Frasi e Aforismi

Frasi e aforismi sull’errore e lo sbaglio

Frasi e aforismi sull’errore e lo sbaglio, scritti da Fabrizio Caramagna. Tra i temi correlati Frasi e aforismi sulla fragilità.


Non accusate gli errori.
Prima di diventare tali sono stati un bellissimo sogno.
(Fabrizio Caramagna)

Il momento che segue l’errore è cruciale.
Puoi continuare a difendere quello che eri. O capire chi sei.
(Fabrizio Caramagna)

La maggior parte dei miei errori sono persone
che non erano mai dove promettevano di essere.
(Fabrizio Caramagna)

Tu fai gli errori, e gli errori fanno te
(Fabrizio Caramagna)

Non guardarmi soltanto quando sogno. Quando sorrido. Quando apro finestre nel cielo e guardo cosa c’è oltre.
Guardami mentre inciampo e cado. Quando combatto e sbaglio. Guardami quando ho paura. Quando il buio sta per arrivare.
Allora sì, potrai dire chi sono.
(Fabrizio Caramagna)

È questo intreccio di bianco e nero, di bene e male,
di fragilità e meraviglia, di desiderio e disincanto,
di rinuncia e di “vorrei qualcosa di impossibile”.
È questo intreccio che ci confonde,
e ci fa sentire più sbagliati di tutti gli sbagliati e più vivi di tutti i vivi.
(Fabrizio Caramagna)

Delle onde mi piace il loro fragore. Quel sovrastare la voce dell’universo quando prova a ricordarmi tutti i miei errori.
(Fabrizio Caramagna)

Per fare una creatura, la natura ne fa un mucchio. La natura sbaglia tantissimo. I pezzi sbagliati – come i dinosauri, gli squali megalodonti, gli artropodi giganti – li butta nella spazzatura. Ma quelli che restano dopo secoli, sono animali splendidi come il leone, il cobra, la farfalla.
(Fabrizio Caramagna)

Al mare non c’è un solo errore.
Niente da correggere nella traiettoria delle onde che si frangono sulla riva,
nelle storie raccontate dalle conchiglie,
nel vento che dà direzione alle nuvole e ai capelli.
E così anche i miei pensieri più confusi si allineano
e non c’è un solo battito del mio cuore che
non finisca per stare nel punto esatto in cui deve stare.
(Fabrizio Caramagna)

Non c’è un solo errore di ortografia nella fioritura del glicine. I suoi rami sanno sempre come arrampicarsi, come scrivere righe di inchiostro viola sui muri.
(Fabrizio Caramagna)

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.