Frasi e aforismi sul ritorno e il tornare

Frasi e aforismi sul ritorno e il tornare, scritti da Fabrizio Caramagna. Tra i temi correlati Frasi e aforismi sull’addio e la fine di un amore, Frasi e aforismi sul luogo e Frasi e aforismi sulla strada.

**

Frasi e aforismi sul ritorno e il tornare

Ci sono luoghi e promesse che torneranno.
E colori che mi mancano ma che sanno aspettare.
(Fabrizio Caramagna)

E tu torni,
e con te porti l’estate
e un cielo che comincia con i tuoi passi.
(Fabrizio Caramagna)

Quando sei infelice, torna nel luogo che più ami. Lui – a differenza delle persone – ha sempre qualcosa da dirti
(Fabrizio Caramagna)

Colori sparsi ai bordi delle strade come manciate di “ora puoi”,
Case cucite insieme come per tenersi strette
e tu che dovunque ti volti vedi un un sorriso.
Di tutto questo è fatto il ritorno al paese che ami.
(Fabrizio Caramagna)

Che bello quando la felicità si ricorda di me e torna indietro a cercarmi.
(Fabrizio Caramagna)

Non sono ancora in grado di dare risposte sensate oggi, sono così pieno di colori mai visti, architetture fiabesche, sentieri che sussurrano a ogni passo nuovi suoni e la voglia di cercare un varco per tornare nel mondo del Bianconiglio.
(Fabrizio Caramagna)

Le parole se ne stanno zitte sulla soglia a un passo da te che resti fuori, e io non so come chiamarti e chiederti di tornare indietro. E’ così che nascono gli addii.
(Fabrizio Caramagna)

Non sono gli altri che tornano, siamo noi rimasti ad aspettarli dentro una giornata di pioggia, siamo noi che riapriamo porte che non avremmo voluto riaprire, siamo noi che ci siamo adeguati e abbiamo messo da parte il nostro valore, siamo noi che ci siamo fatti di nuovo piccoli e insignificanti per farli entrare, siamo solo noi.
(Fabrizio Caramagna)

Il ritorno non trova mai gli inizi. Trova sempre un suo assurdo travestimento.
(Fabrizio Caramagna)

La strada per tornare da una persona, dopo un litigio, ha sempre avuto pochissima luce e tanti spigoli. Per questo non l’ho mai voluta percorrere.
(Fabrizio Caramagna)

Lei fissava il bicchiere dove aveva bevuto la birra e sorrideva con una strana luce negli occhi. E poi mi disse: “con il passato bisogna parlare a bassa voce, altrimenti quello ritorna”.
(Fabrizio Caramagna)

Nella decisione di non tornare indietro, la forza delle onde.
(Fabrizio Caramagna)

Da bambini siamo stati spinti nel buio, e poi siamo tornati – ridendo o tremando – nella luce. Morire è essere spinti nel buio e non tornare più
(Fabrizio Caramagna)

Nei viaggi ci sono istanti che sono aperture verso il futuro, e altri che sono ricordi e ritorni al passato.
(Fabrizio Caramagna)

Si ritorna bambini su un prato. Io oggi ho bevuto un biberon di stelle, sono salito in braccio a una margherita e mi sono fatto cullare dal canto di cento grilli.
(Fabrizio Caramagna)

C’è un lago di luce in fondo all’anima dove prima o poi tutti ritornano. È l’unico specchio sincero, l’unico di cui non avere paura. Sta lì, in un angolo, e attende, mentre noi lassù dissipiamo la vita con la nostra vanità, stupidità e orgoglio.
E’ così quieta l’acqua di quel lago e verrebbe voglia di immergersi per sempre.
Ma abbiamo ancora strade fangose da percorrere, persone da offendere, atti assurdi e insensati da realizzare.
Non siamo ancora saggi. Non siamo ancora pronti per quello specchio di luce. Siamo ancora troppo umani.
(Fabrizio Caramagna)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.