Frasi e aforismi sulla possessività

Frasi e aforismi sulla possessività e l’essere possessivi in amore, scritti da Fabrizio Caramagna. Tra i temi correlati Frasi e aforismi sull’avere e il possesso, Frasi e aforismi sulla gelosia e Frasi e aforismi sulla coppia.

**

Frasi e aforismi sull’essere possessivi e la possessività

Il vero amore è voler amplificare la libertà altrui. Altrimenti è solo possesso, gelosia, controllo. Talora anche violenza.
(Fabrizio Caramagna)

A quegli uomini che amano solo le relazioni di sottomissione si consiglia di prendere un cane o un gatto (in alternativa un pappagallo), non una persona.
(Fabrizio Caramagna)

Amare qualcuno significa anche accettare che non lo conoscerai mai completamente e che devi rispettare il suo spazio perché è il tuo compagno, non la tua proprietà.
(Fabrizio Caramagna)

Nel mio petto due guerrieri combattono a duello; uno vuole rapirti, possederti, l’altro non vuole interferire nella tua vita, anche se sa che morirà senza di te.
(Fabrizio Caramagna)

Lui confondeva l’amore con il possesso. L’affetto con la sottomissione.
Lei un giorno lo lasciò. Smise di confondere il suo uomo con qualcuno che non meritava il suo amore.
(Fabrizio Caramagna)

L’amore è incompatibile con la misura, il controllo, il possesso, il distacco.
(Fabrizio Caramagna)

In amore hai perso se non controlli più: desiderio, gelosia, possessività, paura, dipendenza e attaccamento.
(Fabrizio Caramagna)

Amore libero: desidero che tu sia per te, prima di essere per me.
Amore possessivo: desidero che tu sia per me, prima di essere per te.
(Fabrizio Caramagna)

Dentro le profondità di ogni relazione ci possono essere radici che crescono o tentacoli che soffocano.
(Fabrizio Caramagna)

Sviluppo un eccessivo attaccamento alle persone che mi danno libertà.
(Fabrizio Caramagna)

Né di obblighi né di abitudini né di aspettative, ma di piacevoli libertà circondami.
(Fabrizio Caramagna)

Ti lascio la libertà di essere chi vuoi e dove vuoi.
So stringere solo così, lasciando spazio.
(Fabrizio Caramagna)

La gelosia è una forma di attenzione. La possessività di oppressione.
(Fabrizio Caramagna)

Nella possessività ci sono due vittime: i possessivi e i posseduti.
(Fabrizio Caramagna)

Nell’uomo l’amore si complica con l’assenza e la fuga, nella donna con la presenza e la possessività. Così, talvolta, l’amore degli uomini è egoista e codardo, quello delle donne eccessivo e invadente.
(Fabrizio Caramagna)

Non basta amare una persona. Devi abitarla, devi sentirti dentro; e in quel dentro non devi soffocare, ma provare la più completa libertà.
(Fabrizio Caramagna)

Cambiamo il vaso alle piante, perché la terra che le ha sempre ospitate, a un certo punto, può diventare arida, angusta, soffocante. Così certi amori. Andrebbero rinvasati togliendo catene, obblighi, controlli.
(Fabrizio Caramagna)

In amore ci si muove tra l’ossigeno di un vorrei e l’asfissia di un dovrei.
(Fabrizio Caramagna)

Possessività: un sentimento che svuota l’amore, per riempirlo di infinite modalità di controllo.
(Fabrizio Caramagna)

Il Possesso urla “sei mio”.
L’Appartenersi sussurra “ci siamo scelti”.
(Fabrizio Caramagna)

Si avvisano i fidanzati, i compagni e gli amanti che controllo e possesso non sono sentimenti.
(Fabrizio Caramagna)

Alcuni uomini innamorati e possessivi non hanno le farfalle nello stomaco, hanno i calabroni.
(Fabrizio Caramagna)

Certe idee dell’amore hanno più che a fare con l’accanimento, la possessività, il controllo, la violenza e quasi sempre con l’essere psicopatici.
(Fabrizio Caramagna)

I possessivi sono posseduti dall’insicurezza.
(Fabrizio Caramagna)

Esiste una sola cosa peggiore di una donna possessiva: un uomo possessivo quanto una donna.
(Fabrizio Caramagna)

Nella gelosia c’è più paura che fiducia. Nella possessività, più egoismo che rispetto.
(Fabrizio Caramagna)

La gelosia fa sentire vivi. La possessività uccide.
(Fabrizio Caramagna)

La possessività è la paura dell’ignoto.
(Fabrizio Caramagna)

Non il possesso ma l’appartenenza rende vero un legame.
Quando a muovere la coppia non sono leggi e ordini, ma il movimento condiviso di tanti sì possibili.
(Fabrizio Caramagna)

Lei disse: “Non è catturare, non è trattenere, non è possedere. E’ cedere e ammirare il suo passo senza volerlo adattare al mio, né smettere di amarlo”.
(Fabrizio Caramagna)

La possessività usatela solo quando lasciate un bacio esteso su più parti del corpo.
(Fabrizio Caramagna)

A parte un tuo brivido, qui tra il collo e la scapola, oggi non possiedo nulla.
(Fabrizio Caramagna)

Cosa possiedi?
Solo parole.
E cosa vuoi?
Occhi che hanno le profondità del cielo.
E poi?
Sorrisi che hanno il colore della felicità e il gusto del vento.
E cosa ci farai?
Ci scriverò una poesia.
E dopo?
E dopo ti lascerò libera di essere chi vuoi. Sogno, fuga, assenza, esplosione, frammento, incanto, abbraccio, respiro.
(Fabrizio Caramagna)

In amore non si possiede che donando. Più si offre se stessi e più si è ricchi dell’altro.
(Fabrizio Caramagna)

Davvero credi che l’affetto stia solo nel dire “sei mio”?
(Fabrizio Caramagna)

Certo, sono suscettibile, un po’ geloso e non mi manca un pizzico di possessività.
Se vuoi domani ti parlo dei miei difetti.
(Fabrizio Caramagna)

Era acido, scontroso, permaloso, burbero, scorbutico, orgoglioso, possessivo, testardo, lunatico, sprezzante e geloso. Ma se ci aggiungevi una dose di sensibilità, un grammo di dolcezza improvvisa, un riflesso di vera autenticità, ne veniva fuori un caratteraccio unico e irrepetibile.
(Fabrizio Caramagna)

Toccare il corpo per possedere, toccare l’anima per volare.
(Fabrizio Caramagna)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *