Frasi e aforismi sulla timidezza

Frasi e aforismi sulla timidezza, scritti da Fabrizio Caramagna. Tra i temi correlati Frasi e aforismi sulla gentilezza, Frasi e aforismi sulla prudenza e Frasi e aforismi sull’arrossire.

**

Frasi e aforismi sulla timidezza

I timidi si nascondono come certi quadri negli angoli dei musei e aspettano di essere guardati dagli occhi giusti.
(Fabrizio Caramagna)

Almeno una volta nella vita bisogna amare una persona timida e solitaria. E’ come entrare in una stanza segreta dove c’è un tesoro che nessuno conosce.
(Fabrizio Caramagna)

I timidi amano in maniera silenziosa, riservata e discreta. Amano con la testa piena di parole e le mani dai gesti trattenuti.
(Fabrizio Caramagna)

Mi piacciono quelle ragazze che possono mettere in ginocchio il mondo, ma poi preferiscono restare sdraiate sul mio grembo tutto il giorno a parlare di filosofia e musica e di quanta luce fanno i desideri nelle giornate di vento.
(Fabrizio Caramagna)

Due occhi timidi, volendo, sanno sbranare un branco di lupi.
(Fabrizio Caramagna)

Timido e selvaggio, la combinazione perfetta.
(Fabrizio Caramagna)

Era così bella vestita soltanto della sua timidezza. Le sapeva portare così bene da sembrare invincibile
(Fabrizio Caramagna)

Sii il timido che, quando la sua vita cambia, non va a raccontarlo su internet,
l’anticonformista che guarda un tramonto senza scattare una foto,
l’intrepido che, anziché scrivere via chat alla sua donna che gli manca, va a suonare il citofono e glielo dice negli occhi.
(Fabrizio Caramagna)

I timidi non chiedono mai spazio ma solo un buco nero in cui scomparire.
(Fabrizio Caramagna)

Ci sono persone timide e taciturne. Ma i loro respiri quante storie hanno da raccontare al vento.
(Fabrizio Caramagna)

E cosa ci fa una mia timidezza, proprio lì sulle tue labbra?
(Fabrizio Caramagna)

Era una persona così timida che arrossiva persino allo sguardo dei papaveri
(Fabrizio Caramagna)

Parlano poco, sentono tanto, si tengono quasi tutto dentro. Quelli che si fanno divorare piuttosto che chiedere aiuto. I timidi.
(Fabrizio Caramagna)

Sono timido. Soffro di un complesso di interiorità.
(Fabrizio Caramagna)

Lei si spogliò, tenne addosso solo la timidezza.
Lui spense la luce per non mostrare la sua.
(Fabrizio Caramagna)

Dove non mi porti oggi, mia cara timidezza?
(Fabrizio Caramagna)

La timidezza è come un colibrì che ha paura del fiore, vibra e sta sempre indietro anziché baciarlo
(Fabrizio Caramagna)

Lei ti mancherà di più quando camminerai nel bosco,
tenendo le mani di una ragazza che non crede agli unicorni parlanti e ai lupi timidi.
(Fabrizio Caramagna)

La timidezza che ridisegna i confini, l’istinto che li elimina e decide di seguire la direzione di un sorriso.
(Fabrizio Caramagna)

L’amore timido non può durare: o la paura dissolve l’amore oppure si dissolve per amore.
(Fabrizio Caramagna)

Il nostro corpo, scoprendo la verità di un corpo sconosciuto, si scopre straniero a se stesso, e prova timidezza non per l’altro corpo, ma per quest’altro che è diventato il suo corpo.
(Fabrizio Caramagna)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.