Frasi e aforismi sull’economia

Frasi e aforismi sull’economia, scritti da Fabrizio Caramagna. Tra i temi correlati Frasi e aforismi sul denaro e i soldi, Frasi e aforismi sul capitalismo e Frasi e aforismi sulle banche.

**

Frasi e aforismi sull’economia

La Religione mi garantisce che sono figlio di Dio, la Filosofia che sono un essere pensante, la Costituzione che sono un cittadino. L’Economia mi fa tuttavia sapere che sono un numero che non conta niente.
(Fabrizio Caramagna)

Tutte le scienze cercano di aiutare l’uomo tranne l’economia.
(Fabrizio Caramagna)

Un economista è un esperto che saprà domani perché le cose che ha predetto ieri non sono successe oggi.
(Fabrizio Caramagna)

Gli economisti si dividono in due categorie: quelli che scrivono con chiarezza su un argomento che non sanno predire e quelli che scrivono in modo oscuro su un argomento che non sanno predire.
(Fabrizio Caramagna)

Le ultime parole famose: il 16 maggio 2008 l’ex Segretario al tesoro degli Stati Unitia Henry Paulson diceva: “A mio giudizio , siamo più vicini alla fine della crisi dei mercati che all’inizio”. Quattro mesi dopo la banca Lehman Brothers fallisce.
(Fabrizio Caramagna)

Gli economisti hanno previsto nove delle ultime due riprese
(Fabrizio Caramagna)

L’economia è simile a una strana creatura primitiva.
Per vivere deve crescere, crescere ogni anno
(non può permettersi di calare)
e per respirare ha bisogno di circolare
(al modo di certi squali)
nel mare del denaro,
senza fermarsi mai.
(Fabrizio Caramagna)

L’economia. La strategia dell’eco. Chi impone l’eco più forte vende i prodotti e domina i mercati.
(Fabrizio Caramagna)

Che gli uomini siano sostanzialmente uguali lo constatano e lo affermano la Biologia, la Chimica, l’Anatomia, la Filosofia, la Teologia, e da ultimo, l’autorevolissima autopsia.
A negarlo, la sociologia, la psicologia, la letteratura, l’astrologia e l’economia. Quest’ultima, a onor del vero, non indaga sui caratteri ma ci avverte solo che le ricchezze sono limitate e che debbano appartenere tutte a pochissime persone, grazie allo sfruttamento di un’ampia maggioranza, sotto lo sguardo cinico e razionale delle banche centrali.
(Fabrizio Caramagna)

Il crollo del ventinove. Uno dei tanti simboli negativi dell’uomo. Uno in meno dei trenta denari.
(Fabrizio Caramagna)

La matematica ha inventato i numeri.
La finanza il 50% + 1.
(Fabrizio Caramagna)

Ciò che non abbiamo oggi, non lo abbiamo avuto ieri e non lo avremo domani. Si chiama stabilità economica.
(Fabrizio Caramagna)

L’economia attuale è come una stella morta che sembra ancora produrre luce. Ma tu sai che è morta, tenuta artificialmente in vita solo dalle enormi iniezioni di liquidità delle banche centrali e dagli aiuti governativi.
(Fabrizio Caramagna)

Capannoni arrugginiti dei cartelli “affittasi”. Vie polverose e saracinesche abbassate. Si calcola anche così il declino economico.
(Fabrizio Caramagna)

C’è un ambito in cui l’economia di mercato è senz’altro superiore all’economia di Stato: quella delle idee.
(Fabrizio Caramagna)

Il scetticismo viene sempre da una forma di economia sentimentale: l’entusiasmo è troppo dispendiosa perché non si trovi prima o poi il modo di farne a meno.
(Fabrizio Caramagna)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.