Frasi e aforismi sulla materia

Frasi e aforismi sulla materia, scritti da Fabrizio Caramagna. Tra i temi correlati Frasi e aforismi sul nulla e il niente, Frasi e aforismi sull’atomo, Frasi e aforismi sull’anima e Frasi e aforismi sulla luce.

**

Frasi e aforismi sulla materia

La materia è la ribellione del nulla contro se stesso.
(Fabrizio Caramagna)

Non è vero che la materia non si pronuncia mai sul mondo: guardate un fiore o un cristallo di neve.
(Fabrizio Caramagna)

La gravità è la materia che vuole abbracciare la materia.
(Fabrizio Caramagna)

Il tempo è la materia più deperibile dell’universo: appena l’osservi, si consuma.
(Fabrizio Caramagna)

Tra le tante cose fatte di materiali semplici c’è la neve: la neve è fatta d’anima.
(Fabrizio Caramagna)

Coloro che cercano solo i valori materiali perdono l’unico valore che hanno: se stessi.
(Fabrizio Caramagna)

Compito del pittore è convincere la materia a farsi luce.
(Fabrizio Caramagna)

Uno scultura mostra il tempo, il movimento, la luce.
Rivela la materia e la fa accadere davanti ai tuoi occhi.
(Fabrizio Caramagna)

La scultura violenta la materia. La pittura la accarezza. Ma nessun arte la lascia veramente in pace.
(Fabrizio Caramagna)

Nell’invisibile sono nascosti volumi, linee, proporzioni, equilibri, materiali, luci che aspettano solo la bravura dell’architetto per uscire fuori.
(Fabrizio Caramagna)

Si comincia a leggere gli occhi dell’altro. Poi si continua parlando a voce alta o voce bassa. Poi si sorride e ci si tocca con un gesto. Si ha bisogno degli echi della materia per avere una risonanza dell’altro in sé, uno spazio dove la virtualità viene finalmente abolita.
(Fabrizio Caramagna)

Pensano di essere polpa, sostanza pura, materia buona, ma in realtà cosa sono? Un ego che risuona vuoto.
(Fabrizio Caramagna)

Forse c’è una legge che dice che nulla svanisce, che la materia e le forme sono indistruttibili; forse il tuo sorriso e le tue parole e il tuo guardare il mare esistono ancora da qualche parte.
Ma l’universo è troppo grande e io non so se mai le troverò.
(Fabrizio Caramagna)

Le parole. Materiale così malleabile, così sfuggente, eppure così diffuso! E’ incredibile come una manciata di parole sappiano costruire e al tempo stesso distruggere. Le temo al modo di un credente, che spera ancora nella loro misericordia.
(Fabrizio Caramagna)

La luce svela le cose per liberarle dalla prigione della materia.
(Fabrizio Caramagna)

E se la materia risiedesse nella nostra ombra e il nostro corpo non fosse altro che un proiezione tridimensionale?
(Fabrizio Caramagna)

Ci sono cose che io non so, non posso saperle
come la distanza tra le galassie
o la materia oscura
o il concetto di onde gravitazionali
e poi ce ne sono altre che invece sento
e le sento solo quando sono con te
e siamo in un campo di grano,
giovani e immortali,
a guardare le stelle.
(Fabrizio Caramagna)

La depressione è un buco nero
che assorbe luce e energia,
che disfa, collassa, assorbe
la materia dell’io.
(Fabrizio Caramagna)

Il pezzo mancante nel mio cuore faceva malissimo: e mi chiesi come fosse possibile che una cosa che non c’è, una cosa che è immateriale e non puoi toccare, faccia così male.
(Fabrizio Caramagna)

Adeguandosi al passaggio del libro cartaceo all’ebook e alla sua progressiva dematerializzazione, anche i lettori si sono dematerializzati.
(Fabrizio Caramagna)

Il fisico era già promettente a scuola. Andava bene in tutte le materie, ma dove prendeva voti eccellenti era nell’antimateria.
(Fabrizio Caramagna)

Il vero enigma del cosmo non sono i buchi neri o l’antimateria o il big bang, ma l’umana imbecillità.
(Fabrizio Caramagna)

Una domanda materialistica: qual è il telaio del silenzio?
(Fabrizio Caramagna)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.