Frasi e aforismi sui medici e la medicina

Frasi e aforismi sui medici e la medicina, scritti da Fabrizio Caramagna. Tra i temi correlati Frasi e aforismi sulla cura e il prendersi cura, Frasi e aforismi sul vaccino e Frasi e aforismi sulla malattia.

**

Frasi e aforismi sui medici e la medicina

Bisognerebbe inventare una medicina che renda contagiosa la buona salute.
(Fabrizio Caramagna)

La medicina farà dei miracoli il giorno in cui la religione farà dei vaccini.
(Fabrizio Caramagna)

Vivendo delle malattie, non è affatto sorprendente che le industrie farmaceutiche non cerchino di guarire i malati. Il loro scopo è cronicizzarli.
(Fabrizio Caramagna)

Il fatto che un medico (tra ricevimenti in studio, interventi in cliniche private e consulenze varie) guadagni 100 volte quello che guadagna un insegnante, indica lo scarso interesse della società per la salute della mente.
(Fabrizio Caramagna)

Il medico moderno si affida agli esami di laboratorio diventando un freddo distributore di informazioni. Ma se con il nuovo metodo ne sa di più e prima sulle malattie, continua a non sapere nulla del paziente. Gli manca quel calore umano e quella sensibilità che vede il paziente nella sua interezza. Coglie solo frammenti di lui e non lo vede più nella sua totalità.
(Fabrizio Caramagna)

I medici delle ultime generazioni, cresciuti nella velocità e nella fretta, hanno maggiori difficoltà ad affrontare le sofferenze altrui e per questo sono sbrigativi, distanti, indifferenti. Non hanno tempo di ascoltare il paziente. Ascoltano solo l’urgenza.
(Fabrizio Caramagna)

Molti medici sono solo guaritori di sintomi.
(Fabrizio Caramagna)

Non il medico, ma un altro malato si rende conto della sofferenza del malato.
(Fabrizio Caramagna)

Prima si diceva. “La vita è appesa a un filo”. Grazie ai progressi della medicina il filo è collegato all’elettroencefalogramma, alle flebo, ai macchinari della terapia intensiva. Stiamo appesi un po’ più a lungo.
(Fabrizio Caramagna)

Il welfare ha creato il malato immaginario e il dottore che gli dà retta.
(Fabrizio Caramagna)

La medicina ha trovato il rimedio per prolungare certe sofferenze e malattie del corpo.
Così ci mette nello stato di morire, prima ancora di essere morti.
(Fabrizio Caramagna)

L’accanimento terapeutico finisce per privare i morenti di quel minimo di dignità che è necessaria per morire.
(Fabrizio Caramagna)

In camice bianco come i sacerdoti,
i farmacisti officiano il rito della guarigione.
Passano sopra il banco l’eucarestia della medicina,
l’ostia dell’aspirina, il vino dell’antibiotico.
(Fabrizio Caramagna)

Quando critichiamo siamo tutti bravi a fare la diagnosi e meno bravi a prescrivere la medicina
(Fabrizio Caramagna)

Le idee sbagliate sono contagiose. E non esiste medicina o vaccino.
(Fabrizio Caramagna)

Un artista che non trova nella sua arte una medicina è incurabile.
(Fabrizio Caramagna)

Quando il medici appoggia lo steteoscopio sul petto sente tutto il male che stanno dicendo di lui i suoi pazienti in sala d’attesa.
(Fabrizio Caramagna)

Quando il medico appoggia lo steteoscopio, è così freddo che per un istante tremiamo pensando che forse l’ultima persona che è stata auscultata era un morto.
(Fabrizio Caramagna)

Purtroppo, l’energia spesa da milioni di persone per un problema triviale, non sarà mai impiegata per risolvere una formula matematica o per scoprire una nuova molecola in campo medico.
E’ questo il problema del mondo.
(Fabrizio Caramagna)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.