Frasi e aforismi sui piani e la pianificazione

Frasi e aforismi sui piani e la pianificazione, scritti da Fabrizio Caramagna. Tra i temi correlati Frasi e aforismi sui programmi, Frasi e aforismi sui propositi, Frasi e aforismi sui progetti e il progettare e Frasi e aforismi sulla strategia.

**

Frasi e aforismi sui piani e la pianificazione

Essere motivati è fondamentale, ma anche avere un piano e un po’ di fortuna. Ogni cadavere sull’Everest era, una volta, una persona altamente motivata.
(Fabrizio Caramagna)

Aspettarsi che gli altri facciano le cose per bene è il primo difetto strutturale di qualsiasi piano o programma.
(Fabrizio Caramagna)

Ogni volta la Stupidità pianifica il suo esaltante “Ho capito tutto!” con una mappa sbagliata, una bussola rotta e un orologio fermo.
(Fabrizio Caramagna)

Il piano era di entrare nella vita, essere felici e scappare prima che ci prendesse la morte.
Ma non ha funzionato.
(Fabrizio Caramagna)

Non c’è niente di più inutile che pianificare le proprie reazioni emotive.
(Fabrizio Caramagna)

Facciamo piani come se il minuto successivo, l’ora successiva, Il giorno successivo, il mese successivo, l’anno successivo dipendessero da noi. Come se la vita stessa dipendesse da noi.
Facciamo piani con un po’ di cieco ottimismo.
(Fabrizio Caramagna)

Al risveglio, sogni.
In tarda mattina, aspirazioni.
A mezzogiorno, piani.
Nel pomeriggio, combattimenti.
Verso sera, accettazioni.
Di notte rassegnazioni, ansie, attese.
E così ogni giorno.
(Fabrizio Caramagna)

Dopo un litigio.
Te lo chiedo nel caso non riuscissimo più a incontrarci in questa vita:
tu ce l’hai un piano per fare la pace nella prossima, vero?
(Fabrizio Caramagna)

Al caso – soprattutto se si tratta di scompigliare i piani di un agenda – piace moltissimo inventare imprevisti.
(Fabrizio Caramagna)

Il cuore non ha un piano.
La mente non ha il controllo della situazione.
Ma tutto questo, i sentimenti non lo sanno.
(Fabrizio Caramagna)

I miei piani li ho concepiti. Ora dovrò solo concepire un futuro che non distrugga i miei piani.
(Fabrizio Caramagna)

Ci deve essere da qualche parte una legge dell’universo che spieghi perché se uno pianifica qualcosa, accade l’esatto contrario di ciò che ha pianificato.
(Fabrizio Caramagna)

Un piano che viene a lungo coltivato senza mai essere portato a termine è la maturazione prolungata di un frutto che non sarà mai colto perché ha in sé la speranza di una perfezione impossibile.
(Fabrizio Caramagna)

Ho un piano, ma è molto in salita.
(Fabrizio Caramagna)

La mia vita fa sicuramente parte di un piano dove però è molto difficile stare in equilibrio.
(Fabrizio Caramagna)

Per me un caffè e qualcosa che vada secondo i miei piani, e non quelli di qualcun altro.
(Fabrizio Caramagna)

Ho un piano con te, sfiorarti e baciarti piano.
(Fabrizio Caramagna)

Ci sono piani A che funzionerebbero se non ci fosse l’ansia di ricorrere subito al piano B.
(Fabrizio Caramagna)

Il mio piano B è come il piano A, ma con più improvvisazione.
(Fabrizio Caramagna)

Dopo aver scartato il piano A, dimenticato il piano B, ignorato il piano C e D, persi i piani E, F e G, resta il piano Zzz: dormire, perché fallire in tutti gli altri piani è stato stancante.
(Fabrizio Caramagna)

Le 10 cose da fare per… i 5 trucchi per… i 7 piani per…
Il destino ci guarda dall’alto e sorride delle nostre ingenue convinzioni.
(Fabrizio Caramagna)

Quello di risparmiare per il futuro suona come un buon piano, finché non vedi che il futuro prende tutti i tuoi risparmi per andarsene con qualcun altro.
(Fabrizio Caramagna)

Algoritmi, numeri, previsioni, attente pianificazioni e alla fine la strategia adottata da molte persone è: in qualche modo me la cavo.
(Fabrizio Caramagna)

Quando giochi viene fuori il vero te stesso. Strategie, piani, metodi, risultati dicono tutto di te.
(Fabrizio Caramagna)

La donna a cui piaci ha già in mente il suo piano. Se l’accompagni che ha smesso di piovere, lei dimenticherà con astuzia l’ombrello in macchina, per avere di nuovo una scusa per rivederti.
(Fabrizio Caramagna)

I miei piani di sopravvivenza hanno la forma di una barra di cioccolato.
(Fabrizio Caramagna)

L’uomo delle regole, per portare a termine il suo piano, deve chiedere aiuto all’uomo delle eccezioni.
(Fabrizio Caramagna)

Il vantaggio della routine è che uno non deve calcolare, pianificare e porre in opera un piano per ogni giorno. Basta lasciar fare alla routine.
(Fabrizio Caramagna)

“Vieni, ho un piano di ammortamento tutto per te”, mi sussurra il consumismo
(Fabrizio Caramagna)

Il masochista ha sempre un piano infallibile inclinato verso il precipizio.
(Fabrizio Caramagna)

Era un fallito: aveva piani vincenti in ambiti assolutamente inutili.
(Fabrizio Caramagna)

Quella rapina era stata pianificata modo così perfetto, così preciso, così meticoloso, che lui stesso non riuscì a resistere alla vanità e chiamò la polizia per raccontare il suo piano.
(Fabrizio Caramagna)

Del non poter mai restituire uno schiaffo alle nuvole nere che scombinano i tuoi piani.
E di altri impari rapporti di forza.
(Fabrizio Caramagna)

Del mio paese conservo dettagli, imparo a memoria questa parte di mondo, tra gli ulivi e il mare, perché è qui che ritorno ogni volta che il destino decide di scombussolare i piani. Quando non riesco a vedere il futuro è qui che ritrovo l’azzurro e un nuovo slancio verso il possibile.
(Fabrizio Caramagna)

Pianificare, organizzare e programmare va bene. Ma è il caso che ti fa fare le scoperte più belle.
(Fabrizio Caramagna)

I piani di una mamma posso cambiare in poche ore e passare dal preparare una ricetta di cucina agli imprevisti di un figlio con catarro, febbre e necessità di nebulizzazioni.
(Fabrizio Caramagna)

– Ho in mente un piano molto ambizioso.
– Quale?
– Fare l’amore con te.
– Bello ma siamo già nudi, non lo vedo così ambizioso.
(Fabrizio Caramagna)

Il mio piano più ambizioso oggi è respirare.
(Fabrizio Caramagna)

A volte, nel tentativo di essere produttivi, ci poniamo obiettivi ambiziosi, pianifichiamo un’attività efficiente e sosteniamo un ritmo “ottimale” che in realtà è frenetico. Abbiamo fretta, la concorrenza è schiacciante, il mondo ci chiede di non essere mediocri. Il risultato è prevedibile: bruci prima di arrivare.
Allora arriva il senso di colpa, perdi l’autostima e ti confronti con altri che fanno di più in meno tempo, senza considerare che forse le loro circostanze personali sono più propizie.
Pianificare in modo efficiente significa considerare il riposo, il tempo libero, la vita sociale, l’imprevisto e la possibilità di fermarsi a respirare. Sii consapevole del tuo vero ritmo, non di quello che vorresti avere. Forse un giorno ti guarderai indietro e penserai “wow, sono veloce”. Invece di pensare che ora sei lento.
(Fabrizio Caramagna)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *