Frasi e aforismi sulla chiave

Frasi e aforismi sulla chiave, scritti da Fabrizio Caramagna. Tra i temi correlati Frasi e aforismi sulla porta, Frasi e aforismi sui segreti e Frasi e aforismi sulla casa.

**

Frasi e aforismi sulla chiave

Trovare qualcuno col quale uscire è facile. La vera impresa è trovare qualcuno con cui vorresti chiuderti a chiave.
(Fabrizio Caramagna)

Tutti noi abbiamo in tasca una chiave bellissima e sappiamo, per certo, che non aprirà nessuna porta tra quelle conosciute.
Come un talento che possediamo, e che non useremo mai.
(Fabrizio Caramagna)

Le chiavi si presentano quando ti riconcili con la porta da aprire.
(Fabrizio Caramagna)

All’improvviso comparve nel disordine della scrivania una chiave sconosciuta. Forse apriva porte di castelli e scrigni dorati? E torri dove hanno dimora le principesse?
(Fabrizio Caramagna)

Quando aggiungi una chiave nuova di zecca al mazzo, senti come cambia il suono? Il mazzo è felice perché apre una nuova porta.
(Fabrizio Caramagna)

La misura di certi giorni sono le scale che sali faticosamente, lo sguardo basso e la chiave che non gira nel modo giusto nella porta.
(Fabrizio Caramagna)

Cerchiamo le parole giuste come chiavi che abbiamo perso.
(Fabrizio Caramagna)

Il successo sembra la chiave della vita, ma è una chiave che non entra nella toppa della felicità.
(Fabrizio Caramagna)

La porta della felicità è sempre aperta, ma noi a volte cerchiamo una chiave inesistente.
(Fabrizio Caramagna)

In certi buchi della serratura la miglior chiave è l’occhio.
(Fabrizio Caramagna)

Un bambino appena nato. Un batuffolo di luce lanciato dalle stelle più lontane. E dentro ci sono già le leggi della vita, le formule segrete della meraviglia e le prime chiavi per aprire le forme del mondo
(Fabrizio Caramagna)

Pomeriggio d’estate. Il cielo ha una chiave d’oro sulla schiena che i bambini si divertono a girare.
(Fabrizio Caramagna)

Con quanta facilità si possono girare le serrature delle persone con la piccola chiave della vanità.
(Fabrizio Caramagna)

La realtà: un lucchetto d’acciaio. La parola: una fragile chiave di carta.
(Fabrizio Caramagna)

Decine di vecchie chiavi in una scatola sul mobile. Non ho il coraggio di dire loro che non aprono più nessuna serratura.
(Fabrizio Caramagna)

Dio sta all’uomo come la chiave sta alla serratura.
(Fabrizio Caramagna)

Che cosa metterai nella valigia da morto? Giornali vecchi? Soldi ormai superflui? Un altro specchio in cui guardarti gli occhi ormai sbarrati? E la chiave per l’aldilà? Quella pare che non si trovi da nessuna parte.
(Fabrizio Caramagna)

Le chiavi del mondo sono in mano alla pioggia. E non c’è altra via di fuga se non una dolce resa.
(Fabrizio Caramagna)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.