Frasi e aforismi sulle abitudini

Frasi e aforismi sulle abitudini, scritti da Fabrizio Caramagna. Tra i temi correlati Frasi e aforismi sulla noia, Frasi e aforismi sulle regole e Frasi e aforismi sull’equilibrio.

**

Frasi e aforismi sulle abitudini

L’abitudine ci rende uguali alla polvere sulle pareti, come se non meritassimo più lo stupore.
(Fabrizio Caramagna)

L’abitudine è una specie di sonno da svegli.
(Fabrizio Caramagna)

A furia di fare sempre le stesse cose diventiamo cose. Questo è il problema dell’abitudine.
(Fabrizio Caramagna)

Il dogma di una religione, la disciplina di un partito, la forza di un’abitudine danno ai loro adepti il conforto di non dover cercare e il riposo di aver trovato.
(Fabrizio Caramagna)

Il vantaggio della routine è che uno non deve calcolare, pianificare e porre in opera un piano per ogni giorno. Basta lasciar fare alla routine.
(Fabrizio Caramagna)

La routine non è altro che una grande fiducia nella regolarità degli eventi.
(Fabrizio Caramagna)

Fai come vuoi o come puoi. O come ti piace. O come ti riesce. O come ti gira. O come ti piglia. Ma fai.
Non restare nelle tue comode abitudini.
(Fabrizio Caramagna)

L’abitudine è una pista d’atterraggio, ma non di decollo.
(Fabrizio Caramagna)

Le abitudini che hai provato a mettere alla porta e che poi si sono trasformate in un ampio scaffale con soppalco.
(Fabrizio Caramagna)

Se non si fa nulla e si vive solo di abitudini, il tempo si finisce per misurarlo in ragnatele (toh, sono passate due ragnatele, tra quante ragnatele ci vediamo?)
(Fabrizio Caramagna)

Siamo tutti appesi a un filo. Ma lo siamo in modo diverso.
Ci sono i funamboli che ci camminano sopra per andare a scoprire chi tiene l’altro capo.
E ci sono coloro che si tengono aggrappati al filo, senza mai farsi domande né tantomeno chiedersi dove porta il filo.
I primi sono gli artisti, i creativi, i pensatori, gli inventori. I secondi sono gli abitudinari, i ciechi, i mediocri.
(Fabrizio Caramagna)

L’abito, l’abitudine e l’abitazione sono le metamorfosi tranquille del verbo avere.
(Fabrizio Caramagna)

L’arte di slacciarsi da una abitudine come da una pazienza esaurita, con manovre serene e una leggerezza piena di possibilità.
(Fabrizio Caramagna)

Chissà che faccia fanno le tue abitudini quando le agguanto per i fianchi e le capovolgo e loro non se lo aspettano e poi le risate.
(Fabrizio Caramagna)

Innamorarsi è dire addio alle vecchie abitudini, ai vecchi gesti, ai vecchi spazi. E’ una migrazione di stelle e lune e orbite da una galassia all’altra.
(Fabrizio Caramagna)

Non è mai facile essere liberi.
Devi attraversare fuochi, tempeste, oceani,
strappare fili, parole e persone.
Per questo la gente preferisce l’abitudine.
Guarda il modo in cui un uccello in gabbia
a volte si rifiuta di uscire,
anche quando la gabbia è spalancata,
anche quando lo chiami con voce sicura.
E capirai.
(Fabrizio Caramagna)

Nella vita capita di rinunciare alle persone speciali a favore di altre che non ci interessano, semplicemente ci capitano così, con le loro abitudini e i loro pensieri vuoti e prevedibili. Chissà perché ci adeguiamo a loro? Forse perché volare è troppo impegnativo, forse perché, quando si ama troppo, il sangue brucia sotto la pelle ed è più semplice adagiarsi in una buca e non sentire nulla.
(Fabrizio Caramagna)

Se il Natale venisse una volta ogni cento anni invece di una volta all’anno, e sopraggiungesse con il bagliore di un lampo, con quanta meraviglia gli uomini aprirebbero i loro cuori, con quanta generosità donerebbero agli altri! Il ripetuto susseguirsi dei natali, invece, fa ormai pensare soltanto a un dovere, a una abitudine, a una necessità da ripetere in modo meccanico.
(Fabrizio Caramagna)

Le nostre ore sono secoli se stiamo dentro le abitudini,
e minuti quando andiamo incontro a ciò che ci sorprende.
(Fabrizio Caramagna)

Né di obblighi né di abitudini né di aspettative, ma di piacevoli libertà circondami.
(Fabrizio Caramagna)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.