Frasi e aforismi sulla pesantezza

Frasi e aforismi sulla pesantezza e l’essere pesante, scritti da Fabrizio Caramagna. Tra i temi correlati Frasi e aforismi sulla leggerezza, Frasi e aforismi sull’altezza e Frasi e aforismi sulla profondità.

**

Frasi e aforismi sulla pesantezza

Secondo me, a volte, le cose serie e pesanti lo vorrebbero anche loro uno di quei prati disegnati dai bambini, coi colori che escono dai margini e gli alberi che toccano il cielo. Per fermarsi. Per respirare un attimo.
(Fabrizio Caramagna)

È sempre ciò che non si è vissuto e ancora non si vive, (pur avendolo sperato), che appesantisce l’esistenza.
(Fabrizio Caramagna)

Dimentica l’altezza e il peso, misurami in intensità luminosa.
(Fabrizio Caramagna)

Un filo d’erba. Le nuvole bianche nel cielo. La sabbia che scorre sulle mie mani quando esco dalla spiaggia.
Tutto ciò che conosco di bello è senza pesantezza.
(Fabrizio Caramagna)

Il peso di un soffione caduto sull’asfalto non viene mai rilevato: io penso sia un peccato, ci ha lavorato tutta la primavera, quel soffione, a farsi così bello. Secondo me pesa come l’incanto.
(Fabrizio Caramagna)

Cerca persone che siano ali e non forza di gravità.
(Fabrizio Caramagna)

Vivi se ami, se sogni, se l’ego si libera dei giochini circoscritti e banali dell’apparenza e dell’insopportabile peso di dover dimostrare qualcosa a tutti i costi.
(Fabrizio Caramagna)

Date un nome agli alberi, carezzate le foglie, riempite gli occhi di cielo, ascoltate i discorsi del prato, fate piccoli passi, fermatevi a meravigliarvi, sorridete, lasciate scivolare via tutto ciò che è pesante.
(Fabrizio Caramagna)

Un uccello è semplicità e modestia, leggerezza della piuma, occhio vivo e cuore in alto. L’uomo è così pesante in confronto.
(Fabrizio Caramagna)

Basta lo scondinzolare del nostro cane per disfare tutti i nodi invisibili dei nostri pensieri.
La sua leggerezza toglie ogni pesantezza al nostro essere.
(Fabrizio Caramagna)

Il lunedi che sopravvive ai commenti assonnati
e la sua forza nel rimanere pesante fino a sera.
(Fabrizio Caramagna)

Il passo freddo e pesante dell’inverno e tu che vorresti solo fermarti davanti a un camino acceso e sentire qualcuno che ti racconti una bella storia.
(Fabrizio Caramagna)

L’insostenibile peso di tutti gli sguardi che non ho conosciuto.
(Fabrizio Caramagna)

L’angoscia rivela la pesantezza del “tutto”.
(Fabrizio Caramagna)

Poi ti capita di sentirti come un viaggiatore stanco, con un bagaglio pesante e troppe cose da raccontare per lasciarle alle parole.
(Fabrizio Caramagna)

La cervicale è lì per ricordarti di dare il giusto peso alle cose. Non caricare il collo e le spalle di troppi problemi.
(Fabrizio Caramagna)

La cervicale ci dice che sulla colonna vertebrale qualcosa è andato storto. Il modo in cui reggiamo il peso del mondo, ad esempio.
(Fabrizio Caramagna)

Mi sono svegliato con le ossa imbevute di solitudine
e un cuore troppo pesante da riavviare.
(Fabrizio Caramagna)

Quel momento della sera in cui le distanze si arrendono e ogni cosa perde nome, peso, confine.
(Fabrizio Caramagna)

Amo il tempo che si dilata nella notte, orologi molli su cui le lancette sembrano perdere il peso e il ritmo serrato del giorno.
(Fabrizio Caramagna)

C’è sempre molto vento nelle vele della speranza,
ma il timone delle scelte è instabile
e l’ancora delle paura è una zavorra pesante.
(Fabrizio Caramagna)

Non c’è niente di più pesante sulla terra di una creatura che sta camminando sulle uova.
(Fabrizio Caramagna)

Il talento di un aforista lo misuri dal peso che dà alle parole, ma soprattutto da quello che riesce a togliere.
(Fabrizio Caramagna)

Chi ha mai provato a misurare l’ombra, a calcolare il suo peso?
(Fabrizio Caramagna)

Il peso che diamo alle cose è il peso che ci portiamo dentro.
(Fabrizio Caramagna)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.