Frasi e Aforismi

Frasi e aforismi su domande e risposte

Frasi e aforismi su domande e risposte, scritti da Fabrizio Caramagna. Tra i temi correlati Frasi e aforismi sulla vita.

L’ora dei pensieri notturni che si trasformano in risposte, delle risposte che si trasformano in pensieri.
L’ora in cui capisci alcune domande del giorno.
(Fabrizio Caramagna)

Ogni notte il cielo stellato ci dà miliardi e miliardi di risposte, ma per alcune di esse non esistono ancora le domande.
(Fabrizio Caramagna)

La notte può essere il tesoro di chi sogna o il forziere vuoto di chi fa domande.
(Fabrizio Caramagna)

Fantasmi di “vorrei e non posso” mi appaiono di notte e mi guardano come se aspettassero da me una risposta.
(Fabrizio Caramagna)

L’inquietudine è una lingua dove si fanno solo domande. Punti interrogativi al posto delle virgole.
(Fabrizio Caramagna)

Chiedo alla mia mente di dare risposte. Ma la mente sa fare solo domande. E’ il cuore che dà risposte.
(Fabrizio Caramagna)

Tu sei colei
che metta il calore nella mia mano,
le risposte nelle mia parole,
il cielo nei miei spazi,
l’eternità nei miei istanti.
Tu sei colei
che mette ogni cosa nel suo giusto luogo.
(Fabrizio Caramagna)

Se hai una giornata difficile meglio non girarsi a guardare indietro, le risposte sono tutte avanti.
(Fabrizio Caramagna)

Le domande sono semplici. Da dove vieni? Dove stai andando? Che cosa stai facendo? Che cosa c’è lassù in cielo? Sono le risposte che cambiamo ogni volta. Le risposte sono come migliaia di stelle che ruotano vertiginose. A seconda del luogo e del punto di vista, una risposta si illumina più di altre.
(Fabrizio Caramagna)

Quando è che l’uomo si chiede per la prima volta che cosa è la felicità?
Quando fuori piove e tutti gli ombrelli sono aperti, e dentro di lui c’è un sole luminoso.
E allora l’uomo si fa questa domanda, e sono secoli che non smette di farsela.
Che cosa ci fa questo sole dentro di lui?
(Fabrizio Caramagna)

Passo il tempo a osservarmi, a farmi domande e mi chiedo se anche la balla di fieno nel campo lo fa o se invece rotola e basta, incurante di tutto, senza chiedersi da dove viene la sua ombra e perché il cielo è così bello quando arriva sera e che cosa si dicono le stelle quando nessuno le guarda.
(Fabrizio Caramagna)

Capitano le sere così. Capitano senza che tu l’abbia voluto. E una serie di litigi non pianificati, forse nemmeno pensati, aspetta di succedere da un momento all’altro.
La pace sfuma e l’urlo delle domande che attendono risposta ricomincia.
(Fabrizio Caramagna)

Che cosa vuol sapere la gente? Se è tradita dalla moglie o dal marito, se la figlia si sposa, se il figlio troverà un buon lavoro, se la squadra di calcio del cuore vince la partita. C’è forse qualcuno che va dal cartomante per chiedere che cosa è l’universo e qual è il significato dello stare in questo mondo?
(Fabrizio Caramagna)

La tua non risposta.
Silenzio plurimo aggravato da futili motivi.
(Fabrizio Caramagna)

Mamma è colei che alle prime tue domande – che cos’è il morire, che cos’è il domani – ti risponde con un sorriso luminoso, colei che ti soffia sulle palpebre e fa volare via il buio.
(Fabrizio Caramagna)

Chissà, forse un giorno invecchierò, e i tormenti del mio cuore si placheranno
Non sentirò più la tempesta esplodermi dentro per il troppo sognare.
Non vedrò grandi bolle colorate passare ed esplodere.
Sarò l’ombra di questo groviglio di domande che sono oggi.
E forse avrò finalmente pace
(Fabrizio Caramagna)