Frasi e aforismi sul rialzarsi

Uno dei proverbi giapponesi più famosi dice: “Cadi sette volte, rialzati otto”.

Frasi e aforismi sul rialzarsi, scritti da Fabrizio Caramagna. Tra i temi correlati Frasi e aforismi sulla caduta, Frasi e aforismi sugli ostacoli, Frasi motivazionali e Frasi e aforismi sul cambiamento.

**

Frasi e aforismi sul rialzarsi

Non ti arrendere
Hai gambe e braccia per rialzarti e continuare ad andare avanti.
Hai il cuore per sostenere lo sforzo e polmoni per respirare.
Hai la mente per cercare la direzione.
Hai l’anima per sognare ancora.
(Fabrizio Caramagna)

“Rinascere, “rialzarsi”, “riscattarsi”, “ripartire”. Senti come suonano bene, profumano di coraggio e di possibilità.
(Fabrizio Caramagna)

L’eterno percorso che porta dalla caduta al rialzarsi, dalla ferita alla cura.
Sorprendersi, perdere l’equilibrio, cadere, ferirsi, sporcarsi, cicatrizzare, riaprire, urtare, sanguinare, ricucire, curare.
(Fabrizio Caramagna)

Quello che ti fa inciampare. Quello che ti calpesta. Quello che ride se provi a rimetterti in piedi.
Poi, uno su mille, ti aiuta a rialzarti.
(Fabrizio Caramagna)

Quando trovi il coraggio di aprirti e sbilanciarti, c’è sempre una fila di persone pronte a darti una spinta. Ma ce ne sarà sempre una disposta a credere in te e risollevarti.
(Fabrizio Caramagna)

La leggenda narra che anche oggi ci rialzeremo perché non abbiamo altra scelta.
(Fabrizio Caramagna)

Vedere una persona che cade.
E mentre tutti fanno gli indifferenti, immagino una mano che si allunga per rialzarla.
Il bene non è quella cosa difficile che descrivono.
Basta un gesto. A volte.
(Fabrizio Caramagna)

Quella semplice attenzione di chi si preoccupa per te, anche se sa di non poter dire altro che parole.
Vale una mano che ti sfiora e ti aiuta a rialzarti.
(Fabrizio Caramagna)

La forza delle parole delicate. Le immagino scivolare fuori senza prendere la rincorsa. Timide e gentili. Ma pronte ad aiutare l’altro a rialzarsi.
(Fabrizio Caramagna)

Giornate così.
Erba piegata che sanguina anziché rialzarsi, luce che filtra senza illuminare, un filo sbrogliato che non si riannoda.
(Fabrizio Caramagna)

Ti vedo mentre sorridi e guardi da un’altra parte e dici “non è niente” e cerchi di portare il discorso su quella nuvola dalle forme strane mentre un gabbiano vola via e intanto trattieni qualcosa che vorresti fosse solo tristezza e invece è il dolore di chi si è sfracellato al suolo e non sa come alzarsi.
(Fabrizio Caramagna)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.