Frasi e aforismi sull’incanto

Frasi e aforismi sull’incanto, scritti da Fabrizio Caramagna. Tra i temi correlati si veda Frasi e aforismi sulla meraviglia e lo stupore, Frasi e aforismi sulla grazia e Frasi e aforismi sulla bellezza.

**

Frasi e aforismi sull’incanto

Di poche parole. Di tanto incanto.
(Fabrizio Caramagna)

Delle partenze mi piace l’agitazione, il senso d’attesa, l’immaginazione che fantastica su mappe e atlanti, e l’anima che si incanta.
(Fabrizio Caramagna)

Non so spiegarti l’amore. So che dentro c’è molto perdono, tanta cura, colori vastissimi, un po’ di chimica, un po’ di incastro e un po’ di destino, brividi, capricci e risate e la voglia di avventurarsi insieme nelle spire incantate del tempo.
(Fabrizio Caramagna)

Non so se oggi fa più bello, più incanto, o più tu.
(Fabrizio Caramagna)

C’è incanto negli occhi
quando c’è fiducia nel cuore.
(Fabrizio Caramagna)

Ti aspetto qui. La scala non è poi così alta. I respiri del tempo sono lievi. E insieme si vede un cielo diverso, più morbido, dove ci si infila l’incanto.
(Fabrizio Caramagna)

A me basta esser l’emozione che trasforma i tuoi occhi in un incanto.
(Fabrizio Caramagna)

L’inverno e le stelle che tremano per il freddo e la luce dei lampioni che traballa e le persone sole che cercano qualcosa nella tasca del cappotto e non la trovano. Cammino e sento tutto questo incanto.
(Fabrizio Caramagna)

In amore ognuno di noi ha questo incantesimo di prendere i sorrisi e gli occhi e i gesti dell’altro e, per magia, farli diventare nuovi come se nessuno li avesse mai visti prima.
(Fabrizio Caramagna)

Se l’amore è quella cosa più vicina alla magia,
allora tu sei l’incantesimo più bello che mi sia capitato.
(Fabrizio Caramagna)

Tra gli arroganti e i prepotenti, gli ambiziosi che vanno di fretta, i furbi che aspettano al varco, ci siamo noi un po’ fragili e un po’ feriti che ci incantiamo a guardare le bolle di sapone.
(Fabrizio Caramagna)

– Io pratico yoga, e tu?
– Io pratico l’invisibile e l’incanto.
(Fabrizio Caramagna)

Qualcuno diceva di lei: ha qualcosa addosso, come una specie di incanto e infelicità.
(Fabrizio Caramagna)

C’era in lei tutto quello che un uomo avrebbe potuto desiderare.
La passione, la cura, l’incanto, la dannazione, l’infelicità, la magia di una farfalla e la libertà dei lupi.
(Fabrizio Caramagna)

Su un lato del mio viso l’incanto.
Sull’altro la disillusione.
Un bambino guarda con i miei occhi,
un uomo ferito parla con la mia bocca.
Luce e ombra, e in mezzo la mia vita.
(Fabrizio Caramagna)

Il mio posto è tra gli spiragli di luce e ombra, tra le fessure dove si insinuano brezze ma anche tempeste, nei margini tra l’incanto e la disperazione
(Fabrizio Caramagna)

Dipingere senza pubblico.
Suonare senza spettatori
Scrivere senza lettori
Amare senza aspettative.
Lì, nasce l’incanto.
Lontano dall’applauso.
(Fabrizio Caramagna)

Non c’è nessuna morale nei miei aforismi.
Solo un angelo che talora arriva leggero dal fondo di un giardino
con i suoi abiti da bambino
e si mette a giocare con il tramonto, l’incanto e la paura.
(Fabrizio Caramagna)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *