Frasi e aforismi sulla spiegazione

Frasi e aforismi sulla spiegazione, scritti da Fabrizio Caramagna. Tra i temi correlati Frasi e aforismi sul dialogo, Frasi e aforismi sulla conversazione, Frasi e aforismi sulla ragione e Frasi e aforismi sulle domande e risposte.

**

Frasi e aforismi sulla spiegazione

Alcuni luoghi sono un enigma. Altri una spiegazione.
(Fabrizio Caramagna)

A volte si percorrono strade che il cuore non capisce
e la mente non sa spiegare.
Ma l’anima lo sa.
(Fabrizio Caramagna)

L’orgogliosa solitudine delle note ai margini
che ti spiegano il significato di una pagina
pur essendone escluse.
(Fabrizio Caramagna)

Non è la ferita che ti spiega le cose, ma la sua guarigione.
(Fabrizio Caramagna)

Stanotte il cielo, mostrandomi l’ordine di miliardi di costellazioni, cerca di spiegarmi la matematica.
Io, qui in basso, mostrandogli migliaia di domande senza risposta, provo a spiegargli la fragilità.
(Fabrizio Caramagna)

Non è come entri; è come ne esci a spiegare chi sei.
Da una relazione, da un dolore, da una giornata.
(Fabrizio Caramagna)

Non so spiegarti l’amore. So che dentro c’è molto perdono, tanta cura, colori vastissimi, un po’ di chimica, un po’ di incastro e un po’ di destino, brividi, capricci e risate e la voglia di avventurarsi insieme nelle spire incantate del tempo.
(Fabrizio Caramagna)

L’amore non ha bisogno di spiegazioni, ma di incastri e camminare insieme senza dire nulla e vento e risate.
(Fabrizio Caramagna)

Cose che non possiamo spiegare:
la luce alle stelle,
l’ossigeno e l’anidride carbonica al respiro degli alberi,
la neve alle sabbie roventi,
i nostri demoni a chi ci ama.
(Fabrizio Caramagna)

Non voglio che mi spieghi la tua vita, voglio che mi porti lì.
(Fabrizio Caramagna)

L’uovo non può spiegare la gallina, la noce non può spiegare l’albero, l’uomo non può spiegare Dio.
(Fabrizio Caramagna)

Come si chiama la malattia di chi è abituato a trovare spiegazioni per gli altri e non sa mai trovarle per se stesso?
(Fabrizio Caramagna)

E quando non sai come parlarmi, dirmi, spiegarmi, allora usi il linguaggio più antico del mondo.
Sparisci.
(Fabrizio Caramagna)

Lei continua a scriverti per noia.
Perché via chat basta una emoticon per rispondere.
Perché sarebbe troppo lungo spiegarti che non prova nulla per te.
Ma nel suo cuore ha già fatto clic
e ha chiuso la cartella della tua storia.
(Fabrizio Caramagna)

Tra due persone, spiegarsi è tutto. Ma capirsi è un po’ di più.
(Fabrizio Caramagna)

Chissà se quando non sai spiegarlo – perché non ti vengono le parole, perché ci sarebbero troppe cose da dire, perché sorridi e arrossisci – chissà, se stai parlando un po’ di me.
(Fabrizio Caramagna)

Certi giorni ti manca tutto, anche quei discorsi che sembravano non avere spiegazioni.
(Fabrizio Caramagna)

Lo senti il rumore del mare,
quella voce riconoscibile che si infrange sulla riva.
Te la spiega in un attimo, la vita.
(Fabrizio Caramagna)

Certe cose le può spiegare solo un buon rosso, una sera lenta e una luna che ha voglia di farsi prendere per mano.
(Fabrizio Caramagna)

Niente spiega l’universo come il modo in cui mi guardi.
(Fabrizio Caramagna)

La spiegazione soffoca l’amore, tranne quando l’amore spiega tutto.
(Fabrizio Caramagna)

La testimonianza non spiega tutto. L’osservazione non spiega niente. Il di fuori della storia richiede un di dentro della storia, e questa segreta interiorità non potrà mai essere verificata.
(Fabrizio Caramagna)

Il nostro bisogno di spiegare tutto è così forte che ci inventiamo sempre nuove spiegazioni, spesso arbitrarie, di questa o quella cosa. La metafisica ne sa qualcosa.
(Fabrizio Caramagna)

Tante ragioni per pesare, chiarire, spiegare, accettare, e poi abbiamo una mole di così tanti dolori. Si comprende tutto, e si soffre come se non si comprendesse nulla.
(Fabrizio Caramagna)

Si è costretti a spiegare quello che si inventa, e allora si inventano delle spiegazioni.
(Fabrizio Caramagna)

Ogni essere umano nasce in un mondo incomprensibile e lo lascia tale, non prima di averlo riempito con migliaia di inutili spiegazioni.
(Fabrizio Caramagna)

Non ci sarà lo svelamento dell’enigma, la spiegazione tanto attesa, la parola che darà un senso a tutto ciò che ci ha tormentato o tenuto con il fiato sospeso. Nulla di tutto questo. Arrivati all’ultima pagina del libro, avidi di una rivelazione, divorati dalla curiosità, noi moriremo.
(Fabrizio Caramagna)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.