Frasi e aforismi sul passeggiare e la passeggiata

Frasi e aforismi sul passeggiare e la passeggiata, scritti da Fabrizio Caramagna. Tra i temi correlati Frasi e aforismi sulla strada, Frasi e aforismi sulla camminata e il cammino e Frasi e aforismi sul viaggio e il viaggiare.

**

Frasi e aforismi sul passeggiare e la passeggiata

Se domandi qualcosa, ti aspetti una risposta. Se la risposta non arriva, fatti una passeggiata. Le passeggiate servono sempre.
(Fabrizio Caramagna)

In fondo serve solo un po’ di brezza sulla pelle, una passeggiata sul mare, un bicchiere da finire e una stagione in sottofondo che ti fa sorridere.
(Fabrizio Caramagna)

Una passeggiata nel parco, io e te. Il tuo braccio intorno alla vita, passi lenti e labbra così felici da tremare.
(Fabrizio Caramagna)

Le città che quando passeggi non ti rendi conto del tempo e ti perdi all’angolo tra un dettaglio e lo stupore.
(Fabrizio Caramagna)

L’amore sa trasformare in sacro uno sguardo, una passeggiata, persino una giornata di pioggia.
(Fabrizio Caramagna)

La passeggiata calma il paesaggio.
(Fabrizio Caramagna)

Una persona che passeggia mangiando il gelato, tra il sole e gli alberi, è una felicità che sta fortificando se stessa.
(Fabrizio Caramagna)

Oggi mi sento così leggero che il cielo mi passeggia accanto.
(Fabrizio Caramagna)

Dalla mia mente si diparte una strada di primavera,
e sulla strada passeggiano una stella e una margherita
ed ecco, poco più in là, il tuo sorriso come una calda casa abitata.
Aspettami, arriverò domani.
(Fabrizio Caramagna)

Mi sono avvicinato al presente e lui mi ha detto: “Mi chiamo presente, ma nessuno mi vuole. Mi danno per scontato perché sono sempre davanti ai loro occhi. Sono in un sorriso, in una nuvola, in un passeggiata, in un frutto sul ramo. Basterebbe toccarmi qualche istante, per sentire tutta la pienezza della vita. Ma tutti cercano ciò che non esiste”.
(Fabrizio Caramagna)

Il padrone e il cane a passeggio. Chi guida e chi si affida? A volte è il padrone, a volte è il cane.
(Fabrizio Caramagna)

L’incantevole compagnia del cane, che anche se non lo chiami ti accompagna a passeggio e, quando ti fermi, si sdraia accanto a te. Sei la sua famiglia.
(Fabrizio Caramagna)

Ci sono cani che portano i loro padroni a fare una passeggiata, così possono incontrare altri cani.
E ci sono cani che portano i loro padroni a fare una passeggiata, così possono incontrare altri padroni.
(Fabrizio Caramagna)

Si passeggia per la collina, finché la collina ci lascia in basso e se ne va ad inseguire la luna.
(Fabrizio Caramagna)

Colline da vivere passeggiando alla ricerca di cose da vedere, che l’occhio non è mai sazio.
(Fabrizio Caramagna)

Una passeggiata nel gelo che vibra,
mentre la sciarpa avvolge pensieri e malinconie.
(Fabrizio Caramagna)

Come quando passeggi nel bosco e dopo una curva senti il suono di una cascata e l’orizzonte all’improvviso cambia e tutto diventa più fresco e luminoso.
Così è la vita.
(Fabrizio Caramagna)

Una passeggiata al lago, le papere, una libellula ed io che sono calmo come il lago, spensierato come le papere e leggero come una libellula.
(Fabrizio Caramagna)

Dì a tuo figlio che è bello e ha gli occhi pieni di colori, portalo a vedere i prati quando fioriscono e leggigli un libro prima di dormire.
Incoraggialo anche a scrivere poesie e spiegagli come si fa a cancellare il “giammai” e allungare a dismisura le sillabe e gli spazi del “si può”. E se è un sognatore insegnagli a fare le prime passeggiate sulle nuvole.
E soprattutto ascoltalo quando il vento degli anni è più forte e si porta via le parole e le certezze.
(Fabrizio Caramagna)

E’ Autunno e piove.
Passeggio sotto gli alberi del parco e gocciola come in primavera, ma con un altro rumore, un’altra densità, un altro odore, un’altra malinconia.
(Fabrizio Caramagna)

L’estate è paseggiare scalzi e sentire il sole sui piedi.
(Fabrizio Caramagna)

Oggi passeggio scalzo sul prato e faccio invidia al cielo che vorrebbe fare altrettanto.
(Fabrizio Caramagna)

Baratto vendette agognate e rivincite impossibili con passeggiate mano nella mano in prati di giacinti e fiordalisi.
(Fabrizio Caramagna)

Oggi sarebbe stato un bel giorno per fare una passeggiata dentro un quadro di Monet a guardare gli stagni e parlare con le ninfee.
(Fabrizio Caramagna)

Quella cosa tipo passeggiare in una citta di notte. Il momento in cui tutti sono da un’altra parte e tu ritrovi lo spazio perduto.
(Fabrizio Caramagna)

Gli angeli vedono cose che noi non vediamo.
La pecora sorridere al lupo,
il riccio aprirsi davanti al serpente,
il tuono bussare alle porte del silenzio,
I boschi andare a passeggio con il mare.
(Fabrizio Caramagna)

Il puoi ma non vuoi e il vorresti ma non potrai passeggiano insieme questa mattina sotto un cielo plumbeo.
(Fabrizio Caramagna)

Era un pensiero originale ma privo di forza e energia, uno di quelli che, mentre passeggia tra le reti sinaptiche del cervello, viene prontamente circondato dai neuroni conformisti e retrogradi.
(Fabrizio Caramagna)

Mi piace chi sa passeggiare tra i congiuntivi, respirare l’ombra di una metafora e danzare con precisione tra le virgole e i punti.
(Fabrizio Caramagna)

Il nipote è il miglior bastone da passeggio per il nonno.
(Fabrizio Caramagna)

Il bruco passeggia con dolcezza sul ramo, tributando onori divini all’impercettibile e al minuscolo.
(Fabrizio Caramagna)

Alluvione: i fiumi sommergono completamente i ponti per andare a farsi una passeggiata nelle strade.
(Fabrizio Caramagna)

Oggi vado a fare una passeggiata con la mia ombra in spiaggia. Alla ricerca di avanzi di estate.
(Fabrizio Caramagna)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.