramagna)

La lancette dell’orologio agitano le braccia per inseguire il tempo. Che continua a scappare.
(Fabrizio Caramagna)

Quando si usavano gli orologi da taschino sembrava che il tempo fosse più nostro.
(Fabrizio Caramagna)

Affidare l’orologio della propria vita nelle mani di un figlio, in un pomeriggio di giochi: quando lo si riprende è di nuovo luminoso e segna tutti i secondi.
(Fabrizio Caramagna)

Nei bambini la realtà è così piena di forme e colori che l’orologio dimentica il tempo e gira come un caleidoscopio magico.
(Fabrizio Caramagna)

Ci sono rari momenti in cui l’orologio è una bussola. Non segnala l’ora, ma indica il nord dell’eternità.
(Fabrizio Caramagna)

Amo il tempo che si dilata nella notte, orologi molli su cui le lancette sembrano perdere il peso e il ritmo serrato del giorno.
(Fabrizio Caramagna)

– Io colleziono orologi di lusso… e tu?
– Io colleziono tramonti, sorrisi di sconosciuti, vinili di musica, libri letti, cartoline da spedire, abbracci veri e strade che portano al mare.
(Fabrizio Caramagna)

– E tu che hai fatto oggi?
– Ho rotto gli orologi, ho cancellato le scadenze e sono scappato dall’uscita secondaria del tempo.
(Fabrizio Caramagna)

Portiamo l’orologio al polso, però l’altro ci resta libero per non pensare al tempo.
(Fabrizio Caramagna)

Da una relazione di un alieno sul pianeta terra.
“Qui la persone provano continuamente a mandare avanti e indietro le lancette degli orologi e per qualche strana ragione non riescono a vivere il momento presente.
Indossano tutti delle maschere con un sorriso che sembra finto. Dicono di essere felici, ma guardano sempre un display luminoso. E si sono dimenticati delle stelle”.
(Fabrizio Caramagna)

Ogni mattina, dopo il risveglio, mi metto le scarpe ed entro nello spazio. Mi metto l’orologio ed entro nel tempo. Accendo lo smartphone ed entro nella schiavitù.
(Fabrizio Caramagna)

Domeniche in cui si sta luminosi dentro un maglione caldo, mentre l’orologio si è preso una giornata libera.
(Fabrizio Caramagna)

Il negozio di orologi è l’unico posto dove non c’è modo di sapere che ore sono: tra così tanti orologi, nessuno mostra la stessa ora.
(Fabrizio Caramagna)

Ci sono quelle attese che non finiscono mai.
Dove le lancette non ruotano sul quadrante dell’orologio, ma s’arrampicano iinutilmente su vetri insaponati.
(Fabrizio Caramagna)

Due volte al giorno le lancette dell’orologio mi fanno le corna. Con chi mi sta tradendo il tempo?
(Fabrizio Caramagna)

L’orologio a cucu tenta invano di ipnotizzare il tempo.
(Fabrizio Caramagna)

La morte: un orologiaio che non lascia nessuno senza la sua ora.
(Fabrizio Caramagna)

I giri e i giri e i giri della lancetta dell’orologio: mulinello che finisce per pescarci tutti quanti.
(Fabrizio Caramagna)

L’orologio è rotondo perché il tempo ci circonda da ogni parte.
(Fabrizio Caramagna)

Nell’ultimo secondo prima dell’eternità, la lancetta farà Tic o Tac?
(Fabrizio Caramagna)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.