Frasi e aforismi sulla luna

Frasi e aforismi sulla luna, scritti da Fabrizio Caramagna. Tra i temi correlati Frasi e aforismi sul sole, Frasi e aforismi sulle stelle e Frasi e aforismi sulla notte.

**

Frasi e aforismi sulla luna

La luna: ci sono notti in cui sembra produrre un miele bianco di sogni, di solitudine e di silenzio.
(Fabrizio Caramagna)

La mia ombra e quella della luna si incontrano, si uniscono. Poter lasciare qui la mia ombra frenetica e prendere quella silenziosa della luna.
(Fabrizio Caramagna)

Vieni con me? Ti porto dove tutto si confonde e la notte è il riflesso della luna sull’acqua, andiamo dove le ombre inventano disegni mai visti.
(Fabrizio Caramagna)

Vieni e guarda la luna e non dirmi di averla già veduta, perché stasera è immensa e nuova, disarmante e sorprendente, per chi ha gli occhi stanchi di capire.
(Fabrizio Caramagna)

Forse la luna contiene i ricordi di ogni persona che ha vissuto sulla terra.
(Fabrizio Caramagna)

La notte non porta consiglio: ci promette la luna.
(Fabrizio Caramagna)

E se invece prendessi un’altra strada,
se invece di fare lo stesso percorso
inventassi una capriola
o un salto sulla luna?
(Fabrizio Caramagna)

Cosa sali in cielo a fare, luna, stasera? Sei troppo bella per due occhi soli.
(Fabrizio Caramagna)

Dondolami in questa culla di luna che c’è stasera.
(Fabrizio Caramagna)

La finestra si vede bella con il vestito bianco che le ha prestato la luna.
(Fabrizio Caramagna)

Il mare trema quando la luna vi entra dentro tutta nuda.
(Fabrizio Caramagna)

Se la luna influisce sulle maree, che cosa non può fare sul verso di una poesia?
(Fabrizio Caramagna)

Tu sei la luna
sdraiaiata lì da sola,
brilli nel buio
e milioni di persone ti guardano.
Ma nessuno si è mai chiesto
di che colore è la tua faccia nascosta.
(Fabrizio Caramagna)

C’era questo asteroide bianco e luminoso che vagava nell’universo, tutto solo, rimbalzando da un pianeta all’altro e nessuno lo voleva perché aveva troppi crateri e – dicevano – anche un lato oscuro. Un giorno l’asteroide si avvicinò alla terra e un poeta lo vide e gli disse: “Ti prego, resta con me. Ti darò un nome, ti chiamerò Luna e ti dedicherò le poesie più belle”.
(Fabrizio Caramagna)

Psicologo: – Come stai?
La luna: – Gli uomini non guardano più la mia faccia come una volta. Sono assorbiti da uno strano display luminoso. E quando orbito intorno alla terra vedo sempre meno bellezza e sempre più volti finti, preoccupati solo di apparire.
(Fabrizio Caramagna)

“Stanotte non posso” disse la Luna a Saturno. “Sono nel massimo del mio splendore e sto organizzando una sessione di terapia di gruppo con 7 miliardi di persone”.
(Fabrizio Caramagna)

La luna sa sempre come sedurre: si scopre poco a poco e nasconde sempre un lato in ombra.
(Fabrizio Caramagna)

Chissà se la luna vede il nostro lato nascosto.
(Fabrizio Caramagna)

Tutte le donne vogliono una scatola di cioccolatini e rose dal gambo lungo, io a lei regalai una catapulta per arrivare sulla luna.
(Fabrizio Caramagna)

Questa notte basterà prenderci per mano, al resto ci penserà la luna.
(Fabrizio Caramagna)

Vieni. Andiamo ad allunare su uno stupore?
(Fabrizio Caramagna)

Tu parli ancora alla luna? Anche solo qualche sera, così, tanto per non dimenticare che un tempo lei ti rispondeva.
(Fabrizio Caramagna)

Ci siamo seduti su una panchina a sorridere gli stessi sorrisi della sera, a far sparire tutto ciò che poteva soffocare, ostacolare, appesantire.
L’unica invadenza permessa, quella della luna.
(Fabrizio Caramagna)

C’è una luna che viene voglia di calpestarne la luce sull’erba correndo a piedi nudi.
(Fabrizio Caramagna)

Luna di una grandezza spaventosa. Cammino e me la ritrovo addosso.
(Fabrizio Caramagna)

Il raggio obliquo della luna frantuma la Regola in miliardi di eccezioni luminose.
(Fabrizio Caramagna)

Notte solitaria.
Con che rughe bianche
sale in cielo la luna.
(Fabrizio Caramagna)

La luna che sfiora il sole.
Bello amarsi così soltanto poche ore di notte,
senza impegni e responsabilità.
E poi ricominciare ogni volta dagli inizi.
(Fabrizio Caramagna)

Il sole, che non vuole sapere di tramontare, si specchia vanitoso sulla luna. Ma la luna ha altro a cui pensare: lei parla con i poeti e gli innamorati e muove le maree.
(Fabrizio Caramagna)

La luna crescente ha ballato tutta la notte abbracciata a un grillo.
(Fabrizio Caramagna)

Sotto la luna non c’è vento. C’è sempre un fresco però, come un’aria che sembra provenire da qualche galassia lontana.
(Fabrizio Caramagna)

La luna cerca il suo luogo. Il sole è sempre nel posto in cui deve stare.
(Fabrizio Caramagna)

Per me un distillato di fiori di Luna, con un po’ di rosso di Marte.
(Fabrizio Caramagna)

La luna che sorge è un riccio bianco che passeggia lento tra le piante e le nubi, in cerca di un po’ di morbidezza.
(Fabrizio Caramagna)

Luna di giorno: la perla sulla fronte azzurra del cielo.
(Fabrizio Caramagna)

I crateri del lato nascosto della luna non hanno mai visto il colore azzurro della terra.
(Fabrizio Caramagna)

A volte mando i miei pensieri a meditare in un cratere lunare non sfiorato dal sole da milioni di anni.
(Fabrizio Caramagna)

E potrei anche sopportarlo un addio, se non mi avessi portato via la luna.
(Fabrizio Caramagna)

Le lune, l’eternità e gli dei sono sempre oltre il sogno più lontano, quella che non riusciamo mai a mettere a fuoco.
(Fabrizio Caramagna)

Se la luna sapesse tutto quello che ha combinato in 2000 anni di letteratura.
(Fabrizio Caramagna)

**

Le mie 8 frasi preferite sulla luna di autori celebri e famosi

Ognuno di noi è una luna: ha un lato oscuro che non mostra mai a nessun altro.
(Mark Twain)

Una solitudine pura e una pace profonda. Le cose migliori che la luna possa offrire agli uomini.
(Haruki Murakami)

La luna è l’unico amico con cui il solitario può parlare.
(Carl Sandburg)

Fu allora che vissi l’effetto luna piena. L’avevo chiamato così. Mi sentivo come una grande luna che continua a crescere piano piano, notte dopo notte, per arrivare allo stadio completo, luminosissimo, in cui niente manca, niente è di troppo… Nella vita di tutte noi c’è una luna piena. Se soltanto sapessimo riconoscerla per godercela almeno un po’, per sentirci diafane e realizzate.
(Marcela Serrano)

Non c’è nulla che puoi vedere che non sia un fiore; non c’è nulla che puoi pensare che non sia la luna.
(Matsuo Basho)

Folle è l’uomo che parla alla luna. Stolto chi non le presta ascolto.
(William Shakespeare)

Che fai tu, luna, in ciel? dimmi, che fai, silenziosa luna?
(Giacomo Leopardi)

E’ incredibile pensare che quando guardo la luna, è la stessa luna che Shakespeare e Maria Antonietta e George Washington e Cleopatra guardarono.
(Susan Beth Pfeffer)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.