Frasi e Aforismi

Frasi e aforismi sui sassi e le pietre

Frasi e aforismi sui sassi e le pietre, scritti da Fabrizio Caramagna. Tra i temi correlati Frasi e aforismi sulla montagna.

Le pietre respirano. Una volta ogni mille anni e la nostra vita è troppo breve per accorgersene
(Fabrizio Caramagna)

Se sollevi una pietra,
sotto l’eternità lascia trapelare un po’ del suo segreto.
(Fabrizio Caramagna)

Buon Dio,
salvami dal tempo e dall’effimero,
insegnami la felicità delle pietre.
(Fabrizio Caramagna)

A volte mi sento come un sasso scagliato che rimbalza sull’acqua, convinto di saper volare e inconsapevole che prima o poi dovrà inabissarsi.
(Fabrizio Caramagna)

Una pietra messa qui nello spazio dalla mano di un altro. Superstite di quale movimento?
(Fabrizio Caramagna)

Se potessi entrare per qualche istante nel regno minerale. Mi vestirei con sobrietà al matrimonio delle pietre, scivolerei dentro la clessidra insieme ai granelli di sabbia, imparerei dalla roccia a stare imperturbabile sotto il sole e la pioggia, ammirerei la luce del diamante. Ma una cosa vorrei fare più di tutte: incontrare la grafite e chiederle quali sono le parole più belle che sono passate sotto la sua matita.
(Fabrizio Caramagna)

Tutte le rovine sono belle da guardare. Forse perché il mistero si è messo al posto della pietra, e adesso la pietra si sente qualcosa più della pietra. Si sente storia e leggenda.
(Fabrizio Caramagna)

Con le facce il mare fa il contrario di quello che fa con i ciottoli. Liscia i ciottoli, rende rugose le facce.
(Fabrizio Caramagna)

Quando si va in montagna si diventa teologi del vento, delle foglie, del cielo.
In ogni pietra si riconosce la stessa venatura di luce di cui è fatto l’universo.
(Fabrizio Caramagna)

Chissà.
Forse sei come quei bambini silenziosi che lanciano le pietre nel pozzo,
e non si chiedono se lo schianto faccia soffrire qualcuno là in basso.
(Fabrizio Caramagna)

Veniamo da un embrione più piccolo di un unghia, e viviamo su una pietra sparsa tra miliardi di altre pietre nell’universo. Tuttavia, dentro di noi c’è un piccolo frammento chiamato anima, che si fa domande, e quando la notte contempliamo l’universo sappiamo che esso, per esistere, ha bisogno del nostro sguardo.
(Fabrizio Caramagna)

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.