Frasi e Aforismi

Frasi e aforismi sul rispetto

Frasi e aforismi sul rispetto, scritti da Fabrizio Caramagna. Tra i temi correlati Frasi e aforismi sull’empatia.

Mi piacciono le persone che chiedono permesso, che dicono grazie anche se non ce n’è bisogno, che sono attente a non ferire con le parole, che si accorgono se c’è un’ombra nei tuoi occhi.
Profumano di rispetto e vita.
(Fabrizio Caramagna)

La bellezza è nella genetica.
Ma anche nell’accogliere, comprendere, prendersi cura, rispettare l’altro. È così che si diventa belli.
(Fabrizio Caramagna)

L’amore è la voglia di dita tra i capelli, temporali estivi, parole colorate, rispetto e dedizione, sguardi dritti verso l’orizzonte, anime avvinghiate e una sera che ha il suono di mille risate.
(Fabrizio Caramagna)

Questo mi dice un campo luminoso di primavera: semina la gentilezza, cogli il rispetto, coltiva la serenità.
(Fabrizio Caramagna)

L’amore maturo non dice “Sei mia” o “Mi appartieni”. L’amore maturo dice: “Vorrei rispettare la tua libertà, appoggiarmi al tuo confine e sentire che ci sono milioni di strade che portano a te, ma anche spazi e tempi che sono solo tuoi”.
(Fabrizio Caramagna)

– Sono stata per anni insieme a un uomo che non mi meritava, che non mi rispettava, che mi umiliava.
– Perché non l’hai lasciato subito?
– Perché mi ha messo una benda sugli occhi e mi ha fatto perdere l’orientamento.
Non trovavo più il luogo in cui tenevo la mia rabbia, in cui conservavo il mio valore.
(Fabrizio Caramagna)

Se si vuole migliorare il genere umano, bisogna iniziare col rispettare se stessi.
(Fabrizio Caramagna)

C’è un momento in cui l’amore diventa eccessivo e incontrollabile. L’amore per l’altro non deve mai sovrastare il rispetto per l’altro.
(Fabrizio Caramagna)

Mi piace quando dicono: “Ti ho sognato” e non dicono altro. Come a lasciarmi scegliere la trama e il finale del sogno. La trovo una forma di rispetto e libertà.
(Fabrizio Caramagna)

Frasi e Aforismi

Frasi e aforismi sul mattino

Frasi e aforismi sul mattino, scritti da Fabrizio Caramagna. Tra i temi correlati Frasi e aforismi sull’alba e Frasi e aforismi sul caffè.

Al mattino il caffè nero odora come il cielo della notte appena macinato.
(Fabrizio Caramagna)

Al mattino gli uccelli inventano mille canti, uno per ogni riflesso della loro gola illuminata dall’alba.
(Fabrizio Caramagna)

Come i sorrisi dopo una carezza.
Come le luce negli occhi dopo un tramonto.
Come il sapore del mattino dopo aver fatto l’amore.
Ogni istante contiene una scoperta.
(Fabrizio Caramagna)

Mattine in cui il cielo è sorprendentemente nitido e non c’è un solo azzurro e un solo sorriso che non sia poggiato nel giusto punto
(Fabrizio Caramagna)

Mattine d’estate in cui nelle mie vene scorrono dei freschi ruscelli di azzurro. Il cuore li accoglie come un mare calmo
(Fabrizio Caramagna)

La straordinaria apertura alare di certe mattine d’estate, che ti conducono in posti che neanche immaginavi.
(Fabrizio Caramagna)

Mattine in cui si alza dal letto e c’è tutto. Le labbra per respirare, il corpo per avanzare, gli occhi per guardare. Manca solo l’anima
(Fabrizio Caramagna)

A un tratto, una mattina, accade qualcosa – atomi invisibili si spostano da un organo all’altro, il sangue cambia direzione, le ferite si chiudono, le ossa si fanno leggere come se dovessero volare, con un miracolo la vita torna a quel che doveva essere.
(Fabrizio Caramagna)

Frasi e Aforismi

Frasi e aforismi sulle conchiglie

Frasi e aforismi sulle conchiglie, scritti da Fabrizio Caramagna. Tra i temi correlati Frasi e aforismi sui castelli di sabbia e Frasi e aforismi sul mare.

Le conchiglie non conoscono le parole, eppure nel loro suono così semplice è descritto tutto il mare.
(Fabrizio Caramagna)

Vuoi sapere che cosa penso? Avvicina il tuo orecchio al mio. Copri l’altro con la tua mano. Pensa a a me come se fossi una conchiglia. Ecco, adesso lì senti i miei pensieri? Hanno il suono di ciò che non hai mai ascoltato.
(Fabrizio Caramagna)

Vieni con me.
Scegliamo la strada meno battuta.
E’ fatta di domande strane e piccoli pezzetti di conchiglie e fate che ti guardano dai cespugli e ogni passo brilla alla luna.
(Fabrizio Caramagna)

Frasi e Aforismi

Frasi e aforismi sui sogni

Frasi e aforismi sui sogni, scritti da Fabrizio Caramagna. Tra i temi correlati Frasi e aforismi sulla notte.

Che strana macchina è l’uomo. Gli metti dentro lettere dell’alfabeto, formule matematiche, leggi, e doveri ed escono favole, risate e sogni.
(Fabrizio Caramagna)

Gli scienziati dicono che siamo fatti di atomi, ma un albero mi ha sussurrato che siamo fatti di sogni, un’onda mi ha detto che siamo fatti di viaggi, un bambino che gioca con le fate mi ha raccontato che siamo fatti di meraviglia.
(Fabrizio Caramagna)

Attenzione alle paure del giorno. Amano rubare i sogni della notte.
(Fabrizio Caramagna)

Non ti arrendere
Hai gambe e braccia per rialzarti e continuare ad andare avanti.
Hai il cuore per sostenere lo sforzo e polmoni per respirare.
Hai la mente per cercare la direzione.
Hai l’anima per sognare ancora.
(Fabrizio Caramagna)

Ti guardo dormire. I capelli agganciati al cuscino, i sogni appoggiati sugli occhi e dentro le mani migliaia di universi che ancora non conosco.
(Fabrizio Caramagna)

Se mi chiedono dove vorrei vivere, rispondo: “Dove vanno i sogni quando ci si sveglia”
(Fabrizio Caramagna)

Ci sono immagini che non sono fatte per la luce. E certi sogni lo sanno
(Fabrizio Caramagna)

Ho bisogno di te soltanto per respirare, vivere, sognare ed essere felice.
Per tutto il resto non sei indispensabile.
(Fabrizio Caramagna)

Mi chiedo se sai quante volte sono rimasto fuori dai tuoi sogni, aspettando che mi lasciassi entrare.
(Fabrizio Caramagna)

Lei aveva i capelli morbidi del vento e delle bambine
e i sogni colorati delle nuvole.
(Fabrizio Caramagna)

Tenetevi pure i sentimenti misurati, i sogni calibrati, i rischi calcolati.
Io scelgo i tuffi al cuore, i brividi nello stomaco, le corse sulle nuvole e i colori fuori dai margini.
(Fabrizio Caramagna)

Lancia i tuoi sogni nello spazio come farfalle e qualche cosa ti riporteranno: forse solo il riflesso del bosco o forse un nuovo cielo, un nuovo amore, un nuovo mondo.
(Fabrizio Caramagna)

Nei sogni i pensieri sono treni di mille colori e velocità che continuamente si sdoppiano dalla loro forma e la superano, e il binario della nostra mente assiste senza sapere dove andranno a finire.
(Fabrizio Caramagna)

In fondo a ogni sogno dorme un angelo, con milioni di stelle nei suoi pugni chiusi. Sognare è cercare di aprire quei pugni e prendere un manciata di luce.
(Fabrizio Caramagna)

Quando sogniamo incontriamo persone sconosciute.
Sono anime che stanno trasmigrando da un corpo all’altro.
E per un attimo chiedono ospitalità nei nostri sogni.
(Fabrizio Caramagna)

Quanto mi piacciono i sognatori, chi ti dice oh, lascia stare la realtà, vieni a vedere cosa c’è sotto il petalo di un fiore, ho visto tre cascate e in ognuna sette pesci viola
(Fabrizio Caramagna)

L’ipocrisia, le banconote e la moda sono un’invenzione recente. Ma l’anima, i sogni e il tremolio dell’erba ci sono sempre stati.
(Fabrizio Caramagna)

Non guardarmi soltanto quando sogno. Quando sorrido. Quando apro finestre nel cielo e guardo cosa c’è oltre.
Guardami mentre inciampo e cado. Quando combatto e sbaglio. Guardami quando ho paura. Quando il buio sta per arrivare.
Allora sì, potrai dire chi sono.
(Fabrizio Caramagna)

Vieni, ti ho fatto spazio tra i sogni della notte e i bagliori del mattino,
tra le malinconie del passato e un sorriso che ha voglia di esplodere.
(Fabrizio Caramagna)

Frasi e Aforismi

Frasi e aforismi sui fiori

Frasi e aforismi sui fiori, scritti da Fabrizio Caramagna. Tra i temi correlati Frasi e aforismi sulla primavera, Frasi e aforismi sulle margherite, Frasi e aforismi sul girasole e Frasi e aforismi sulle rose.

Ogni fiore che sboccia ci ricorda che il mondo non è ancora stanco dei colori.
(Fabrizio Caramagna)

Ci sono due fiori dentro il fiore. Uno è girato verso di noi, l’altro verso l’infinito.
(Fabrizio Caramagna)

Bisognerebbe essere puri come i fiori. Hanno il cuore aperto al freddo, alla siccità e sono sempre pronti a farsi recidere per amore dell’uomo. Non scelgono ciò che arriva e offrono solo luce. E’ il loro modo di essere santi.
(Fabrizio Caramagna)

Respira e saprai che cos’è un fiore. Sii un fiore e saprai che cos’è un respiro.
(Fabrizio Caramagna)

Un fiore selvaggio non dovrebbe dire a una rosa che è la più bella e un soffione non dovrebbe scusarsi con gli alberi se al primo colpo di vento ha perso la sua corolla.
Fioriamo tutti in modo unico e originale.
(Fabrizio Caramagna)

Spunta in giardino il primo fiore, solitario, coraggioso, sospende il tempo e colora l’aria.
(Fabrizio Caramagna)

I battiti tumultuosi del mio cuore. Se solo per un attimo avessero la forza di arrestarsi e ammirare rapiti la serenità di un fiore.
(Fabrizio Caramagna)

Come i bambini, i fiori nascono con la testa già grande
(Fabrizio Caramagna)

Fermati in un prato e annusa i fiori. Poi sussurra loro i tuoi segreti più oscuri.
Oppure vai a una festa e continua a fingere qualcuno o qualcosa che non sei.
(Fabrizio Caramagna)

Anthurium, Paphiopedilum, Pelargonium, Cryptanthus. Dalla incoerenza delle sillabe si sprigiona l’armonia dei profumi
(Fabrizio Caramagna)

Ti sfiora passando per strada e tu pensi di averla già conosciuta, forse sei stato un fiore nella sua mano, qualche secolo fa.
(Fabrizio Caramagna)

Mi piaci perché inspiri fiori e stelle ed espiri delicatezza e poesia.
(Fabrizio Caramagna)

Lei sosteneva e impugnava la sua originalità
come un fiore la sua corolla.
(Fabrizio Caramagna)

Misuriamo le cose, ma il petalo di un fiore sa meglio di noi a quale distanza si trova il sole
(Fabrizio Caramagna)

Nel prato cento fiori sono sintonizzati l’uno con l’altro come cento pianoforti che, sulla stessa accordatura, suonano la musica più silenziosa che ci sia.
(Fabrizio Caramagna)

Oggi sul prato ho letto fiabe ai bambini del fiordaliso, sono entrato nei castelli del regno delle margherite e ho sognato di sposare la figlia del sultano delle iris. E il biancospino più bello rideva di tanta meraviglia.
(Fabrizio Caramagna)

Un prato di fiori non è un regno qualunque. Ho contato 782 re (e non ho dimenticato i narcisi e i gigli), novemila viaggiatori (e ci sono anche le farfalle e le rondini), un milione di sudditi (e ci sono anche le formiche rosse), tre giullari (ah, le nuvole!) e un miliardo di fate (piccole stelle timide che stanno lassù in cielo, nascoste dall’azzurro). E la regina? E’ un fiore rosso, laggiù nel prato, che indica l’uscita verso l’invisibile.
(Fabrizio Caramagna)

I fiori – a differenza dei santi – non camminano nel fuoco, non comandano alle montagne, non moltiplicano i pani. Ma come i santi guariscono dal dolore
(Fabrizio Caramagna)

Tornavo dal dolore e un bambino mi chiese che cosa ci fosse lì.
Gli dissi: “è il luogo dove i fiori crescono senza colore e il cielo è un pezzo di vetro che si conficca nel corpo e nell’anima”
(Fabrizio Caramagna)

Eri un fiore sgualcito in mano a coloro che non sapevano tenere un fiore.
Adesso sorridi e splendi quando ti sfioro.
(Fabrizio Caramagna)

Frasi e Aforismi

Frasi e aforismi sul mare d’inverno

Frasi e aforismi sul mare d’inverno, scritti da Fabrizio Caramagna. Tra i temi correlati si veda Frasi e aforismi sul mare e Frasi e aforismi sull’inverno.

Mi piace il mare d’inverno. Lui ci mette le onde, io ci metto i pensieri.
(Fabrizio Caramagna)

Sdraiarsi sulla sabbia del mare d’inverno, aprire le mani al sole e lasciare evaporare l’identità.
(Fabrizio Caramagna)

Ci sono parti di me che esistono solo quando il vento soffia da ponente e il mare è in tempesta e le nuvole scorrono veloci dentro un cielo pieno di stupore e colori strani.
(Fabrizio Caramagna)

Ho la passione per i poeti francesi, per il mare in tempesta, per le risate dei bambini, per la puntina che graffia un disco, per le cose vere.
(Fabrizio Caramagna)

Mare d’inverno.
Il vento freddo che graffia e accarezza. E tu prendi decisioni. Fai scelte. Proteggi desideri e promesse. Ritrovi te stesso nella luce lontana dell’orizzonte.
(Fabrizio Caramagna)

Con il mare abbiamo tante cose da dirci. Sono anche cose vecchie, di quando ero ragazzo e c’era un altro mondo e si credeva che l’estate fosse da vivere per sempre.
Adesso invece c’è l’inverno ma, quando parlo con il mare, sembra che quelle cose siano ancora lì.
Ce le diciamo tra le onde, e sorridiamo, e nessun altro lo sa.
(Fabrizio Caramagna)

Mi chiedo chi conforta il mare quando è in burrasca
e le sirene cercano un rifugio in qualche faro abbandonato.
(Fabrizio Caramagna)

Frasi e Aforismi

Frasi e aforismi sul girasole

Frasi e aforismi sul girasole, scritti da Fabrizio Caramagna. Tra i temi correlati Frasi e aforismi sul sole e Frasi e aforismi sui fiori.

Io vengo da un posto dove l’erba è travolta dalla meraviglia, dove i girasoli crescono fino alla luna e il mare scrive lettere d’amore al cielo.
E tu da dove vieni?
(Fabrizio Caramagna)

Mi sarà sufficiente che in un angolo del mondo ci sia un girasole, un libro e il mare, e il vivere non riuscirà a venirmi a noia.
(Fabrizio Caramagna)

Un campo di girasoli. Una straripante moltitudine di fiori gialli. E pare di sentire un rumore di bocche grandi che bevono avidamente. Sono le bocche dei girasoli che bevono il sole, l’aria, il vento.
(Fabrizio Caramagna)

Sei la persona a cui vorrei raccontare ogni cosa,
mentre sdraiati su un campo di girasoli
guardiamo il nostro cuore battere lassù, nella cassa toracica del cielo
(Fabrizio Caramagna)

Ho bisogno di sapere dove nascondi i tuoi castelli per aria. Fammi vedere la stanza dove conservi la mappa delle cose che non esistono, indicami dove sono i giardini degli unicorni e mostrami come ti prendi cura dei girasoli e li fai crescere fino alla luna.
(Fabrizio Caramagna)

Frasi e Aforismi

Frasi e aforismi sul bucaneve

Frasi e aforismi sul bucaneve, scritti da Fabrizio Caramagna. Tra i temi correlati Frasi e aforismi sui fiori.

Il vero amore è un bucaneve che sopravvive agli inverni più rigidi per poi rifiorire in primavera.
(Fabrizio Caramagna)

Il coraggio del bucaneve.
Aprire la bianca corolla
e farsi strada verso il cielo,
circondato dal ghiaccio e dal gelo.
(Fabrizio Caramagna)

Il grande lavoro inizia. Febbraio decifra, scava il passaggio. Rende percepibili i primi segni della primavera. La pozzanghera vuole farsi cielo, l’albero vuole farsi poesia. Nella pupilla dei bucaneve si leggono i primi messaggi di luce.
(Fabrizio Caramagna)

Frasi e Aforismi

Frasi e aforismi sul pomeriggio

Frasi e aforismi sul pomeriggio, scritti da Fabrizio Caramagna. Tra i temi correlati Frasi e aforismi sulla sera.

Affidare l’orologio della propria vita nelle mani di un figlio, in un pomeriggio di giochi: quando lo si riprende è di nuovo luminoso e segna tutti i secondi
(Fabrizio Caramagna)

Quei giorni di pioggia in cui te ne stai con lei un pomeriggio intero nel letto e ti sembra così strano che il mondo stia accadendo là fuori. Come se il mondo intero fosse in quello spazio tra te e i suoi occhi.
(Fabrizio Caramagna)

Forse il carattere è ciò che si forma in un tardo pomeriggio, quando la delusione ha riempito le nostre mani di specchi infranti, ore perdute e promesse mai avverate.
(Fabrizio Caramagna)

Le tre del pomeriggio d’estate. L’ora calma in cui il mondo appare come un letto immenso e morbido, le nuvole in cielo come leggere montagne da far materassi e guanciali. Anche l’acqua che ondeggia placida sulla riva pare uno strumento che suoni in sordina per favorire il sonno.
(Fabrizio Caramagna)

La formica è instancabile, ma chi è più generoso di una cicala che dona diecimila note in un pomeriggio?
(Fabrizio Caramagna)

Frasi e Aforismi

Frasi e aforismi sul tramonto

Frasi e aforismi sul tramonto, scritti da Fabrizio Caramagna. Tra i temi correlati Frasi e aforismi sulla sera e Frasi e aforismi sull’alba.

Mi piacciono i tramonti pieni di luce, quelli che irrompono da qualche angolo nascosto del cielo e incrinano l’asse terrestre tanto sono spettacolari.
Quelli che ti ricordano perché sei vivo.
(Fabrizio Caramagna)

Oggi un tramonto mi ha messo due lacci di luce intorno al collo. Poi ha tirato forte e, per l’ennesima volta, mi ha folgorato di bellezza.
(Fabrizio Caramagna)

Andiamo a inseguire il tramonto?
Probabilmente ci sfuggirà, incontreremo qualche ostacolo, ma sarà bello fermarsi là
proprio dove la Vita ci stava aspettando.
(Fabrizio Caramagna)

Il giorno e la notte non sono fatti per stare insieme, e litigano e si rincorrono da sempre,
ma quando si fermano e sorridono e per un attimo si toccano,
nascono i tramonti più belli.
(Fabrizio Caramagna)

Che sensibilità il sole: arrossire tutte le sere al momento di tramontare.
(Fabrizio Caramagna)

Il tramonto è come un bambino che apre una confezione di pastelli e si diverte a impiastricciare la faccia di Dio.
(Fabrizio Caramagna)

Ci sono tramonti che non puoi far altro che guardarli e pensare che avrai pur sbagliato tante cose, ma almeno hai i colori che ti meriti.
(Fabrizio Caramagna)

Un tramonto: come se il cielo rovesciasse sul mondo un cestino di farfalle macchiate d’oro, tuorli d’uovo e vetri ardenti.
(Fabrizio Caramagna)

Quando di sera il cielo urta la terra, da quel genere di incontri nascono sempre tramonti, sogni, corse sull’erba e frammenti di linguaggio imbevuti di anima e silenzio.
(Fabrizio Caramagna)

Potremmo fermarci qui, ad aspettare il tramonto da questa terrazza. La brezza leggera. I pensieri che si intrecciano tra le dita e i tuoi capelli mossi. Il collo scoperto e io che sorrido.
(Fabrizio Caramagna)

Oggi mi sono accorto
di quanto si sono allungate le giornate.
E di un cielo
che raccontava al tramonto
quanto fosse vicina l’estate.
(Fabrizio Caramagna)

Mi piace la capacità delle montagne di prolungare un tramonto anche quando non c’è più.
(Fabrizio Caramagna)

Le prime stelle che appaiono nella sera, come se qualcuno avesse gettato una manciata di risate di bambini attraverso il confine del mondo.
(Fabrizio Caramagna)

Ci sono tramonti in cui i nervi e la carne, ebbri di luce,
vogliono farsi anima.
(Fabrizio Caramagna)

Ci sono mille modi per dire “Tramonto”. Non usare sempre le stesse lettere. Che la A è stanca di squillare. La O è stufa di stare sempre alla fine. La T è troppo martellante. Ci sono tante lettere dopo la Z. Scovale, usale. Mettici anche del silenzio. Un po’ di brividi, qualche sogno, dei frammenti di cielo. Chiudi gli occhi e ripeti la parola “Tramonto”. Vedrai che sarà diversa.
(Fabrizio Caramagna)

Non più giorno, non ancora buio.
Il crepuscolo è il tempo di mezzo.
Poi arriva la notte. Apre la porta,
ed entrano le paure, i sogni, le insidie, le ombre e le stelle, tutto
quanto in un caos inestricabile.
(Fabrizio Caramagna)

Oggi al tramonto, il cielo e il mare si sono uniti nello stesso colore, come una stoffa tanto perfetta che non si capisce quale sia il suo diritto e il suo rovescio.
(Fabrizio Caramagna)

Se anche la gioia lasciasse cicatrici. Ognuna il ricordo di un momento bello. “Questa cicatrice, me la sono fatta a 20 anni, davanti a un tramonto”.
(Fabrizio Caramagna)

Una giornata passata a gareggiare con versioni precedenti di me stesso. Ho bisogno di un tramonto, un campo di papaveri e una spalla su cui lasciarmi andare, libero dalla paura di fallire o dalla preoccupazione di riuscire.
(Fabrizio Caramagna)

Non esiste nessun problema che una terrazza e un tramonto sul mare non possano risolvere.
(Fabrizio Caramagna)

Ci potremmo attardare sull’orlo di una giornata qualunque. Aspettare il tramonto. E trovare la leggerezza e lo stupore tra le nuvole arrossate.
(Fabrizio Caramagna)

Il sole al tramonto. Si gira l’ultima volta per controllare che il mondo sia in ordine e che ci siamo tutti. E poi scompare.
(Fabrizio Caramagna)

Frasi e Aforismi

Frasi e aforismi sull’alba

Frasi e aforismi sull’alba, scritti da Fabrizio Caramagna. Tra i temi correlati Frasi e aforismi sul mattino e Frasi e aforismi sul tramonto.

Qualcuno mi ha chiesto di descriverti e io gli ho parlato dell’instante prima dell’alba quando i fiori si aprono e hanno cuori enormi.
(Fabrizio Caramagna)

Al mattino gli uccelli inventano mille canti, uno per ogni riflesso della loro gola illuminata dall’alba.
(Fabrizio Caramagna)

La purezza del suono all’alba. Quando tutti i rumori dormono e l’aria è un conduttore magico di note e respiri e incanti.
(Fabrizio Caramagna)

L’alba ha sul tramonto il vantaggio di essere meno mescolata, meno sottomessa al disordine e all’inquietudine.
L’alba è sempre un’apertura netta sul mondo.
(Fabrizio Caramagna)

All’alba gli alberi e i fiori si svegliano prima di tutti e milioni di braccia si sgranchiscono e distendono in alto, staccano la luce dalla tela dell’universo per adagiarla sul mondo.
(Fabrizio Caramagna)

Il sole dell’alba è più delicato, più tenero. Ha quasi paura di disturbare. Non è come il sole del tramonto che non chiede permesso e ti entra dentro le stanze del cuore e le fa vibrare di nostalgia e maliconia.
(Fabrizio Caramagna)

Toglimi di dosso questa notte, fammi diventare alba.
Spogliami delle paure, vestimi di possibilità.
Solo allora i miei occhi vedranno davvero.
(Fabrizio Caramagna)

Questa poesia ci dichiara colpevoli
di non aver visto l’alba di oggi
e il processo andrebbe esteso
a tutti quelli che l’hanno vista
e hanno fatto finta di niente,
immersi nei loro loro lavori,
nelle loro preoccupazioni,
nelle loro ambizioni.
La pena inflitta
è una condanna all’attenzione,
alla meraviglia,
all’empatia.
Da scontare per le prossime
365 albe.
(Fabrizio Caramagna)

All’alba sul mare un volo di gabbiani.
Recano con sé la chiave con cui aprire il giorno.
(Fabrizio Caramagna)

Frasi e Aforismi

Ti voglio bene – Frasi e aforismi

Ti voglio bene – Frasi e aforismi, frasi e aforismi scritti da Fabrizio Caramagna. Tra i temi correlati Frasi e aforismi sul vero amore.

Ti voglio bene ma mica il bene così, quello semplice. A me piace il Bene, quello fatto di colori e sorrisi giusti e mani tese per aiutare e orecchie che ascoltano e passi che quando sei smarrito ti riportano sulla strada giusta.
(Fabrizio Caramagna)

Bisogna dirli i “Ti voglio bene”. Che a forza di omettere, i sentimenti finiscono dimenticati in qualche cassetto, nelle tasche di un cappotto, in una vecchia lettera mai spedita.
(Fabrizio Caramagna)

Un “ti voglio bene” profuma di cielo e di sorrisi.. e lo respiri come se fosse la parola più bella mai detta.
(Fabrizio Caramagna)

Certi Ti voglio bene sono così luminosi che fanno ombra a un Ti amo.
(Fabrizio Caramagna)

Il sole di dicembre. Pallido come certi ti voglio bene mai detti.
(Fabrizio Caramagna)