Frasi e aforismi sulla strada

Frasi e aforismi sulla strada e il cammino, scritti da Fabrizio Caramagna. Tra i temi correlati si veda Frasi e aforismi sul paesaggio, Frasi e aforismi sulla scala e Frasi e aforismi sull’orizzonte.

**

Frasi e aforismi sulla strada

Certe strade sanno dirlo meglio. Come certe persone.
(Fabrizio Caramagna)

A volte si percorrono strade che il cuore non capisce
e la mente non sa spiegare.
Ma l’anima lo sa.
(Fabrizio Caramagna)

Se ne vale la pena, si trova tutto.
Tempo, coraggio, voglia e strada.
(Fabrizio Caramagna)

Ogni tanto fai una svolta sbagliata ed esci dal sentiero. Perditi in qualcosa che ami.
(Fabrizio Caramagna)

C’è una scia di fiori rossi al lato del cammino. Una sentiero di presagi che vorrebbe portarti fuori strada.
(Fabrizio Caramagna)

Esistono strade piccole, strette, riservate, nascoste. Quelle che notano in pochi. Quelle che non urlano per rendersi visibili. Sono fatte di passi semplici, muri scrostati, colori segreti e luminosi. E da qualche parte c’è sempre un’emozione che aspetta di essere raccontata.
(Fabrizio Caramagna)

Vieni con me.
Scegliamo la strada meno battuta.
E’ fatta di domande strane e piccoli pezzetti di conchiglie e fate che ti guardano dai cespugli e ogni passo brilla alla luna.
(Fabrizio Caramagna)

E se invece prendessi un’altra strada,
se invece di fare lo stesso percorso
inventassi una capriola
o un salto sulla luna?
(Fabrizio Caramagna)

La vita dovrebbe avere piu svincoli,
piazzole delle meraviglia,
strade della felicità senza uscita,
baci ai caselli
e nessun limite alle possibilità.
(Fabrizio Caramagna)

Incontrarti per la prima volta all’angolo di quella strada è stata una dichiarazione di vita, una poesia mai letta, un’esplosione di colori, una scala appoggiata nel cielo, migliaia di fiori di campo appesi a ogni tua parola.
(Fabrizio Caramagna)

E’ al fondo dei tuoi occhi,
alla svolta di ogni tua risata,
che io ritrovo la strada.
(Fabrizio Caramagna)

“Che strada prendi?”
“Io lo scivolo, e tu?
(Fabrizio Caramagna)

E’ cosa di un momento: io sono la strada e lascio dietro di me il viandante che ero e la distanza e l’affanno e l’incertezza, e ogni cosa è dentro la mia strada.
(Fabrizio Caramagna)

Se è la strada giusta non sei tu a percorrerla, è lei a percorrere te.
(Fabrizio Caramagna)

Troppa gente si occupa dei sensi unici e dei sensi vietati, senza mai mettersi in cammino.
(Fabrizio Caramagna)

Nel corso della vita ne abbiamo fatta di strada. Ma ci siamo dimenticati di tracciare un viottolo in cui camminare lentamente e felicemente con noi stessi.
(Fabrizio Caramagna)

Ho solo sbagliato strada, una decina di incroci e almeno due secoli.
Per il resto tutto bene.
(Fabrizio Caramagna)

Forse la vita è come un fiume che va al mare: forse non siamo andati dove intendevamo andare, ma siamo finiti dove avevamo bisogno di essere
(Fabrizio Caramagna)

La strada che credevo abbandonata per sempre soffre, perché non provo più a percorrerla.
(Fabrizio Caramagna)

Mi sono reso conto che ho perso la strada e che mi sono dimenticato dove sta il futuro e ora voglio chiedere informazioni a quegli alberi all’orizzonte e intanto costruisco un’astronave.
E tu che fai stasera? Se ti va, ti porto su una stella.
(Fabrizio Caramagna)

Accade spesso che le cose non le fai succedere.
Perché hai paura.
Perché è più facile ignorare il futuro.
Perché la strada è lunga.
Perché è già sera.
Perché è così.
(Fabrizio Caramagna)

Non cercare una strada tutta in discesa, senza ostacoli, senza curve, solo per te: non l’hanno ancora inventata.
(Fabrizio Caramagna)

Chissà se poi si riesce a riciclare tutta la strada in più fatta per evitare altri passi inutili.
(Fabrizio Caramagna)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.