Frasi e aforismi sul filtro

Frasi e aforismi sul filtro e i filtri delle foto, scritti da Fabrizio Caramagna. Tra i temi correlati si veda Frasi e aforismi sulla falsità e la finzione, Frasi e aforismi sul selfie e Frasi e aforismi sulla luce.

**

Frasi e aforismi sul filtro

I filtri, i ritocchi, le angolature ci rendono tutti più belli in foto. Ma non eleganti.
L’eleganza ce la può dare solo la realtà.
(Fabrizio Caramagna)

Dallo slogan sessantottino “L’immaginazione al potere” allo slogan contemporaneo “L’immagine al potere”, meglio se ritoccata con i filtri e photoshop.
(Fabrizio Caramagna)

Selfie delle mie brame, chi è quella con più filtri del reame?
(Fabrizio Caramagna)

Le nostre facce ultrafiltrate in foto, centrifugate nella finzione, vaporizzate fino a diventare perfettamente false.
(Fabrizio Caramagna)

Il filtro della foto ti cambia l’acconciatura, scurisce le sopracciglia, aggiusta la piega destra della bocca, assottiglia il corpo, alza la statura.
Ma l’incantesimo dura poco, e presto il tuo corpo torna come prima.
La pelle perde luce, lo sguardo si scioglie, gli zigomi scendono, le linee si fanno stanche e pesanti.
La bellezza, che per un attimo si impadronisce di noi, allo scoccare della mezzanotte ritorna una zucca.
(Fabrizio Caramagna)

Il filtro dei social, questa matita-trucco
che percorre le stazioni del mio volto
cercando di catturare solo ciò che è bello.
Sovrano dell’identità, il filtro
abbandona la pelle morta dietro di sé,
le rughe, le curve, i lineamenti inesatti.
Lo lascio lavorare con la sua forza di luce,
troppo sorpreso per arrestarlo,
stupito dalla forza smisurata con cui riesce
a trasformare il mio volto in qualcosa che non esisteva.
(Fabrizio Caramagna)

Mi filtro di immenso.
(Fabrizio Caramagna)

La Befana è rimasta l’unica donna che orgogliosamente rivendica le proprie imperfezioni. Senza filtri, photoshop e altri effetti speciali.
(Fabrizio Caramagna)

Il meccanismo di approvazione e ricompensa tramite i like, i filtri che modificano i volti, la possibilità di postare sui social cose non vissute, trasformano la nostra esistenza in una autofinzione. La recita della propria vita diventa la vita stessa, una vita dove l’obiettivo principale è come mettersi in posa nel miglior modo possibile.
(Fabrizio Caramagna)

Sui social siamo come visionari
che scambiano la propria immagine con quella di un estraneo.
Tra filtri e foto ritoccate,
scorgiamo un altro al posto di noi stessi
e – come un Narciso rovesciato – ce ne innamoriamo.
Anche se a volte proviamo uno strano disorientamento.
Bello questo nasino affilato,
ma a chi appartengono questi dentini bianchi?
E se i fianchi sono così stretti dove troveranno posto i miei reni?
(Fabrizio Caramagna)

La luce del sole comincia a fuggire nella sera.
Va sotto le pietre, sotti i rovi, sotto gli ulivi.
Prima, però, passa in mezzo alle foglie che la filtrano
e filtrandola le danno un’esistenza ancora più grande.
(Fabrizio Caramagna)

Mi piace il cielo di sera quando perde coesione, quando si aprono fessure e varchi da cui filtra un’altra realtà.
(Fabrizio Caramagna)

Il mondo si ferma in quelle conversazioni tenere, inaspettate e senza filtri.
(Fabrizio Caramagna)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.