Frasi e aforismi sulle ossa

Frasi e aforismi sulle ossa, scritti da Fabrizio Caramagna. Tra i temi correlati Frasi e aforismi sullo scheletro, Frasi e aforismi sul sangue e Frasi e aforismi sui nervi.

**

Frasi e aforismi sulle ossa

Tra amanti nel letto, ci si presta le caviglie, il sangue, i brividi, le ossa.
(Fabrizio Caramagna)

Mi sono svegliato con le ossa imbevute di solitudine
e un cuore troppo pesante da riavviare.
(Fabrizio Caramagna)

A un tratto, una mattina, accade qualcosa – atomi invisibili si spostano da un organo all’altro, il sangue cambia direzione, le ferite si chiudono, le ossa si fanno leggere come se dovessero volare, dentro di te senti che qualcosa sta mutando.
(Fabrizio Caramagna)

L’amore ti cambia i battiti del cuore, la direzione del sangue, ti fa crescere invisibili strutture alari dentro le ossa, ti cambia persino il senso del gusto.
Non ti riconosci più. O forse è solo in quel momento che ti riconosci davvero
(Fabrizio Caramagna)

Non aver paura.
Cammina vicino a me senza corazza,
Giochiamo a dare pizzicotti alle nuvole,
a tirare il cielo dentro di noi,
a sentire la voce del vento dentro le ossa.
Apriamo le mani
a catturare tutta la luce del giorno.
(Fabrizio Caramagna)

Le mani che leggono sul corpo. Ossa, vene, brividi, cicatrici, occhi.
(Fabrizio Caramagna)

Io con te mi sento
come chi si sente finalmente a casa
e butta le chiavi sul tavolo
e le scarpe per terra
e le ossa sul divano
e gli occhi sulla scrivania
e il cuore e l’anima sul letto.
E vicino ci sei tu.
(Fabrizio Caramagna)

Quel suo odore che penetrava fin dentro le ossa.
Non saprei dire da dove passava. Se dai pori della pelle o da qualche varco invisibile della mia anima.
Ma non potevo farne a meno.
(Fabrizio Caramagna)

Cosa avranno di così magico le spalle? In fondo sono solo carne, pelle, ossa e tendini, eppure sono capaci di tali meraviglie che non riesco a spiegare..
(Fabrizio Caramagna)

Quando sei vestita, nessuno immagina i mondi che nascondi sotto i tuoi abiti. Ma basta la piega di una gonna, la scollatura di una camicia, l’apertura di una manica a rivelare profondità inaspettate, frammenti di pelle e ossa, linee che portano verso segreti indicibili.
(Fabrizio Caramagna)

Lei era troppo sensibile. Come una persona a cui avessero strappato tutti gli strati di pelle. Se la guardavi non c’era più pelle, c’erano solo sangue, nervi e ossa, e in mezzo scorrevano impulsi, battiti ed emozioni, esposti senza difese alla luce del giorno.
(Fabrizio Caramagna)

A me il freddo che c’è in fondo al mare piace, arriva fino alle ossa e lì non ci è arrivato mai nessuno.
(Fabrizio Caramagna)

L’unico risvolto negativo dell’avere un cuore buono
è che finisci per vedere un riflesso di luce
anche dentro un pugnale,
e quando termina la giornata
ti ritrovi spesso con le ossa rotte.
(Fabrizio Caramagna)

Ascolta bene quelli con le ferite e le ossa rotte.
Fanno una musica mai sentita,
quando ridono o amano.
(Fabrizio Caramagna)

Per quanto ci spogliamo non riusciremo mai a raggiungere la nudità. Dovremmo toglierci la pelle, il sangue, le ossa. E mostrare le ferite, le cicatrici, le paure che si nascondono sotto il cuore che pulsa. Solo allora saremo nudi.
(Fabrizio Caramagna)

Le fratture del cuore sono come quelle delle ossa. Necessitano di un tempo di recupero e forzando prima del necessario guariscono male.
(Fabrizio Caramagna)

È una povera speranza senz’ossa. Per quanto tempo puoi tenerla in piedi?
(Fabrizio Caramagna)

Forse stanotte mi piego un po’, dev’esserci una tempesta segreta da qualche parte giù nelle ossa.
(Fabrizio Caramagna)

Il gatto è un essere aereo.
Le sue zampe sono ali,
le sue ossa sono corde del cielo,
la sua coda è più leggera dell’ombra.
(Fabrizio Caramagna)

Un ulivo dove prende così tante ossa da metterle dentro ogni oliva?
(Fabrizio Caramagna)

Le polpette dovrebbero avere le ossa in modo che si possa tenere il conto di quante ne mangiamo.
(Fabrizio Caramagna)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.