Frasi e aforismi sul nemico

Frasi e aforismi sul nemico, scritte da Fabrizio Caramagna. Tra i temi correlati Frasi e aforismi sull’amicizia e l’amico, Frasi e aforismi sull’odio e Frasi e aforismi sul perdono.

**

Frasi e aforismi sul nemico

Si inventano nemici per dare una giustificazione alla propria aggressività.
S’inventano amici per la paura del camminare soli.
(Fabrizio Caramagna)

Non si è nemico di un uomo se non si ha qualcosa in comune con lui.
(Fabrizio Caramagna)

A volte sono i nemici che, più di tutti, ci aiutano a mantenere vivo il desiderio di raggiungere l’obiettivo.
(Fabrizio Caramagna)

Coricandosi nel letto, pensare a quanti nemici si rallegrerebbero della mia morte. Contarli con le dita, sorridere a addormentarsi.
(Fabrizio Caramagna)

Le amicizie richiedono tempo, l’inimicizia è un lampo che si rivela subito.
(Fabrizio Caramagna)

Come amico si è comportato male.
Ma come nemico la sua condotta è irreprensibile.
(Fabrizio Caramagna)

I nemici hanno questa particolarità: che non possono fare a meno di noi.
(Fabrizio Caramagna)

Nessuno conosce il nostro respiro meglio del nemico che desidera strangolarci.
(Fabrizio Caramagna)

E’ meglio scegliere i nemici che essere scelti da loro.
(Fabrizio Caramagna)

Aveva lo sguardo assente tutto il tempo. Tornava in sé, solo quando gli nominavano qualche nemico.
(Fabrizio Caramagna)

Alcuni passano anni alla ricerca dell’offesa perfetta da parte del nemico, per potersi così vendicare.
(Fabrizio Caramagna)

È il bisogno di un nemico immaginario la vera sconfitta.
(Fabrizio Caramagna)

Ci sono persone così inconsistenti e vuote che non valgono niente né da amici né da nemici.
(Fabrizio Caramagna)

Da fratello a nemico la distanza è più corta che da nemico a fratello.
(Fabrizio Caramagna)

Ciò che non mi piace nell’offesa è che mi spinge a vendicarmi. Io non voglio rendermi simile a te. La mia vittoria ti assomiglia troppo, caro nemico, perché io non ci veda una sconfitta.
(Fabrizio Caramagna)

La mia unica forma di vendetta è leggere più libri dei miei nemici.
(Fabrizio Caramagna)

Sono preferibili le lodi dei nemici a quelle degli amici, perché nessuno come un nemico si preoccupa dei nostri risultati e sa quanti sforzi sono necessari per raggiungerli.
(Fabrizio Caramagna)

Una piccola riga di lode del nemico ci fa più piacere di un intero libro di lodi del mondo.
(Fabrizio Caramagna)

Con i comandanti ci si instupisce. Con i bugiardi ci si impoverisce. Con i nemici si impara.
(Fabrizio Caramagna)

Avessimo l’accortezza che possiedono i nostri anticorpi nel sangue. Essi riconoscono immediatamente i loro potenziali nemici e li distruggono nel tempo, mentre noi coltiviamo con appassionata dedizione conoscenze virulente che poi cercheranno di annientarci.
(Fabrizio Caramagna)

Senza i nemici, non esisterebbero gli alleati.
(Fabrizio Caramagna)

In guerra, barbaro è sempre il nemico.
(Fabrizio Caramagna)

La mediocrità non può avere più di un nemico per volta.
(Fabrizio Caramagna)

Avere un nemico è una scorciatoia per crearsi una identità più forte.
(Fabrizio Caramagna)

E’ incredibile il numero di problemi che la morte di un nemico può risolvere.
(Fabrizio Caramagna)

La morte di un nemico può anche darci il piacere dell’indifferenza.
(Fabrizio Caramagna)

I periodi di sopravvivenza non possono durare l’intera vita, altrimenti è come essere sempre nemici di se stessi.
(Fabrizio Caramagna)

Troppo amor proprio ci porta a essere nemici di noi stessi.
(Fabrizio Caramagna)

Adamo: l’unico uomo che non aveva nemici e che finì per inimicarsi Dio.
(Fabrizio Caramagna)

Io mi siedo sulla riva del fiume a guardare le belle ragazze in canoa. Al cadavere del nemico ci penserò un’altra volta.
(Fabrizio Caramagna)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.