Frasi e aforismi sulla maturità

Frasi e aforismi sulla maturità, scritti da Fabrizio Caramagna. Tra i temi correlati Frasi e aforismi sulla vecchiaia, Frasi e aforismi sulla responsabilità e Frasi e aforismi sull’adolescenza.

**

Frasi e aforismi sulla maturità

Nell’infanzia e nella gioventù si sente con l’immaginazione.
Nella maturità e nella vecchiaia si sente con la memoria.
(Fabrizio Caramagna)

A partire da una certa età siamo più ciò che siamo stati che ciò che vorremmo essere.
(Fabrizio Caramagna)

Con la maturità impari l’arte di cadere dentro un dolore senza precipitare.
(Fabrizio Caramagna)

Giunge il momento in cui lo sguardo si fa compassionevole. Quel momento segna il nostro ingresso nella maturità.
(Fabrizio Caramagna)

Dopo una certa età non ci sono più persone, eventi, parole, delusioni o sogni che siano nuovi: tutto è già successo prima, ogni cosa è già apparsa in precedenza, camuffata in modo diverso.
(Fabrizio Caramagna)

La maturità è un vaso che si svuota di illusioni e si riempie di serene accettazioni.
(Fabrizio Caramagna)

La maturità. Quando torni a casa e pensi «ho gli avanzi da riscaldare» con la stessa allegria che a vent’anni riservavi a una nuova conquista.
(Fabrizio Caramagna)

L’immaturità è sfuggente e ama il movimento, la maturità è stabile e ama il restare
(Fabrizio Caramagna)

Accettare il sacrificio e l’impegno è fondamentale. È la differenza tra maturità e immaturità.
(Fabrizio Caramagna)

Nella giovinezza si fa la conta degli anni, nella maturità quella dei danni.
(Fabrizio Caramagna)

L’adolescenza è quel periodo dove uno cerca di rendersi la vita impossibile. Nella maturità saranno gli altri a farlo per te.
(Fabrizio Caramagna)

Nella maturità non cerchi il bello ma il significativo.
(Fabrizio Caramagna)

Maturare è cominciare ad accettare che poco importa che le collezioni non siano complete.
(Fabrizio Caramagna)

La maturità è quella cosa che se passa una canzone struggente non pensi più a lei.
(Fabrizio Caramagna)

La maturità è capire che nessuno piace abbastanza a nessuno.
(Fabrizio Caramagna)

Il tempo che passa e l’auspicio che la maturità mi renda più fluido, non più rigido.
(Fabrizio Caramagna)

La maturità è quando non ti preoccupi più della decenza della scusa, se vuoi a restare a casa e non uscire.
(Fabrizio Caramagna)

Affronto le cose con più maturità, ma la testa appoggiata ai castelli per aria ci sta sempre.
(Fabrizio Caramagna)

La precisione, una delle conquiste più sottovalutate della maturità
(Fabrizio Caramagna)

Maturare è pentirsi per aver trattato bene chi sembrava buono (ed era cattivo) e di aver trattato male chi sembrava cattivo (ed era buono).
(Fabrizio Caramagna)

Nessuno di noi è perfetto. Nessuno ha ricevuto la giusta dose di carezze quando era bambino. Qualcosa di meno o qualcosa di più. Il difetto o l’eccesso. In ognuno di noi c’è questo abisso. Un punto nero che a volte non vediamo e non vogliamo conoscere. E’ il luogo delle nostre mancanze e delle nostre imperfezioni, ciò che ci portiamo dietro per tutta la vita.
Conoscerlo è crescere e maturare.
(Fabrizio Caramagna)

L’amore maturo non dice “Sei mia” o “Mi appartieni”. L’amore maturo dice: “Vorrei rispettare la tua libertà, appoggiarmi al tuo confine e sentire che ci sono milioni di strade che portano a te, ma anche spazi e tempi che sono solo tuoi”.
(Fabrizio Caramagna)

La maturità scoppiò in lui, come un sospiro troppo a lungo trattenuto.
Si guardò indietro e vide la giovinezza allontanarsi per sempre.
(Fabrizio Caramagna)

Ci sono persone così intelligenti che non hanno mai avuto bisogno di maturare e sono rimaste nel loro ruolo di bambini geniali per tutta la vita.
(Fabrizio Caramagna)

Diventi maturo quando guardi il meteo per programmare la lavatrice, e il venerdì sera programmi già il lavoro del lunedì successivo.
(Fabrizio Caramagna)

Diventerò grande e maturo quando avrò le prove che da adulti si sta meglio.
(Fabrizio Caramagna)

Con gli anni la pancia dell’uomo diventa rotonda, come se dovesse partorire da un momento all’altro la vecchiaia.
(Fabrizio Caramagna)

Si parla di traumi infantili, ma c’è un trauma della maturità che è altrettanto doloroso. Quando ti svegli un mattino e capisci che i giorni migliori della tua vita sono quelli che hai già vissuto.
(Fabrizio Caramagna)

La carriera è a posto, i figli messi al mondo. L’uomo cinquantenne adesso può di nuovo consacrarsi alla sua adolescenza, un po’ trascurata negli ultimi anni.
(Fabrizio Caramagna)

Lui chiese alla maturità ancora un po’ di tempo per pensarci e la maturità gli rispose che ormai erano passati quasi cinquant’anni.
(Fabrizio Caramagna)

La maggior parte degli uomini hanno imparato dalla loro adolescenza a non diventare mai uomini.
(Fabrizio Caramagna)

Il futuro del secondo millennio.
Bambini pochi, adulti infantili tanti.
(Fabrizio Caramagna)

Puerilità: questa strana parola che caratterizza i bambini, ma che si applica solo agli adulti.
(Fabrizio Caramagna)

La durata media della vita aumenta, l’adolescenza si è prolungata di almeno cinquant’anni.
(Fabrizio Caramagna)

Brutta bestia l’adolescenza, specie se ti ci ammali nella maturità.
(Fabrizio Caramagna)

Quelli che vogliono sembrare giovani anche a costo di essere ridicoli, sembrano tanti piccoli travestimenti di una resa.
(Fabrizio Caramagna)

Ci mise così tanto tempo a diventare una persona responsabile e a maturare che, quando alla fine maturò, divenne marcio come il frutto sul ramo.
(Fabrizio Caramagna)

La maturità lo tenta, ma è ormai da sessant’anni che cerca di averne trenta.
(Fabrizio Caramagna)

Acerbe o marce, certe felicità. Mature mai.
(Fabrizio Caramagna)

In questa società non matura più niente. Neanche gli interessi.
(Fabrizio Caramagna)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.