Frasi e aforismi sulla mela

Frasi e aforismi sulla mela, scritti da Fabrizio Caramagna. Tra i temi correlati Frasi e aforismi sulle ciliegie e il ciliegio, Frasi e aforismi sulle albicocche e Frasi e aforismi sulle fragole e i lamponi.

**

Frasi e aforismi sulla mela

Segno della conoscenza, portatrice di un messaggio segreto, la mela nelle nostre mani è un ricordo del paradiso.
(Fabrizio Caramagna)

Piccoli momenti di felicità. Respirare l’aria del mattino, prendere una mela dal suo cesto, riempirsi gli occhi di colori.
(Fabrizio Caramagna)

La meraviglia che c’è in questa mela rossa sull’albero, somiglia ad un bacio sul collo.
(Fabrizio Caramagna)

Vorrei provare la sensazione di essere morso da una mela, colto da un fiore, soffiato da un soffione.
(Fabrizio Caramagna)

Appena abbiamo girato la testa, il melo ha sbattuto le palpebre e nella notte è fiorito.
(Fabrizio Caramagna)

Mi piace sedermi sui gradini in pietra ad immaginare i giochi di luce tra i meli, mentre i frutti sono ancora acerbi.
(Fabrizio Caramagna)

I campi mi sembravano troppo fioriti da una parte all’altra, i rami del melo pieni di frutti futuri e davanti al blu del cielo non ho trovato il coraggio di dire nulla. A volte bisogna tacere per trovare i contorni dell’essenziale.
(Fabrizio Caramagna)

Nel tempo che una mela cade in terra, mille astri sono morti, mille astri sono nati.
(Fabrizio Caramagna)

Mordere le tue parole come mele croccanti. Finché rimane solo un torsolo. Di baci.
(Fabrizio Caramagna)

La mela, dopo aver ricevuto un morso, sembra che sia senza denti.
(Fabrizio Caramagna)

La mela tardiva, tra le foglie ancora verdi ma prive di frutti, arrossisce per la confusione.
(Fabrizio Caramagna)

Quel verme era entrato nella mela per poter scambiare quattro chiacchiere con qualcuno e ora non sapeva come uscirne.
(Fabrizio Caramagna)

Eva ottantenne. Fu sedotta da una mela cotta.
(Fabrizio Caramagna)

La pera è una mela che ha messo troppo peso nei fianchi.
(Fabrizio Caramagna)

Quei complimenti a denti stretti. Quelli che sembrano mele rosse e lucenti. E invece sono solo mele avvelenate.
(Fabrizio Caramagna)

Gli arcolai e le streghe che glassavano le mele avvelenate erano così utili per dormire profondamente. Che fine hanno fatto?
(Fabrizio Caramagna)

La seconda mela dell’Albero della Conoscenza è ancora sull’albero ad aspettare che qualcuno la colga.
(Fabrizio Caramagna)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.